Top 7 Flop tecnologici del 2016

1687 0

Non tutte le ciambelle escono con il buco, il 2016 è stato sicuramente un anno molto proficuo nel mondo della tecnologia, un anno si caratterizzato da innovazioni e grandi passi avanti, ma anche decisamente pieno di situazioni e prodotti imbarazznti che non sono riusciti a mantenere le promesse.

Ecco una lista di quelli da noi selezionati.

 

7-LG G5.

lg_g5

il G5 è la classica idea realizzata con troppa leggerezza, il telefono in se non è affatto male è fluido e la doppia fotocamera posteriore di cui una a 180 gradi è un ottima idea, sarebbe stato quindi un ottimo terminale (il migliore dal G2) se non fosse che LG per motivi sconosciuti ha deciso di renderlo modulare.

Nulla di così assurdo, il problema sta però nell’implementazione del tutto.

Il G5 ha si una batteria ancora removibile nonostante la scocca interamente in metallo come la moda attuale vuole, ma 2700 mha sono inadatti a gestire un display 2k rendendo l’autonomia davvero frustrante.

Quello però che mi ha fatto inserire questo telefono che ripeto al di fuori dell’autonomia rimane ottimo, è l’idea con la quale LG lo ha voluto rendere modulare che obbliga l’utente a estrarre la batteria con conseguente spegnimento del telefono.

I moduli stessi poi risultano estremamente costosi e poco utili dal lato pratico, soprattutto se paragonati a quelli che Lenovo ha pensato per Moto z che grazie alla sua furba implementazione dei moduli (che vengono attaccati tramite un magnete sul retro del telefono) rimane l’unico vero top di gamma semi-modulare del 2016.

 

6-Apple Airpods

og

Sorvoliamo su tutta la questione Jack da 3.5 relativo ai nuovi Iphone, saltiamola a piedi pari e pensiamo molto semplicemente che Apple abbia voluto lanciare sul mercato un paio di cuffie senza fili per i propri dispositivi.

Dunque io mi sarei immaginato delle cuffie con archetto di ottima fattura con un bel design, di certo non delle testine da spazzolino elettrico vendute a 180€.

Mi sembra assurdo che l’azienda Californiana non abbia minimamente pensato quanto due auricolari separati sprovvisti di microfono per le chiamate e molto piccoli possano essere facilmente perdibili.

Quello però che mi ha convinto ad inserirli in questa lista è principalmente il prezzo.

A 30€ circa si trovano degli ottimi auricolari come le Xiaomi Hybrid, e a 60€ si trovano delle ottime cuffie senza fili come le AKG Y50BT, ammetto di non aver provato il prodotto di casa Apple, ma trovo incredibilmente difficile che esso possa superare come qualità del suono i due prodotti sopra elencati.

5-No Man’s Sky

nomanssky-header

Credo di poter tranquillamente sorvolare sulla descrizione del prodotto, bene o male tutti voi sapete di cosa stia parlando.

4-Gestione Azzardi Di CS:GO

798d09e829ef4eb35c5d004f39f73c11

Counter Strike Global Offensive ha avuto un esplosione mediatica incredibile durante l’anno, diventando un vero e proprio caso per via di certi “furbetti” che hanno trasformato il mercato delle skin grazie a qualche Youtuber conosciuto ed un fenomeno virale, in un giro di scommesse milionario.

Valve ha fatto finta di nulla fino a quando non si è vista costretta dagli eventi e qualche denuncia n.d.r. a rivedere le proprie politiche a riguardo, rendendo estremamente rigido il suo mercato interno e tentando di occultare i siti più famosi come csgo lounge.

L’incapacità ed il ritardo dell’azienda hanno però portato il fenomeno ad un livello tale che nulla è cambiato e lo testimonia il sito in questione, ancora molto attivo.

La situazione è sfuggita dalle mani di tutte quelle persone che hanno provato a regolarla e pare inarrestabile.

3- Note 7

samsung-note-7-esploso

Samsung solitamente ci ha abituato a lanciare i suoi phablet successivamente al top di gamma e quest’anno non ha fatto eccezione con il note 7.

Un telefono dotato di un ottimo display, riconoscimento dell’iride, probabilmente la miglior fotocamera sul mercato, dunque perchè si trova in questa lista?.

Nelle ore successive al lancio, il top di gamma dell’azienda Coreana ha letteralmente preso fuoco.

Da un caso che inizialmente sembrava isolato se ne sono verificati molti altri, Samsung inizialmente ha negato l’accaduto; ma dopo le troppe e numerose segnalazioni è stata costretta a valutare la situazione, rilanciando sul mercato una versione “rivista” e sicura della sua ultima creazione.

Effettivamente il Note 7 aveva un importante difetto di progettazione sulla batteria, ma la sua versione “sicura” distribuita successivamente per preservare un minimo l’immagine aziendale pure.

Ed ecco così che dopo l’evacuazione di un intero aereo a causa di un Note “sicuro” in fiamme, Samsung si è vista costretta a ritirare il terminale dal mercato e a costringere i suoi possessori al rimborso  per evitare ulteriori danni ai clienti e alla sua immagine.

Ancora oggi a distanza di mesi in alcuni aeroporti vi sono cartelli che vietano espressamente l’utilizzo di questo telefono.

 

2-Fuga Dati Yahoo!

yahoo_logo

Cinquecento milioni di utenti si sono i propri dati trafugati da hacker di origine ignota, l’attacco risalente a fine 2013 è stato considerato il più grande di tutti i tempi.

Proprio quando nel mezzo la società stava valutando di essere acquistata da Verizon, la quale si è subito fatta indietro dopo l’accaduto.

Il bottino composto da dati sensibili,e-mail,numeri di telefono, indirizzo e password è stato venduto recentemente a tre persone per un totale di novecento milioni di dollari.

Semplicemente un caso unico che dovrebbe far riflettere su quanto alla leggera lasciamo dati su Internet e su quanto nessun sistema è sicuro.

 

1-La realtà virtuale

vr-refresh-tech-set

Questo doveva essere l’anno del VR, doveva essere l’anno della diffusione di massa di questa tecnologia rivoluzionaria in grado di cambiare le sorti del panorama videoludico.

Dati alla mano, il tutto somiglia fin troppo ad un fuoco di paglia, il visore stesso di Sony quello più atteso dagli analisti perchè lanciato ad un prezzo relativamente competitivo ed ad un pubblico molto ampio attualmente prende polvere nelle case e nei magazzini.

La rivoluzione tecnologica tanto annunciata semplicemente non c’è stata, soprattutto a mio parere per la mancanza di software. Puoi lanciare il miglior visore sul mercato ma se poi l’unica cosa che ci puoi fare è vagare per stanze virtuali o giocare a videogiochi dalla poca profondità e durata, presto finirà a prender polvere.

E questa è solo la punta dell’iceberg di una tecnologia che semplicemente è ottima (soprattutto per i giochi di guida) ma non convince le persone ad aprire il portafogli.

La realtà Virtuale è il vero flop di questo 2016.

valecant

404 Ottimismo Not Found.