La Babysitter

La babysitter – La Recensione Dal regista di Terminator Salvation un film da vedere senza informazioni

9614 0

Cole è il tipico ragazzo 13enne timido e impacciato, una sera i suoi genitori decidono di lasciarlo a casa e come babysitter chiamano Bee una ragazza più grande, bellissima e nerd, durante la sera Cole decide di rimanere sveglio per vedere cosa fa la babysitter quando lui va a dormire, ma quello che scoprirà sarà molto diverso da quello che si aspettava.

Premessa iniziale, che poi forse se state leggendo queste righe forse è già troppo tardi, se volete vedere La babysitter fatelo al buio, non proseguite con la lettura e non guardate il trailer.

La Babysitter

Il film diretto da McG ( dello speriamo dimenticato Terminator Salvation ) e distribuito da Netflix è un Comedy horror sulla falsa riga dei classici slasher teen anni 90 come ” scream ” oppure “So cosa hai fatto”, preparatevi quindi a venire sommersi da personaggi stereotipati,sangue finto e gag più o meno riuscite, ma almeno ha il pregio di non prendersi mai sul serio.

Nel cast attori non di prima linea come il giovane Judah Lewis, Robbie Amell, Hana Mae LeeBella Thorne, però a svettare su tutti è Samara Weaving, che più che per le doti attoriali spicca per una certa somiglianza con la molto più nota Margot Robbie.

Non siamo di certo alle prese con un film imperdibile, ma con uno di quei filmetti tranquilli che salvano da una serata di noia e che ben si accompagnano con birra gelata e popcorn.

Marcello Portolan

Uno strano mix genetico sperimentale allevato a fumetti & fantascienza classica, divenuto poi perito informatico, ma con la passione per la scrittura. Un ghiottone che adora esplorare il mondo in cerca di Serie TV e Film da guardare noncurante dei pericoli del Trash e dello splatter.