Thimbleweed Park Recensione: stile retrò d’onore

1291 0

 

L’ ultimo Capolavoro di Ron Gilbert

 

Thimbleweed Park è un avventura grafica punta e clicca in stile LucasArts, un prodotto nostalgico prodotto dal creatore di pietre miliari come Maniac Mansion e la saga di Monkey Island. Ron Gilbert, grazie al crowdfounding di Kickstarter, ha dato vita ad un mondo in pixel art le cui atmosfere surreali di una provincia sospesa in un perenne crepuscolo sembrano riprendere la celebre serie di Twin Peaks, mentre i due protagonisti principali,  Angela Ray e Antonio Reyes, ricordano Dana Scully e Fox Molder di X-Files.

Per farla breve, i due agenti federali arrivano in città per indagare sull’ omicidio di un misterioso personaggio. Tuttavia, sin dalle prime battute si intuisce che gli stessi agenti sono mossi da ragioni e interessi che nella prima fase del gioco rimangono oscuri. Presto, alle vicende dei due federali si intersecano quelle di Delores Edmund, nipote del magnate di Thimbleweed, di suo padre Franklin, e di Ransom il Clown costretto a vivere nella cittadina a causa di una maledizione. La storia è ricca di intrecci e di humor, i dialoghi sfondano spesso la quarta parete per ironizzare sul mondo delle avventure grafiche, al quale non mancano riferimenti e chicche come la celebre testa del navigatore di Monkey Island.

thimbleweedpark-charactersatvista

Il Gameplay è quello classico delle avventure Lucas: una griglia coi verbi che permette di interagire con gli oggetti. Difficile forzare la soluzione dei puzzle utilizzando “tutto con tutto”, dato che gli oggetti vengono divisi negli inventari di tutti e cinque i protagonisti. Gli enigmi richiedono la solita dose di creatività ed ironia per essere risolti e concorrono alla piacevolezza di un’ avventura che non fa rimpiangere i classici della Lucas. È Possibile giocare a due livelli di difficoltà: uno casual e l’ altro Hard. Il consiglio per non perdere buona parte dei puzzle e la suspense della storia è quello di provare prima la versione difficile e poi eventualmente passare a quella semplificata.

Concludendo, il gioco è coinvolgente, i dialoghi e le battute divertenti mentre la scelta della grafica in vga aggiunge fascino ad una storia che può catturare l’ interesse degli amanti del genere. Thimbleweed Park è uscito il 30 Marzo del 2017 è acquistabile su Steam, Gog e anche per xbox one.

thimbleweedpark-ransome-crying