netflix projectnerd.it

Netflix supera Disney e diventa la maggiore media company Netflix cresce a vista d'occhio, superando in borsa persino Disney e Comcast

6447 0

E’ questione di pochi miliardi: a Wall Street il nome Netflix spicca fra tutti, per aver raggiunto un importante traguardo economico. Il suo capitale ha raggiunto i €160 miliardi: non vi è una grande differenza tra Netflix e il colosso mediatico Disney, che rimane indietro a €143 miliardi. Comcast, l’azienda che controlla le tv americane, è ancora più in basso con €71 miliardi.
Per il servizio streaming si stima un aumento del bilancio del %120 circa, solo nell’ultimo anno, mentre sia Disney che Comcast hanno un leggero ribasso.

La piattaforma californiana conta ben 125 milioni di abbonati, dimostrandosi  ancora una volta la sovrana  indiscussa del piccolo schermo. La formula on demand è diventata estremamente popolare, e i creatori del servizio si sono dimostrati in grado di promuovere Netflix con serie tv di successo come Orange is the New Black e Stranger Things.

Leggi anche: Uscite di giugno su Netflix

Non è da sottovalutare il loro occhio per gli affari. Solo pochi giorni fa, infatti, è stato annunciato l’accordo con i coniugi Barack e Michelle Obama, per produrre nuove serie tv e film originali. Anche Shonda Rhimes, produttrice di Grey’s Anatomy, ha stretto accordi con Netflix.
L’ex presidente e la sua First Lady hanno anche annunciato il tipo di contenuti che vorranno portare sulla piattaforma:

“Io e Michelle siamo entusiasti per la collaborazione con Netflix, speriamo di coltivare e supportare le voci più creative e talentuose, capaci di promuovere empatia e comprensione tra la gente e aiutandola a condividere le proprie storie con il mondo”

Sicuramente un passo avanti per Netflix, che riesce a costruire il proprio successo con grandi titoli e un ottimo istinto per quanto riguarda i loro partner commerciali.

Per tutte le notizie sul mondo di Netflix seguite punto Netflix su Facebook
bannerpni

Martina De Vita

Martina De Vita

Nata nel 1996, il limbo generazionale a cavallo tra gli anni '90 e i 2000. Cresciuta davanti ad uno schermo, la sua infanzia si è svolta tra i classici dei videogiochi e gli anime degli anni '80. Con il passare degli anni, può affermare di avere due grandi passioni: il binge-watching indiscriminato e tentare di accarezzare i gatti che incontra per strada.