Nerd Nostalgia Canaglia: I Samurai

1903 0

Ciao a tutti amici di Project Nerd, come ogni Giovedì rieccoci qui con la rubrica Nerd Nostalgia Canaglia.

Il life motive della puntata saranno i Samurai, infatti parleremo di vari manga e anime degli anni 80 e 90, che avevano come protagonisti i nostri amati spadaccini.

Nonostante i Samurai furono di fatto mandati in pensione con la restaurazione meiji (o rinnovamento a seconda delle traduzioni) quindi circa nel 1870, il Giappone è rimasto legato al concetto di Samurai ed al loro codice etico (bushidō).

Sono tutt’ora fonte di ispirazione per Film, Serie TV e Manga.

Noi da buoni nostalgici faremo una rapida cavalcata tra i Manga e Anime che hanno caratterizzato la nostra infanzia e che ci hanno fatto conoscere e amare questi “soldati”.

Se nella puntata dedicata ai robottoni vi ho deliziato con alcune chicche su Goldrake, in questa non posso essere da meno: infatti uno dei primi “Anime”, risalente al 1917, è infatti dedicato ai Samurai, Hanawa Hekonai meitō no maki infatti è un cortometraggio anime diretto da Jun’ichi Kōuchi (un pittore, disegnatore e animatore giapponese) e vede per la prima volta l’utilizzo della scala dei grigi per la realizzazione delle ombreggiature. Essa narra la storia umoristica di un samurai che acquista una nuova spada, scoprendo però che è già spuntata. Naturalmente non è mai stato portato in Italia.

Samurai

Una delle serie più conosciute in Italia è naturalmente Yoroiden Samurai Torūpā, “I 5 Samurai”. Come molti di voi sapranno questa serie, porta i samurai ai giorni nostri, in una lotta contro le tenebre comandate dal perfido Harago.

Nonostante la serie, come detto sia ambientata in un Giappone moderno, i richiami e gli omaggi ai grandi samurai del passato sono davvero tanti. Basti pensare che i nomi e le armature dei nostri eroi, non sono altro che dediche a 5 delle più grandi casate di Samurai. Le armature dei samurai rappresentano i cinque elementi tipici della tradizione nipponica (aria, acqua, fuoco, terra e luce). Oltre a ciò, gli spiriti della terra che spesso vengono citati, sono la trasposizione degli spiriti maligni di varie leggende orientali. Anche le torri e i palazzi che appaiono e che vengono visitati nel corso delle avventure sono luoghi tipicamente tradizionali, rivisti secondo le esigenze della trama.

Samurai

Un altro anime che forse chi è prossimo agli “anta” come me ricorderà con piacere è L’invincibile shogun titolo italiano di Manga Mitokōmon ovvero “Mitokomon a fumetti”, giacché è ispirata ad un personaggio storico del Giappone medievale, ovvero Tokugawa Mitsukuni signore, più precisamente ‘daimyo’ di Mito tra il XVII e il XVIII sec. e soprannominato appunto Mitokomon.

Samurai

La serie non ha come protagonista principale un samurai, ma ci mostra il fedele soldato, viaggiare insieme allo Shogun (in incognito) nei paesi sotto il suo controllo, trovandosi coinvolti in qualche vicenda da districare e risolvere. Il tutto si risolveva sempre con la frase.

In questo anime rivediamo la “morale” cioè l’insegnamento di fine puntata, di cui vi ho già parlato in una rubrica precedente.

Un altro manga e anime che racconta le vicende di un samurai è “Rurōni Kenshin: Meiji kenkaku romantan” in italia Kenshin Samurai Vagabondo. Purtroppo in Italia non è mai arrivata l’anime, ma soltanto il manga e gli OAV e secondo me non ha avuto il successo che merita.

Si raccontano le vicende di Kenshin Himura, un samurai che nel 10° anno del Governo Meiji, viaggia per il Giappone usando la sua sakabato (una katana con la lama sul dorso) con la tecnica Hiten Mitsurugi Ryu per difendere i più deboli per espiare le sue colpe. Infatti durante la rivoluzione era chiamato Battosai Himura, spietato assassino grazie al quale, i rivoluzionari di Chōshū riescono a sovvertire il governo, facendo partire la rinnovazione Meiji.

Samurai

Oltre ad avere una bellissima trama e ottimi disegni, questo manga si contraddistingue dagli altri per la fusione tra Storia e finzione, infatti a differenza de “I cinque Samurai” non ci sono citazioni o richiami, ma alcuni dei personaggi sono realmente esistiti. Basti pensare che anche Himura è parzialmente basato sul personaggio storico dell’hitokiri (letteralmente macellatore di uomini) Kawakami Gensai, in più compaiono personaggi storici come ministri e persone influenti nel Giappone post rivoluzione, con un ruolo particolare per Hajime Saito capitano del terzo battaglione degli Shinsengumi.

Come dicevo in Italia non ha avuto il successo che questa serie meritava, visto anche il successo nelle altre nazioni, come Francia, Inghilterra e Stati Uniti. In Giappone sono stati prodotti anche 2 film in live action, che raccontano la prima parte del manga leggermente rivisitata e la parte centrale, si parla di un terzo film, visto che nel secondo non si è avuto un finale della saga raccontata.

Questi sono solo alcuni dei manga e anime ispirati ai Samurai, che ci hanno accompagnato negli anni, fino ad arrivare ai più recenti come Hakuouki Shinsengumi Kitan, Sengoku Basara, Vagabon,che con i loro racconti ci hanno fatto conoscere e amare il soldato giapponese per eccellenza, quel Samurai che molti di noi da bambini sognavano di poter essere, magari giocando con un bastone che diventava un affilatissima katana.

Anche questa edizione volge al termine, alla prossima settimana!

 

 

 

Ignazio Piras

Ignazio Piras

Da che ha ricordi... ricorda di essere un NERD