Deserto rosso sangue – La recensione I The Vicious Brothers provano a portare aria fresca nel genere Z Movie, ci riusciranno?

5952 0

Il genere Zombie è una presenza quasi costante nel panorama cinematografico, un genere che ciclicamente vive ondate di notorietà e che negli ultimi anni, merito anche del successo mondiale di The Walking dead è tornato ad avere una buona presenza nel mercato delle serie TV, del cinema e dei fumetti, anche se non sempre con livelli di qualità  e originalità molto elevati.

It Stains the Sands Red , in Italia uscito come Deserto rosso sangue dei The Vicious Brothers ( alias di Colin Minihan e Stuart Ortiz ), appartiene a questa categoria, ma con un qualcosa di diverso dal solito Z movie.

La trama vede la protagonista Molly e il suo fidanzato scappare dalla città per raggiungere una pista di decollo e scappare dall’apocalisse imminente, una situazione classica. se non fosse che Molly è una tossicodipendente e il ragazzo una sorta di stereotipo gangster vivente. La macchina dei 2 si ferma per un guasto e uno zombie,lentissimo, li raggiunge e da inizio al film.

La prima parte di Deserto rosso sangue è una lunga ed estremamente lenta fuga dall’inesorabile. Molly è costretta a fuggire a piedi e scopre di avere il ciclo, la creatura con passo lento la insegue ovunque, raggiungere il termine di questa prima parte può essere arduo per lo spettatore

itstains

Le cose cambiano quando Smalls ( è il nomignolo dato allo zombie ) e  la protagonista incontrano un gruppo di sopravvissuti, che tenta di stuprare Molly e da il via ad un twist narrativo che cambia il rapporto fra i personaggi, mette in gioco una nuova vena grottesca e riporta in vita la pellicola offrendo uno spunto fresco e innovativo alla parte centrale della pellicola, prima di ricadere negli stilemi del genere imboccando la rotta verso il finale.

Il contorno alla trama è di buonissima fattura, interessante il comparto fotografico, con degli ottimi attimi di deserto a 360 gradi, rivedibile invece il sangue in CGI anche se non palesemente finto come accade in altri titoli.

Il cast è ridotto all’osso, il duo composto da Molly e Smalls ovvero Brittany Allen ( Defiance) e Juan Riedinger( Narcos), entrambi offrono una prova solida e di buon livello.

La struttura a “doppia freschezza” di Deserto rosso sangue non appaga del tutto lo spettatore, il peso della prima parte affossa il giudizio al punto che la freschezza della seconda non sia sufficiente a salvare del tutto la pellicola.
Se siete amanti del mondo zombie in ogni sua forma però la pellicola vale certamente un sguardo.

Per tutte le notizie sul mondo dello Spettacolo seguite Cinefili Scatenati su Facebook
bannercinefiliscatenati

Marcello Portolan

Uno strano mix genetico sperimentale allevato a fumetti & fantascienza classica, plasmato dal mondo dell'informatica e della tecnologia, ma con la passione per la scrittura. Un ghiottone che adora esplorare il mondo in cerca di Serie TV e pellicole da guardare noncurante dei pericoli del Trash e dello splatter. un vero e proprio globetrotter del mondo NERD