GTA VI a Tokyo, finalmente

1230 0

GTA VI a Tokyo? Fantastico!


 

La serie Grand Theft Auto è una serie davvero particolare. Nel tempo è riuscita a rinnovarsi in modi più o meno spavaldi e contemporaneamente è riuscita a rivoluzionare l’intero panorama videoludico dapprima con l’introduzione del concetto di Open World moderno e successivamente con un motore grafico davvero potentissimo. Tuttavia a tempi alternati, Rockstar produce un Grand Theft Auto per la massa, quindi con meccaniche di gioco consolidate e popolari e successivamente crea un GTA sperimentale con nuove feautures ancora da testare. E’ il caso di GTA 3 e GTA IV, i quali si sono dimostrati capaci di cambiare per sempre la reputazione della serie e le sorti della storia videoludica.

Tecnicamente, dopo che GTA V si è dimostrato un ottimo gioco di massa, è giusto iniziare a pensare che Rockstar stia preparando un Grande Furto D’auto sperimentale e forse i rumors vogliono confermare questa intuizione.

1_grand_theft_auto_chinatown_wars

Rockstar ha già esplorato l’oriente

Tokyo potrebbe essere la nuova destinazione della serie. Nonostante i primi rumors parlassero di un GTA VI che avrebbe ricreato l’intera nazione statunitense collegando tutte le città americane ricreate, sembra quotata l’idea che Rockstar stia ricercando un modo per ambientare il sesto capitolo ufficialmente enumerato nella capitale nipponica. Secondo alcuni dipendenti R, già ai tempi di GTA 3 lo studios cercò di ricreare una copia videoludica della città, ma l’insufficiente potenza di calcolo non avrebbe permesso una buona riuscita del progetto. Insomma, provate a immaginare il traffico di Tokyo, le sue luci, le sue strade intricate e i suoi giganteschi grattacieli: sarebbe stato difficile creare qualcosa ad effetto su Ps2.

Fortunatamente le tecnologie si sono evolute e sembra che Tokyo possa ora esser ricreata nel miglior modo possibile. Si tratta di creare una ottima atmosfera credibile, non tanto una città enorme e dettagliata, ricercando di ricreare la vita brulicante della nuova EDO. Tuttavia la domanda sorge spontanea: se GTA nasce come critica alla società occidentale e americana, che tematiche potrebbe affrontare nella cittadina di Tokyo?

Ed è proprio con questo quesito che ho compreso la natura sperimentale del possibile progetto, perché un Grand Theft Auto ambientato a Tokyo sarebbe davvero qualcosa di nuovo e già da adesso dannatamente interessante.

Marco Masotina

Marco Masotina

Tosto come un Krogan, gli piace essere graffiante e provocante per scoprire cosa il lettore pensa dei suoi strani pensieri da filosofo videoludico. Adora i lupi, gli eventi atmosferici estremi, il romanticismo e Napoleone.