Weinstein: la polizia di New York è vicina all’arresto Harvey Weinstein potrebbe venir arrestato proprio in giornata, al Nypd manca solo il via libera del procuratore generale.

8952 0

Il New York Police Department è pronto ad arrestare Harvey Weinstein.

Weinstein, come oramai tutti sappiamo, è il produttore hollywoodiano caduto in disgrazia in seguito alle innumerevoli accuse di molesti e violenze ricevute da tantissimi donne e vip dello spettacolo.

La news arriva direttamente dai media USA che citano funzionari del Nypd, affermando che contro Weinstein sono state raccolte “prove considerevoli” nel corso di questi, prove che configurerebbero diversi reati di stupro. La polizia stà soltanto aspettando la decisione finale del procuratore Cyrus Vance, che molto probabilmente arriverebbe in giornata.

Ricordiamo che anche la compagnia di Weinstein è praticamente finita in bancarotta, come anche il suo matrimonio con la famosa stilista di moda Georgina Chapman che è naufragato proprio in seguito agli scandali dei mesi scorsi.

Leggi anche: l’ex compagnia cinematografica non verrà salvata per colpa di alcune menzogne

Ironia della sorte (o forse no), il tutto stà succedendo proprio l’8 Marzo, in coincidenza con la festa delle donne.

Leggi anche: il divorzio vale 300mila dollari all’anno

Il produttore (che tra gli altri, seguiva e promuoveva in prima persona i film del suo grande amico Tarantino) era appunto sposato con la stilista Georgina Chapman a cui lascia circa 300mila dollari all’anno e diverse proprietà, oltre ovviamente alla custodia dei figli.

Per farvi capire la grandezza e la potenza che aveva questo uomo, riportiamo di seguito alcune delle sue produzioni:

  • Blue in the Face, regia di Paul Auster e Wayne Wang (1995)
  • The Faculty, regia di Robert Rodriguez (1998)
  • Shakespeare in Love, regia di John Madden (1998)
  • Malèna, regia di Giuseppe Tornatore (2000)
  • Gangs of New York, regia di Martin Scorsese (2002)
  • Full Frontal, regia di Steven Soderbergh (2002)
  • Grindhouse, regia di Quentin Tarantino, Robert Rodriguez, Eli Roth, Rob Zombie e Edgar Wright (2007)
  • Nine, regia di Rob Marshall (2009)
  • Marilyn (My Week with Marilyn), regia di Simon Curtis (2011)
  • One Chance – L’opera della mia vita, regia di David Frankel (2013)
  • Crouching Tiger, Hidden Dragon: Sword of Destiny, regia di Yuen Wo Ping (2016)
  • The Current War, regia di Alfonso Gomez-Rejon (2017)
  • Una vita al massimo (True Romance), regia di Tony Scott (1993)
  • Scream, regia di Wes Craven (1996)
  • Robinson Crusoe, regia di Rod Hardy e George Trumbull Miller (1997)
  • Heaven, regia di Tom Tykwer (2002)
  • Darkness, regia di Jaume Balagueró (2002)
  • Babbo bastardo (Bad Santa), regia di Terry Zwigoff (2003)
  • Fahrenheit 9/11, regia di Michael Moore (2004) – Documentario
  • Ella Enchanted – Il magico mondo di Ella (Ella Enchanted), regia di Tommy O’Haver (2004)
  • Le avventure di Sharkboy e Lavagirl in 3-D (The Adventures of Sharkboy and Lavagirl 3-D), regia di Robert Rodriguez (2005)
  • Sicko, regia di Michael Moore (2006) – Documentario
  • The Mist, regia di Frank Darabont (2007)
  • Halloween – The Beginning (Halloween), regia di Rob Zombie (2007)
  • Grindhouse – Planet Terror (Planet Terror), regia di Robert Rodriguez (2007)
  • Grindhouse – A prova di morte (Death Proof), regia di Quentin Tarantino (2007)
  • Una squadra molto speciale (The Longshots), regia di Fred Durst (2008)
  • The Reader – A voce alta (The Reader), regia di Stephen Daldry (2008)
  • Zack and Miri Make a Porno, regia di Kevin Smith (2008)
  • Killshot, regia di John Madden (2008)
  • Halloween II, regia di Rob Zombie (2009)
  • Capitalism: A Love Story, regia di Michael Moore (2009) – Documentario
  • Bastardi senza gloria (Inglourious Basterds), regia di Quentin Tarantino (2009)
  • The Fighter, regia di David O. Russell (2010)
  • Butter, regia di Jim Field Smith (2011)
  • The Artist, regia di Michel Hazanavicius (2011)
  • Marilyn (My Week with Marilyn), regia di Simon Curtis (2011)
  • Django Unchained, regia di Quentin Tarantino (2012)
  • Il lato positivo – Silver Linings Playbook (Silver Linings Playbook), regia di David O. Russell (2012)
  • Dark Skies – Oscure presenze (Dark Skies), regia di Scott Stewart (2013)
  • Sin City – Una donna per cui uccidere (Sin City: A Dame to Kill For), regia di Robert Rodríguez e Frank Miller (2014)
  • Big Eyes, regia di Tim Burton (2014)
  • Paddington (2014)
  • Carol, regia di Todd Haynes (2015)
  • Scream – serie TV (2015)
  • Sing Street, regia di John Carney (2016)
  • Hands of Stone, regia di Jonathan Jakubowicz (2016)
  • Lion – La strada verso casa (Lion), regia di Garth Davis (2016)
  • Six – serie TV (2017- in corso)
  • Amityville – Il risveglio (Amityville: The Awakening), regia di Franck Khalfoun (2017)
  • Tulip Fever, regia di Justin Chadwick (2017)
  • The Upside, regia di Neil Burger (2017)
Iarin Fabbri

Iarin Fabbri

Spadin (alias Iarin Fabbri) è uno dei fondatori di Project Nerd. E' socio fondatore di Webbare.it che è l'azienda che si occupa di tutto lo sviluppo software e montaggi video e grafica per Project Nerd. Spadin è esperto di retrogaming e comics, più che esperto, possiamo definirlo memoria storica, e si tiene informato sulle serie tv e i cine-comics