[NdM] Giugno 2015:Marco Di Timoteo

953 0

Noi di Project Nerd siamo lieti di annunciarvi un nuovo appuntamento mensile: il “Nerd del Mese”.

Ogni mese intervisteremo per voi un Nerd D.O.C. cercando di capire se si sente o non si sente Nerd.

Per il mese di Giugno 2015 iniziamo con marco Di Timoteo! Che di Nerd se ne intende un bel pò, essendo lui stesso un “creatore” (o “facilitassero”) di Nerd. Andiamo a capire come mai!

Iniziamo con la scheda da Nerd!
[nerd_del_mese id=”201506″]

Marco: Ciao ragazzi! Sono super onorato per questa intervista 🙂

unnamedDaniel Mars: In primis i complimenti per Syder Arcade! Un successo meritatissimo per un titolo che racchiudere decine di riferimenti da nerdacci quali siamo! Vi aspettavate una risposta così positiva?

Marco: In realtà Syder è un po’ una tigre di carta. È vero che tra Steam e i bundle abbiamo distribuito un bel po’ di copie, ma allo stesso tempo questo tipo di vendite al ribasso aiutano pochissimo gli sviluppatori, dal punto di vista economico intendo 🙂
Beh, comunque con Syder abbiamo imparato molto. E da come era partita, l’esclusione iniziale da Steam ed il Greenlight che è durata un anno, non ci aspettavamo che alla fine il gioco avrebbe avuto una diffusione tale.

Spadin: Marco, riesci a riassumere in 2 parole la storia dello Studio Evil?

Marco: Studio Evil è il risultato di molti anni di lavoro e studio notturno. Fin da adolescenti abbiamo coltivato il sogno di creare un’azienda per creare videogiochi, anche se tutti per strade diverse. Il caso e la costante perseveranza hanno portato gli astri ad allinearsi in maniera favorevole nell’estate del 2011, quando abbiamo finalmente fondato Studio Evil. L’idea iniziale era di fare un action­rpg spaziale tipo Star Control II (o SPAZ per i giovanotti), multiplayer, ma poi abbiamo fatto Syder Arcade.

Spadin: Attualmente da quante persone è composta lo studio evil?

Marco: 7. No, davvero, 7.

390026_10150451661147752_53377347_nDaniel Mars: Aldilà del numero fortunato, vista la qualità di Syder Arcade, ero convinto foste di più! Qual’è il “credo” della vostra squadra? Ne avete uno?

Marco: Il nostro credo, se così si può dire, è di fare videogiochi a cui vorremmo giocare. Che detta così pare una cosa semplice … 🙂

Spadin: E quale sarà il prossimo allora?

Marco: Il prossimo sarà sicuramente Super Cane Magic ZERO, non possiamo far aspettare troppo i fan di Sio dopo il gigantesco supporto che ci hanno dato col crowdfunding.

Spadin: Raccontaci di più di Super Cane Magic Zero.

maxresdefault-2Marco: L’idea di Super Cane Magic ZERO è nata in occasione di Lucca Comics & Games, quando ci è stato proposto di ideare un gioco da sottoporre alla gente in forma di campagna crowdfunding. Abbiamo provato a coinvolgere Sio nella nostra idea per aggiungere al nostro contributo ‘games’ una componente ‘comics’, e fortunatamente l’idea gli è piaciuta molto! La campagna è stata gestita dalla piattaforma italiana Eppela e in un mese siamo riusciti a raccogliere praticamente il doppio del nostro obbiettivo iniziale. Adesso stiamo sviluppando il gioco vero e proprio e tra qualche mese potrete finalmente provare i frutti del nostro lavoro.

 

Daniel Mars: Cosa occorre per diventare un’azienda che sviluppa videogiochi in Italia?

game-developers-studio-evilMarco: Intanto servono degli sviluppatori! Programmatori, grafici, game designer e via dicendo, persone che abbiano studiato e possibilmente fatto esperienza. Ci vogliono poi un po’ di fondi da investire, per attrezzatura, licenze e per pagare gli stipendi nei primi mesi di sviluppo. E ci vuole anche tanta voglia di fare e forza di volontà, perché è un lavoro pieno di imprevisti e cercare di risolverli impiega una bella fetta di tempo di un team di sviluppo.

Daniel Mars: Sappiamo qual’è il vostro videogioco preferito ma… Quello che proprio non vi piace?

Marco: Di quelli famosi proprio non riesco ad apprezzare GTA. Riconosco che tecnicamente e dal punto di vista del marketing sia un capolavoro, ma davvero, non riesco a farmelo piacere

Daniel Mars: Quali sono i vostri obiettivi con Super Cane Magic Zero?

Marco: Realizzare un bel gioco, che rispetti i nostri standard di qualità e sia soprattutto divertente e coinvolgente. E poi vogliamo creare qualcosa che soddisfi i fan di Sio, riproponendo il suo stile e la comicità in una forma nuova.

Daniel Mars: Cosa devono aspettarsi i fan?

Marco: Tanti personaggi del mondo di Scottecs, ma anche tanti riferimenti a vecchi giochi che hanno appassionato sia noi che Sio. Super Cane Magic ZERO sarà un gioco per tutti, ma non sarà facile. Ci vorrà una bella dose di impegno per guidare il protagonista fino alla fine.

Spadin: Ti senti nerd? se sì, cosa ti fa essere un nerd?

Marco: Il fatto che amo le mie passioni oltre il limite consentito dagli standard sociali 🙂

Spadin: Cosa vuoi dire ai nostri internauti che ti leggono?

Marco: Don’t panic!

Ringraziamo Marco per l’intervista e ricordiamo i riferimenti dello Studio Evil:

Sito: Studio Evil

Facebook: https://www.facebook.com/studioevil

Twitter: @STUDIOEVIL

Canale Youtube

Iarin Fabbri

Iarin Fabbri

Spadin (alias Iarin Fabbri) è uno dei fondatori di Project Nerd. E' socio fondatore di Webbare.it che è l'azienda che si occupa di tutto lo sviluppo software e montaggi video e grafica per Project Nerd. Spadin è esperto di retrogaming e comics, più che esperto, possiamo definirlo memoria storica, e si tiene informato sulle serie tv e i cine-comics