Quentin Tarantino: riemerge una vecchia intervista in cui difende Polanski, “la tredicenne voleva fare sesso con lui” In una vecchia intervista del 2003, il regista di "Pulp Fiction" ha difeso il collega Polanski, lasciandosi andare a dichiarazioni non "politically correct"

22053 0

Come i social media ci hanno insegnato, una volta che la macchina del fango è entrata in azione, è pressoché impossibile fermarla. In questi giorni tocca al regista Quentin Tarantino.

Dopo essere stato accusato di aver messo in pericolo la vita di Uma Thurman e essere stato insultato da Asia Argento, qualcuno ha fatto riemergere una vecchia intervista in cui il noto regista difendeva dalle accuse di stupro il suo collega Roman Polanski.

Nell’intervista che Tarantino ha rilasciato nel 2003, il regista afferma che la vittima tredicenne di PolanskiVoleva averlo”.

Polanski fu arrestato nel 1977 per numerosi reati, incluso lo stupro effettuato con l’uso di droghe, perversione, sodomia, atti lascivi e lascivi su un soggetto di età inferiore a 14 anni. Il regista fuggì dal paese dopo essere stato dichiarato colpevole di stupro contro un minore.

“Non ha violentato una tredicenne”

ha affermato tarantino nell’intervista dissotterrata, quando gli è stato chiesto dal giornalista Howard Stern, perché l’ambiente di Hollywood continuasse a sostenere Polanski.

“Era uno stupro statutario. Non è esattamente la stessa cosa. … Ha fatto sesso con una minorenne, va bene. Quello non è stupro. Per me, quando usi la parola stupro, parli di violenza”.

Dopo queste dichiarazioni, il co-conduttore di “The Howard Stern Show”, Robin Quivers, ha interrotto il regista per ricordargli che il sesso non era consensuale, la ragazza “aveva 13 anni”.

Tarantino ha quindi ribattuto dicendo:

“Non è così, lei voleva farlo.”

Quivers rispose a tarantino asserendo che Polanski avrebbe potuto evitare problemi stando lontano dalla tredicenne e Tarantino rispose “gli piacciono le ragazze”.

“Gli piacciono le bambine” ribatterono i giornalisti.

Leggi Anche: Accuse a Tarantino, il regista risponde a Uma Thurman

Tarantino che ha ammesso che se la vittima fosse stata sua figlia “lo avrebbe picchiato a morte.” Ma la vittima nel caso di Polanski, ha detto, “era stata ad una festa con Roman“.

I rappresentanti di Tarantino sono stati contattati ma non hanno risposto alle numerose richieste di commentare questa faccenda.

Giulia Cascella

Giulia Cascella

Giurista cinefila, classe 1990. La grande passione per il cinema mi ha accompagnata nei temibili anni adolescenziali, dove brufoli e amori platonici si sono mescolati ai protagonisti del grande schermo. Ho curato la regia di alcuni video pubblicitari e scattato diversi servizi fotografici.