tiny-pixel-2

Milan Gamesweek 2016: intervista a Tiny Pixel

589 0

Esistono idee particolari che possono essere concretizzate in diversi modi. Devono averla pensate così i particolari e giovanissimi Tiny Pixel, studio di sviluppo tutto italiano composto da ragazzi con una età media da far impallidire John Romero e John Carmack dei tempi di ID Software che in qualche modo hanno riassemblato una idea già vista e gustata in un altro videogioco: Evolve di Turtle Rock Studio.

In realtà l’analogia con la produzione americana termina nel concetto di gioco, poiché a conti fatti ci troviamo davanti a produzioni estremamente diverse. Boss Defiance è infatti la prima creazione del giovanissimo studios che promette di vestire i panni di un gruppo di prodi cavalieri intenti a sconfiggere un singolo boss. Il tutto è mosso da un motore grafico in due dimensioni che in realtà si stanzia a metà tra un 8-bit e uno squisito 16-bit in ambientazioni medievali che vanno a ricordare i Dungeon Crawler dei tempi che furono. A rendere le cose più belle vi è la possibilità di giocare il titolo in Local Multiplayer, in pieno stile retrò. A tal proposito non sono poche le produzioni indipendenti che hanno scelto di intraprendere la strada del multiplayer locale e non li biasimo: la bellezza di giocare fianco a fianco con i propri amici magari bisticciando con loro durante la partita non ha prezzo.

bossdefiance_promo31
La Pixel Art di Boss Defiance è davvero stilosa

La filosofia che ha portato Tiny Pixel alla creazione di Boss Defiance è però una sola: creare il gioco che i giovanissimi sviluppatori piacerebbe giocare ed è proprio per questo motivo che ci ha colpito. Niente è stato lasciato al caso e tutto corrisponde ai gusti dello sviluppatore, che ha voluto esprimere il suo talento in un titolo dalla semplice ideazione, ma dalla profondità promettente. Il classico caso di un titolo “Easy to learn, hard to master”.

Abbiamo voluto incontrare i Tiny Pixel nel corso del Milan Gamesweek 2016, dove abbiamo intervistato il Pixel Artist in persona per comprendere al meglio i segreti di Boss Defiance.

Se volete saperne di più, non dovete far altro che premere “Play” al video qui in basso:

 

Di seguito il trailer del gioco:

AgosRogger

AgosRogger

Tosto come un Krogan, gli piace essere graffiante e provocante per scoprire cosa il lettore pensa dei suoi strani pensieri da filosofo videoludico. Adora i lupi, gli eventi atmosferici estremi, il romanticismo e Napoleone.