parker vol 1

Parker Vol 1 – Il Cacciatore – Recensione

1452 0

Parker Vol 1 è l’ennesima prova di stile di un gigante come Darwyn Cooke!

Questo Parker Vol 1 è un brossurato di 144 pagine, formato 16x21cm (come l’originale versione americana) al prezzo di 7,50€. Per maggiori informazioni visitate il sito della Editoriale Cosmo.

STORIA

parker vol 1

Parker è un criminale, un ladro, un’assassino senz’anima, freddo, cinico e determinato. Lo hanno tradito, gli hanno rubato i suoi soldi e la sua donna. Lo credevano morto. Si sbagliavano di grosso. E adesso la pagheranno tutti e a caro prezzo…

Questo è il primo volume della strepitosa opera di noir/hard-boiled del grande Darwyn Cooke che adatta magistralmente il primo romanzo del compatriota Richard Stark (da noi sconosciuto in Italia).

La sintesi narrativa ( e grafica) di Cooke è a livelli altissimi. I dialoghi sono taglienti e mai banali. Le didascalie mai pesanti e sempre al momento giusto, ricche di antefatti e informazioni che arricchiscono la storia e il personaggio oscuro e maledetto di Parker che è tratteggiato magnificamente dall’autore che non cade mai nel banale ma abusato errore di retorica: è cattivo ma nel profondo ha un cuore d’oro.

NO!!

Parker è cattivo. PUNTO.

Vuole ciò che gli spetta di diritto e per questo farà qualsiasi cosa, senza tanti moralismi e riflessioni etico-religiose.

Si torna nella giungla d’asfalto e anche qua vige una sola regola: il pesce più grande mangia il pesce più piccolo.

DISEGNI

parker vol 1

Darwyn Cooke però non è solo un grande narratore ma proprio un grande artista. Il suo segno segue la lezione dei giganti della nona arte: Harvey Kurtzman, Milton Caniff e Jack Kirby (altro grande allievo ma nell’animazione è Genndy Tartakovskij padre di Samurai Jack, Il Laboratorio di Dexter, Le Superchicche ecc…).

Il suo segno è potente e gioca per sottrazione: non si ricerca la ricchezza del dettaglio e delle forme ma si asciuga ogni cosa sino ad avere uno stile molto retto, tagliente e duro ma il tutto viene ammorbidito e acquista volume grazie ad una inchiostrazione che è il vero asso nella manica per l’autore.

Le prime 20 pagine poi ci testimoniano la grande capacità sequenziale di questo gigante.

Riccardo Maggi

Un giullare alla corte di Internet...