A GabeN piace il Cross-Platform

1998 0

Nei giorni scorsi sia Microsoft chee Sony si sono espresse positivamente riguardo alla possibilità di rendere cross-platform il multiplayer dei titoli di terze parti. Al momento Rocket League conta di essere il primo e unico esemplare capace non solo di collegare Pc e Playstation 4, ma anche i giocatori Xbox One che da qualche settimana sono entrati nel circolo vizioso del titolo di Psyonix.

A tal proposito si è espresso anche Gabe Newell, meglio noto come GabeN, il dio degli dei e portatore di luce del mondo videoludico. Recentemente si è proposto riguardo la possibilità di cross-platform totale tra le varie piattaforme tutt’ora attive nel mercato videoludico, posizionandosi a netto favore per queste nuove possibilità. GabeN da sempre promuove sistemi interconnessi, d’altra parte Steam poggia la sua filosofia proprio sulla compatibilità completi sui diversi sistemi operativi più diffusi al mondo. Nonostante alcune indiscrezioni nel 2014 volevano una Steam Machine creata proprio con l’hardware Xbox One, GabeN sembra voler investire nella direzione del cross-platform.

1751318 Gabe Newell in una delle sue apparizioni mistiche

In realtà il Vapore sarebbe la piattaforma che più gioverebbe del Cross-Platform, poiché i giocatori Pc sono abituati a cambiare hardware e quindi piattaforma di riferimento. Tuttavia, le opportunità di business sarebbero legate soprattutto al mondo multiplayer, ove free-to-play di sorta potrebbero prenderne il sopravvento (e ciò è da evitare). L’industria videoludica non muove mai i suoi passi se non vi è un tornaconto certo ed è questo il motivo per cui è stata una software house indipendente a creare il primo titolo Cross-Platform completo, sebbene non è il primo a mettere in comunicazione utenza console e pc. L’industria è pronta a fare questo grande salto? I consumatori non chiedono altro, ma il capitalismo potrebbe frenare il tutto.

A me sinceramente non fa ne caldo ne freddo, ma sapere che l’acquisto di un titolo terze parti mi potrebbe offrire la possibilità di giocare in multiplayer con amici che possiedono sistemi di intrattenimento diversi eliminerebbe un gran bel problema e permetterebbe l’acquisto senza pensieri di una moltitudine di videogames. Alla fine, quanti di noi si ritrovano nella situazione di dover giocar da soli solo perché si ha acquistato una console diversa?

Marco Masotina

Marco Masotina

Tosto come un Krogan, gli piace essere graffiante e provocante per scoprire cosa il lettore pensa dei suoi strani pensieri da filosofo videoludico. Adora i lupi, gli eventi atmosferici estremi, il romanticismo e Napoleone.