Fractal Define Nano S recensione: il piccolo che si crede grande (e lo è)

1671 0

Pensavate di non poter leggere una nuova “puntata” di Project Hunter, vero? Lo so: vi stavate disperando. Alla fine tutti quanti vogliono leggere la rubrica ultra high-tech per eccellenza. Il ritardo in questo caso è stato conseguenza del fatto che abbiamo dovuto lavorare moltissimo per offrirvi le migliori interviste e le migliori recensioni direttamente dal Play 2017 di Modena, pertanto abbiamo deciso di pubblicare questa nuova recensione Hardware nel momento giusto.

Questa volta andremo a parlare di un case in formato mignon, ma dalle grandi potenzialità. Parlo del Fractal Define Nano S, un case MINI-ITX molto particolare che, come scoprirete in questa recensione, si crede davvero un “grande“. Per una esperienza ottimizzata vi consiglio di guardare la videorecensione qui di seguito proposta e di iscrivervi al canale di Project Hunter magari condividendo i video sui social o coi vostri amici.

Ma bando alle ciance e iniziamo.

ESTETICA

In realtà l’estetica è il vero punto debole del Define Nano S, o almeno per me. Personalmente trovo il design del case fin troppo minimale, tant’è che a tratti sfonda nel banale. In poche parole ci si trova davanti a un parallelepipedo quasi perfetto, ove gli spigoli accentuati e le forme compatte lo rendono piccolo e uniforme.

Il pannello frontale, anzi, superiore, offre un grande interruttore circolare per l’accensione del computer corredato da un piccolo tasto reset, dalle USB 3.0 e dai due jack per le cuffie. L’idea è quello di far sembrare il Define Nano S razionale e soprattutto votato alla praticità più totale, ma quello che in realtà restituisce è una impressione anonima e di poco conto.

E’ però toccando con mano il case che si comprendono le sue vere qualità. Il Nano S è infatti robusto come pochi altri case presenti sul mercato e offre un telaio di acciaio elettrozincato spesso e molto duro. Piacevole al tatto, la verniciatura di colore nero è stata gettata sul case creando un effetto “nervatura” simile all’acciaio non lavorato il che dona una idea ancor più massiccia e resistente al Define Nano S. In ogni caso, posto su di una scrivania bene in ordine, l’opera dell’azienda scandinava acquisisce un senso spaziale tutto suo.

In definitiva Fractal ha creato un case effettivamente sostanziale nella sua resa estetica, ma dannatamente duro e resistente: un po’ come le macchine di una volta.

1b1c9482-0270-4a3f-8f15-1b8e6d4f72891
Il Define Nano S non è un capolavoro di design, ma è decisamente resistente ed è capace di occupare una dimensione spaziale tutta sua

COME SI STA DENTRO?

E qui veniamo al bello. Il Define Nano S è un case MINI-ITX, quindi adatto ad hardware di piccole dimensioni e diretto a quei consumatori a cui piacciono le cose piccole o che semplicemente hanno bisogno di occupare poco spazio (come nel mio caso). Sono molti i case proposti in questa fascia di mercato, molti dei quali offrono una gestione spaziale molto limitata che non permette l’utilizzo di hardware ad alta potenza.

A tal proposito gli scandinavi di Fractal hanno deciso di prendere le migliori peculiarità dei migliori case ATX e di portarle all’interno di un case MINI-ITX cercando di non scendere a compromessi. Quello che hanno ottenuto è un case dall’airflow eccezionale conseguenza del fatto che all’interno ci sta davvero di tutto.

Certamente la limitazione più grande sta nella scelta della scheda madre, che ovviamente deve essere di standard MINI-ITX (altrimenti che senso avrebbe?). Per il resto ci si comporta letteralmente come un case ATX dalle normali dimensioni. Ci sta infatti di tutto: dalle schede grafiche più grandi fino a 315mm, ai dissipatori per CPU alti fino a 16 centimetri con supporto dedicato per 2 slot SSD verticali e uno spazio dedicato a un HDD meccanico, cable management ottimizzato con feritorie gommate all’interno del case e lacci dedicati e ventole di sorta sparse in giro per tutto il piccolo Nano S.

In poche parole il Fraclat Define Nano S è un case MINI-ITX che offre una esperienza di utilizzo pari a quella di un case ATX, letteralmente.

f028dde5-5152-44ba-81e0-639b04b184941
Il Define Nano S offre una esperienza di utilizzo pari a quella di Case ATX

COSA CI ABBIAMO MESSO DENTRO?

Abbiamo provato a metterci dentro un po’ di tutto e siamo sempre rimasti soddisfatti dei risultati. Con questo Fractal è possibile gestire al meglio tutti i cavi dei componenti presenti all’interno del pc e non ci si deve preoccupare nè dell’airflow, ben ottimizzato e soprattutto pensato per coprire tutti i componenti nel modo più corretto, e nemmeno della grandezza dei componenti dato che le dimensioni interne del case permettono di sbizzarrirsi in tal senso.

Ci ha colpito il fatto che il Nano S sia insonorizzato e non è cosa da poco per un case MINI-ITX. Gli ingegneri di Fractal sono riusciti a trovare spazio per i pannelli fonoassorbenti, ma tale non è l’unico dettaglio che ci ha colpito in positivo. Grazie ai due “cassettini” anti-polvere non bisognerà nemmeno avere paura nell’uttilizzare schede grafiche “aspirapolvere” come le proposte di Gigabyte con dissipatore Windforce (le cui tre ventole risucchiano qualsiasi chicco di polvere).

Tuttavia pensiamo che per sfruttare al meglio il design del Nano S sia meglio utilizzare un dissipatore a liquido piuttosto che un grosso dissipatore ad aria come il Cooler Master MasterAir Maker 8 che, per quanto possa essere bello vedere un dissipatore enorme in un case di piccole dimensioni, potrebbe risultare scomodo nella sua manutenzione ordinaria.

170049-d2d6c1473085748a261199b104ecbb16-8f05aba5d7ff9e915ff2f3df3cd119bd-16001
Nel Define Nano S ci sta dentro davvero di tutto, anche i grandi dissipatori ad aria. Attenzione però a non esagerare: potreste pentirvene con la manutenzione ordinaria

 

IN THE CONCLUSION

Il Fractal Define Nano S è un case che bada al sodo senza dimenticare la qualità. Non è un case bello o quanto meno non offre un design davvero ricercato, seppur minimale nelle sue forme. E’ però pensato per essere assolutamente razionale e soprattutto per offrire una esperienza MINI-ITX premium e del tutto simile a quanto offerto dai migliori case ATX. Lo spazio a bordo non manca e fatta eccezione per la scheda madre (che deve essere per forza di cose di piccole dimensioni), dentro al case ci si può inserire di tutto con la sicurezza di essere sempre nei limiti del possibile grazie a un airflow ottimizzato e ben ingegnerizzato.

Dettagli come i cassettini anti-polvere, i pannelli fonoassorbenti, l’acciaio spesso, la presenza di ventole Fractal dedicate nonché della presenza di lacci e feritorie gommate per un cable management ottimizzato ci hanno davvero colpito, mentre la nostra esperienza di utilizzo è stata davvero ottima.

Non sarà il più bel case da vedere, certo. Ma alla fine quel che conta è che il Fractal Define Nano S è un case che riesce benissimo nel suo intento di essere “grande” pur essendo piccolo piccolo e probabilmente il miglior case della sua categoria.

Consigliato.

f1ef3be5-839f-4d95-9aa3-5dbe268848171

  • Design
  • Robustezza
  • Spazio
  • Dotazione
4.5

In Breve

Il Define Nano S è un case adatto a coloro che vogliono un computer di piccole dimensioni senza scendere a compromessi troppo azzardati. E’ un prodotto solido, robusto e con molti dettagli premium che offrono una esperienza alla pari dei case più grandi.

Marco Masotina

Tosto come un Krogan, gli piace essere graffiante e provocante per scoprire cosa il lettore pensa dei suoi strani pensieri da filosofo videoludico. Adora i lupi, gli eventi atmosferici estremi, il romanticismo e Napoleone.