Comicspopoli 2016: espansione inarrestabile

2477 2

Essenzialmente ogni fiera o manifestazione che sia, vive un ciclo di vita molto lungo nel quale si espande o si riduce a seconda dell’interesse del pubblico. Nel mondo dei comics e dei videogiochi, sono vari gli esempi di fiere nate in angusti spazi anche casalinghi e poi divenute sempre più grandi tanto da inglobare intere città, ma sono pochi quegli eventi che riescono a ingrandirsi e quindi ad attrarre più pubblico in breve tempo.

Tra questi vi è sicuramente Comicspopoli, l’evento comics cardine della cittadina romagnola di Forlimpopoli arrivato quest’anno alla sua terza edizione. Una terza edizione, a detta degli organizzatori, più grande, più vivace e soprattutto molto più Nerd ed esauritasi lo scorso 2-3-4 Settembre.

comicspopoli-2016-1
La migliore edizione di sempre

 

LO SPAZIO CHE CI VUOLE

Ogni italiano sa che vive in un paese meraviglioso. In ogni cittadina o paesello si nasconde sempre un qualche monumento storico che va a rimembrare alle popolazioni odierne importanti eventi del passato. Nel caso di Forlimpopoli non parliamo di una statua o di una sontuosa scultura, bensì di una intera Rocca posta al centro della città. Voluta da Egidio Albornoz e costruita quasi al limitare del 14° secolo, la rocca gode di ottima salute e rispetto da parte di paesani e visitatori e un tanto splendore non poteva che essere il fulcro di tutta la manifestazione.

Comicspopoli di fatti ruotava letteralmente attorno all’imponente e suggestiva struttura, con una gestione degli spazi ottimale e molto studiata. Stiamo infatti parlando di una fiera che da “locale”, è riuscita a diventare qualcosa di più grande, di più regionale. Noi di Projectnerd non siamo stati alle precedenti edizioni, ma tutti coloro che abbiamo fermato per chiedere informazioni erano concordi nell’affermare che fosse l’edizione più grande e suggestiva di sempre. Io medesimo sono sempre molto attento alla gestione spaziale di stand e padiglioni, poiché da frequentatore di innumerevoli eventi di questo tipo riconosco quanto possa essere frustrante rimanere imbottigliati. Nel caso di Comicspopoli il flusso di persone è stato sapientemente moderato, complice anche una assistenza totale in tutta l’area espositiva. Da lodare invece il Palco Centrale, posto al centro della Rocca e di fianco al Teatro di Forlimpopoli, tra le altre cose utilizzato per varie conferenze.

tonani festa
Le occasioni di festa non sono mancate a Comicspopoli

 

UNA PICCOLA LUCCA

 

Una cosa che mi è davvero piaciuta di Comicspopoli, è stata la sua attitudine moderna nel permettere al pubblico di conoscere in prima persona gli autori delle loro opere preferite. Molte volte in fiere del settore mi accorgo di essere circondato da soli negozi. Perfetto, il commercio è fondamentale in una manifestazione di questo tipo e credo che sia giusto così. Ma sono in pochi coloro che comprendono l’importanza di organizzare conferenze e incontri capaci sia di coinvolgere il pubblico, ma soprattutto di avvicinare lo stesso alla realtà quotidiana dei loro scrittori/fumettisti/autori preferiti.

Le conferenze non sono state poche e tutte sono state interessanti. Tanti infatti sono stati gli ospiti, tra cui Dario Tonani, importante scrittore di fantascienza approdato anche nella collana “Millemondi” della prestigiosa Urania, il Character Designer Yoshioka Satoshi venuto dal Giappone direttamente per Comicspopoli, il simpatico vignettista satirico Gianfranco Tartaglia alias “PASSEPARTOUT”, l’incredibile e avveniristico autore Steampunk Roberto Cera, il suggestivo e artistico Giuseppe Festa, finanche il gruppo musicale “I Raggi Fotonici” celebri per la loro attività musicale legata alle sigle di cartoni animati, il mitico Leonardo Graziano, la voce di moltissimi personaggi da noi amati tra cui Naruto e all’appello non sono mancati Alex Chen e i The Feel, passati alla storia come il primo gruppo K-POP italiano.

Quelli che ho citato sono in realtà una piccolissima parte di tutti gli ospiti presenti a Comicspopoli 2016. Da questo punto di vista, una vera soddisfazione.

IMG_20160904_130658914
Le conferenze sono state tutte interessanti. Nei prossimi anni devono però essere valorizzate di più e accogliere più pubblico

 

SUSHI, SPADE e VAPORE

 

A impreziosire l’offerta di Comicspopoli sono stati eventi esterni  direttamente collegati all’evento e padiglioni a tema. Importante la presenza di Hiro Shoda, Chef rinomato per lo Show Cooking “Ciao, sono Hiro” i cui piatti hanno sicuramente sfiziato il palato dei fortunati presenti alla sua conferenza dedicata nella deliziosa Scuola di Cucina “Casa Artusi”. Hiro è molto bravo anche a intrattenere il pubblico, ecco perché la sua tavola/conferenza è stata divertente, brillante e interessante da seguire. Sempre rimanendo in tema Japan, da lodare è sicuramente la sezione dedicata alla cultura del Sol Levante, la quale offriva nuove visioni del mondo nipponico attraverso gioielli, cibo e anche attraverso l’allevamento di quei tenerissimi cani giapponesi dal pelo arancione: gli  Shikoku e i Kishu.

hiro
Il simpatico Chef Hiro ha deliziato i palati dei fortunati presenti [Foto foodconfidential.it]
A intrattenere il pubblico vi era anche una “zona combattimenti” che ha conquistato grandi e piccini in duelli all’ultimo tocco ove scontrarsi con altri principianti o maestri. Dove c’è azione c’è anche Prizmatec, approdati a Comicspopoli con uno stand proprio e ancora una volta travolti da un successo tutto meritato. Thanos ha fatto la sua comparsa nelle vie della manifestazione, affascinando e divertendo i presenti con lunghe e possenti passeggiate: impossibile resistergli!

Tutti coloro che invece volevano ricercare qualcosa di più calmo, hanno potuto manifestare la loro attitudine intellettuale in vari modi: la mostra dedicata al Bonsai ha permesso ai diretti interessati di osservare le varie forme degli alberelli più piccoli e misteriosi al mondo, mentre la mostra omaggio al Signore degli Anelli ha portato in fiera pezzi da collezione rarissimi grazie all’intervento di Oronzo Cilli, importante collezionista delle opere di Tolkien e Gianluca Comastri, linguista specializzato nelle lingue inventate dal Professore Britannico.

thanos 1
Nessuno resiste al fascino di Prizmatec e dei suoi costumi!

 

L’INESPERIENZA DEGLI ESPERTI

Come è giusto che sia, vi è anche il rovescio della medaglia. In questo caso penso si tratti di pura e “semplice” inesperienza. Se è vero che le scorse edizioni sono state più sobrie, piccole e quindi facili da gestire, il fatto che l’intera fiera si sia ingrandita ha portato non poche grane agli organizzatori. In realtà tutto è andato per il meglio, le uniche difficoltà si sono registrate nella gestione delle conferenze degli ospiti invitati. Nella giornata di sabato, le difficoltà si sono sentite per lo più nel rispetto degli orari delle numerose conferenze presentate al pubblico. Tra slittamenti e annullamenti, si è precipitati per un breve lasso di tempo in un regime caotico poi trattenuto con un colpo di mano dalla dirigenza organizzativa. Penso che queste difficoltà siano state frutto di una concentrazione di risorse avanzata in fase di studio spaziale e commerciale che ha quindi sottratto potenzialità a quelle che alla fine sono state le occasioni più interessanti di tutta la manifestazione.

Per quanto riguarda la gestione spaziale, seppur ottima, devo osservare che l’area Steampunk è stata relegata a un ponte di passaggio forse troppo stretto, non permettendo ai visitatori si soffermarsi sul ben di Dio portato dagli appassionati Steampunk a Comicspopoli: avrebbe meritato uno spazio più docile e opportuno.

sakura 1
Una delle tante volontarie dello Staff

 

Riconosco le difficoltà e riconosco il fatto che questa edizione è stata la prima a fare davvero sul serio da questo punto di vista, pertanto le mie parole sono un invito a migliorare proprio questo aspetto: una ottimale gestione delle conferenze può portare Comicspopoli nell’olimpo delle migliori fiere italiane.

Tuttavia volevo fare anche il mio plauso a tutti i volontari che hanno aiutato noi di PjN a muoverci correttamente all’interno dell’evento. Grazie a un plotone di giovani tutti disponibili a qualsiasi tipo di aiuto, siamo riusciti a ottenere materiale prezioso e soprattutto a risolvere qualsiasi tipo di imprevisto.

Pertanto si: le difficoltà ci sono state e nei prossimi anni devono assolutamente essere risolte, ma l’organizzazione non è mai rimasta a guardare ed è sempre rimasta disponibile nel risolvere i problemi emersi durante l’evento.

 

IN THE CONCLUSION

Comicspopoli è l’esempio lampante di come avvicinare il pubblico appassionato ai loro “eroi” sia una attitudine vincente e gratificante, nonché il miglior modo per crescere e soprattutto espandere la cultura Nerd in tutta la Penisola. A Comicspopoli ci siamo divertiti molto e il nostro stand è andato davvero alla grande. Abbiamo conosciuto di persona moltissime personalità e fatto amicizia con i grandi del settore e questo ci gratifica tantissimo. I problemi ci sono stati, ma solo di carattere tecnico: per il resto tutto è andato per il meglio, complice anche un tempo atmosferico magnifico che ci ha donato un sole splendidamente caldo.

Sicuramente ci saremo all’edizione 2017 e non vediamo l’ora di scoprire che cosa ci riserverà la prossima edizione.
Se siete invece curiosi di sapere che cosa abbiamo fatto durante le due giornate di Comicspopoli, non dovete fare altro che rimanere nelle pagine di PjN: decine e decine di interviste e conferenze stanno per approdare nel sito!

IMG_20160903_103701095_TOP
L’anno prossimo ci saremo, Sicuro!
Marco Masotina

Marco Masotina

Tosto come un Krogan, gli piace essere graffiante e provocante per scoprire cosa il lettore pensa dei suoi strani pensieri da filosofo videoludico. Adora i lupi, gli eventi atmosferici estremi, il romanticismo e Napoleone.

There are 2 comments

  1. Manuel Snrub Piubello
    Manuel Snrub Piubello |

    La foto finale è una ciliegina marcia su una bellissima torta confezionata e dedicata a Comicspopoli (lo dico perché sono io la ciliegina!

Comments are closed.