Square-Enix è conscia di aver deluso i fan con il nuovo Tomb Raide

887 0

Rise of Tomb Raider è il secondo capitolo della celebre serie dedicata a Lara Croft dopo lo splendido reboot sviluppato da Crystal Dynamics e pubblicato nel corso del 2013. Che cosa ha di speciale? Oltre a uscire per sole piattaforme di nuova generazione, con un conseguente upgrade tecnico, il titolo uscirà in esclusiva temporale su Xbox One mentre approderà su ps4 e probabilmente Pc mesi dopo. Questa decisione è stata intrapresa da Square-enix stessa dopo una lunga consultazione con Crystal Dynamics successiva a una allettante proposta da parte di Microsoft di aiutare gli sviluppatori nel progetto, ma c’è di più.

Rise-Tomb-Raider-Shot-01
Il mondo videoludico è carico di aspettative per Rise of Tomb Raider
2fc278a28d6743f540aaa1b0e183f4a3
Phil Rogers

Phil Rogers, CEO delle divisioni occidentali di Square-Enix, ha infatti dichiarato che la società era ben conscia di andare contro i fan intraprendendo la decisione di una esclusiva temporanea, ma la passione di Microsoft verso il progetto e la buona volontà che gli sviluppatori di Redmond hanno dimostrato nei confronti del nuovo Tomb Raider, ha convinto la società nipponica a dare una chance all’azienda di Zio Bill, centrando l’obiettivo di uno sviluppo fluido nella massima capacità espressiva.

 

Che Phil Rogers abbia semplicemente accennato ai bonifici che Microsoft ha eseguito nei confronti di Square-Enix? Con il materiale a disposizione è difficile dirlo, ma sembra che Microsoft stia effettivamente lavorando duro per dimostrare che la sua console è capace di ospitare giochi splendidi come quello che si preannuncia essere Rise of Tomb Raider.

Le risposte le avremo nei primi mesi del prossimo anno.

Marco Masotina

Marco Masotina

Tosto come un Krogan, gli piace essere graffiante e provocante per scoprire cosa il lettore pensa dei suoi strani pensieri da filosofo videoludico. Adora i lupi, gli eventi atmosferici estremi, il romanticismo e Napoleone.