Pandemia

Recensione – Pandemia – Una nuova Sfida

2605 0

Pandemia – Una nuova Sfida

Il mondo è in pericolo, 4 epidemie si stanno rapidamente diffondendo nelle principali città mondiali, un team di specialisti è l’unica possibilità di salvezza dell’umanità.

Con queste premesse tutt’altro che allettanti iniziamo la nostra avventura in Pandemia – Una nuova Sfida, un gioco di Matt Leacock, cooperativo da 2 a 4 giocatori.

Cooperativo, infatti in Pandemia o si vince tutti insieme o si perde tutti insieme, l’obiettivo del gioco di per se’ è semplice, bisogna debellare tutte le epidemie prima che siano fuori controllo. Come fare? Beh quello è un po’ meno semplice ma vediamo insieme regole e struttura del gioco.

Pandemia

Parliamo di un gioco strutturato con tabellone e carte, nel tabellone avremo la mappa mondiale con i collegamenti tra le principali città del mondo.

Le carte invece son divise in carte giocatore (48 Carte Città, 6 Carte Epidemia, 5 Carte Evento) e carte contaminazione.

A queste naturalmente vanno aggiunte le carte personaggio (7 personaggi giocabili, ognuno con le proprie abilità speciali uniche), le pedine giocatore, i cubetti malattia (divisi in 4 colori da 24 pezzi), le stazioni di ricerca e i segnalini cura, focolaio e livello di contaminazione.

Vediamo in sintesi le regole, i giocatori dopo aver scelto il proprio personaggio, collocheranno sul tabellone di gioco una stazione di ricerca nella città di Atlanta che da questo momento ospiterà il quartier generale del CCM, il Centro Controllo Malattie, posizionando nella stessa città anche le pedine giocatore.
Fatto questo, posizioniamo i segnalino focolaio sulla scala focolai sullo 0, il segnalino livello di contaminazione nella relativa scala sul 2 e i segnalini cura sotto le relative malattie.

Pandemia

Mescolare le Carte Contaminazione e rivelarne 3. Collocare 3 Cubi Malattia del colore corrispondente su ognuna di queste città.

Scoprire altre 3 carte: collocare 2 Cubi Malattia su ognuna di queste città. Scoprire altre 3 carte: collocare 1 Cubo Malattia su ognuna di queste città. (Quindi un totale di 18 cubi va collocato sulle città, ognuno corrispondente al colore della città in questione). Collocare queste 9 carte a faccia in su nella Pila degli Scarti di Contaminazione. Le altre Carte Contaminazione andranno a comporre il Mazzo di Contaminazione.

Rimuovendo le carte epidemia, si distribuiscono le carte giocatore iniziali
– Partita a 2 giocatori 4 carte a testa
– Partita a 3 giocatori 3 carte a testa
– Partita a 4 giocatori 2 carte a testa

Dopo di che alle restanti vengono aggiunte le carte epidemia (nel regolamento viene consigliato per le prime partite di mettere solo 4 carte epidemia in modo da prendere dimestichezza con le meccaniche di gioco), queste formeranno il mazzo giocatori.

A questo punto ogni giocatore esaminerà le Carte Città incluse nella propria mano, il giocatore con la città che ha la popolazione più elevata gioca per primo.

Ogni giocatore nel proprio turno dovrà:

1. Svolgere 4 azioni.
2. Pescare 2 Carte Giocatore.
3. Contaminare le città

Quando un giocatore ha concluso la contaminazione delle città, il turno passa al giocatore alla sua sinistra, essendo un gioco cooperativo i giocatori possono consigliarsi liberamente tra loro chiunque può offrire opinioni e pareri. Tuttavia, è sempre il
giocatore di turno a decidere cosa fare.

La mano di un giocatore può essere composta sia da Carte Città che da Carte Evento. Le Carte Città si usano per
compiere certe azioni e le Carte Evento possono essere giocate in qualsiasi momento. Un giocatore a fine turno può avere massimo 7 carte, in quel caso deve scartare le eccedenti.

Ogni giocatore può svolgere fino a 4 azioni per turno.
Il giocatore può eseguire la stessa azione più volte, nel qual caso ogni volta conta come 1 azione. Le capacità speciali del ruolo di un giocatore potrebbero alterare il modo in cui egli svolge un’azione. Alcune azioni prevedono che il giocatore scarti una carta dalla sua mano; tutti questi scarti finiscono nella Pila degli Scarti dei Giocatori.

AZIONI DI MOVIMENTO
Guidare/Navigare
Il giocatore si muove dalla città in cui si trova fino a una città collegata da una linea bianca.
Volo Diretto
Il giocatore scarta una Carta Città per muoversi fi no alla città indicata sulla carta.
Volo Charter
Il giocatore scarta la Carta Città corrispondente alla città in cui si trova per muoversi in una qualsiasi altra città.
Volo in Navetta
Il giocatore si muove da una città dotata di una Stazione di Ricerca fino a un’altra città dotata di una Stazione di Ricerca.

ALTRE AZIONI
Costruire una Stazione di Ricerca
Il giocatore scarta la Carta Città corrispondente alla città in cui si trova per collocare una Stazione di Ricerca in quella città.
Scoprire una Cura
Presso una qualsiasi Stazione di Ricerca, un giocatore scarta 5 Carte Città dello stesso colore dalla propria mano e cura la malattia di quel colore. Sposterà il Segnalino Cura della malattia sul relativo Indicatore delle Cure Scoperte. Se nessun cubo di questo colore è presente sul tabellone, questa malattia è debellata. in questo caso gira il corrispondente Segnalino CuraPandemiaArginare Malattia
Il giocatore rimuove 1 Cubo Malattia dalla città in cui si trova. Se la malattia di quel colore è stata curata, il giocatore rimuove tutti i cubi di quel colore dalla città in cui si trova.
Condividere Conoscenze
È possibile dare o ricevere da un altro giocatore una carta città a patto di trovarsi entrambi nella città indicata dalla carta.

Dopo avere eseguito 4 azioni, il giocatore pesca le prime 2 carte dal Mazzo dei Giocatori. Se, al momento di pescare ci sono meno di 2 carte nel Mazzo dei Giocatori, la partita termina e la squadra ha perso

CARTE EPIDEMIA

Se un giocatore pesca una o più Carte Epidemia (raro ma è possibile pescarne 2), deve svolgere le seguenti azioni immediatamente i seguenti passi in quest’ordine:

  1. Incremento: Sposta il Segnalino Livello di Contaminazione in avanti di 1
  2. Contaminazione: Pesca la carta in fondo al Mazzo di Contaminazione. A meno che la malattia del colore corrispondente non sia stata debellata, mette 3 Cubi Malattia di quel colore sulla città indicata. Se su quella città sono già presenti dei cubi di questo colore, aggiunge invece soltanto i cubi che mancano per portare questa città a 3 cubi di quel colore, dopodiché si verifica un focolaio di questa malattia all’interno della città. Questa carta deve essere poi scartata nella Pila degli Scarti di Contaminazione.
  3. Intensificazione: Il giocatore rimescola solo le carte della Pila degli Scarti di Contaminazione e le colloca sopra il Mazzo di Contaminazione.

Pandemia

CONTAMINAZIONI
Si pescano dalla cima del Mazzo di Contaminazione un numero di Carte Contaminazione pari all’attuale Livello di Contaminazione. Dopo di ché si posiziona un cubo malattia su ciascuna città indicata nella carta a seconda del colore della stessa. Queste poi andranno messe nel mazzo scarti di contaminazione.

FOCOLAI

Quando su una città su cui son già presenti 3 cubi malattia di un colore, andrebbe posizionato un altro cubo dello stesso colore, non lo si posiziona, parte infatti una diffusione della malattia che riguarderà tutte le città con cui questa è collegata, quindi posizioneremo 1 segnalino malattia dello stesso colore in ciascuna di esse e si farà avanzare di uno l’indicatore focolai (se in una di queste son già presenti 3 cubi, si ha un altra diffusione a partire da quella città).

Se non sono presenti sufficienti cubi malattia di un colore o se il segnalino focolai raggiunge l’ultimo indicatore, la partita è conclusa con la sconfitta della squadra.

Fine del Turno

Una volta eseguito tutte queste operazioni, il turno passa al giocatore alla propria sinistra. In qualsiasi momento, a parte tra la pesca e la risoluzione di una carta, può essere usata una carta evento, questa non conta come azione.

FINE DELLA PARTITA

Se i giocatori riescono a curare e debellare tutte e 4 le epidemie, vincono la partita.

Conclusioni:

Che dire di Pandemia… è un gran gioco, mai scontato, infatti anche quando tutto sembra girare per il meglio, basta una carta Epidemia sulla città sbagliata che dalla quasi vittoria si passi alla sconfitta più dolorosa. Non è molto complicato e con pochissime partite anche i neofiti dei giochi da tavolo potranno apprezzarlo.

Ti fa stare sempre all’erta e i cambi di strategia possono esserci quasi ogni turno, l’importante è formare una squadra equilibrata con le giuste abilità (molto utile la scienziata che può trovare la cura per la malattia scartando 4 carte dello stesso colore invece di 5). Consigliato sia per casual gamers che giocatori abituali, per lunghe serate all’insegna del gioco da tavolo o per una partita e via (anche se vi posso garantire, dopo una sconfitta avrete voglia o di bruciarlo o di fare un’altra partita immediatamente).

Sono presenti alcune varianti e espansioni, una molto particolare in quanto ci si può giocare una sola partita, suddivisa in 12 sessioni (ogni sessione può essere ripetuta una volta) praticamente ogni sessione equivale ad un mese, alla fine della dodicesima il gioco è finito e non potrete più giocarci perché ogni sessione influenzerà le seguenti in modo permanente (ogni sessione può durare ore, quindi non pensate sia uno spreco, ma sarà praticamente un appuntamento con i vostri amici per continuare la partita).

Cos’altro posso dirvi… correte a provarlo!

 

Ignazio Piras

Ignazio Piras

Da che ha ricordi... ricorda di essere un NERD

There are 1 comments

Comments are closed.