Il successo su Kickstarter di Shemnue 3 è frutto di un accordo, involontario, con SEGA

1169 0

L’annuncio di Shemnue 3 all’E3 2015 è stato uno shock per tutti: sia perché è stato davvero inaspettato, ma soprattutto perché un progetto di tale importanza sarà concretizzato grazie all’esclusivo volere dei videogiocatori, dato che sarà finanziato grazie alla piattaforma di Crowfounding più diffusa: Kickstarter.

shenmue-trademark-canceled-in-us-due-to-inactivity_f6s5
Non è un caso che il primo She,nue, uscito nel ’99 su Dreamcast, sia diventato subito una icona proibita: il gioco permetteva di interagire con tutto e tutti!

Il presidende di Sony Computer Entertainment World Wide, Shuhei Yoshida, si è espresso in merito alla posizione intrpresa da Sony durante l’E3 2015, dichiarando espressamente che l’idea di creare una campagna di crowdfounding per Shemnue 3 è stata una diretta idea di SEGA successiva a un clamoroso accordo (praticamente segreto) con Yu Suzuki, creatore della celebre serie, mentre la presenza di Shemnue 3 sul palco dell’E3 2015 è stata organizzata e finanziata da Sony stessa, dando una incredibile spinta all’intero progetto.

Tale scelta da parte di Sony non è però stata di certo opera di beneficenza, l’ha fatto per un motivo molto semplice: “Buona Pubblicità“.

Al momento Shemnue 3 è una esclusiva Playstation 4, ma SEGA non ha escluso la possibilità di farlo approdare anche su altre piattaforme.

 

E bravo il mio Yoshida!

 

 

Marco Masotina

Tosto come un Krogan, gli piace essere graffiante e provocante per scoprire cosa il lettore pensa dei suoi strani pensieri da filosofo videoludico. Adora i lupi, gli eventi atmosferici estremi, il romanticismo e Napoleone.