Joker projectnerd.it

Joker Origins: tutto quello che c’è da sapere sul film (UPDATED 11/7/18) Tutti i dettagli rilasciati fino ad ora sullo stand alone sul passato del Joker.

8128 0

Cosa sappiamo su Joker Origins

DC Films sta realizzando un film sulle origini del Joker con Joaquin Phoenix, diretto da Todd Phillips e prodotto da Martin Scorsese. Non farà parte del DC Extended Universe ma è l’inizio del nuovo Elseworlds. Il film promette di esplorare le origini del Principe del Crimine in un modo totalmente nuovo, ispirandosi al fumetto The Killing Joke e al film The King of Comedy. Il punto della situazione offerto da Screenrant procede passo per passo nella spiegazione di questa produzione che fino ad ora è stata mantenuta in una sottile sordina – complice forse la tendenza al botteghino delle ultime uscite DC – e i fan si sono mossi con circospezione nei confronti di un nuovo approfondimento che, appunto, non sarà nemmeno canonico per il DCEU.

Il film sul Joker è stato presentato come la storia sulle origini del criminale più amato dei fumetti, intenzione di per sé molto intrigante vista la ripugnanza del personaggio nel rivelare dettagli sul proprio passato. Alan Moore, autore di The Killing Joke, ha mostrato una versione del Joker come un comico fallito dal carattere piuttosto bonario, che per necessità e disperazione partecipa ad una rapina, durante la quale cade in una vasca di sostanze chimiche. Questo evento della vita di Joker è familiare a chiunque abbia visto il film di Tim Burton con Jack Nicholson.

LEGGI ANCHE: Che ne sarà di Jared Leto?

La differenza intrigante proveniente da The Killing Joke è la negazione dell’autenticità di questa storia per ammissione di Joker stesso: “Se avrò un passato, preferisco che sia una scelta multipla!”. Quest’idea permetterebbe allo spin-off del Joker di sperimentare varie piste narrative e di giocare con l’assenza di una vera e propria origine del personaggio. Anche il passato da comico fallito è un punto fondamentale per le dinamiche di questa produzione visto il legame con The King of Comedy, diretto proprio da Martin Scorsese. Le prime indiscrezioni suggeriscono che il film sarà ambientato negli Anni ’80, proprio come l’imminente Wonder Woman 1984.

Joaquin Phoenix è il candidato numero uno per il ruolo del Joker projectnerd.it
Joaquin Phoenix è il nuovo volto del Joker

È stato reso chiaro sin da subito che Warner Bros. desiderava una grande star per il ruolo del Joker. Le voci iniziali suggerivano che Leonardo DiCaprio era la prima scelta dei produttori ma il presunto jolly è il tre volte candidato all’Oscar Joaquin Phoenix, visto per l’ultima volta in You Were Never Really Here – per la quale ha vinto il premio al miglior attore al Festival di Cannes del 2017 – il quale non ha mai confermato il suo coinvolgimento nel film, evitando la domanda o negando qualsiasi informazione a riguardo.

L’attore è conosciuto per la sua riservatezza durante le interviste e potrebbe semplicemente aver deviato l’argomento in attesa della siglatura dei contratti perché, secondo i rapporti successivi, ha firmato ufficialmente per il ruolo di Joker. DC e Warner Bros. non hanno commentato pubblicamente la notizia e potrebbero essere in attesa di fare un grande annuncio durante un grande evento come il Comic-Con di San Diego.

Se Phoenix ha effettivamente accettato di essere il Joker, sarebbe un grande vantaggio per lo studio: l’attore ha flirtato con la partecipazione a film epici e franchising di grande budget, ed è stato molto vicino a interpretare il ruolo principale in Doctor Strange, ma si è tirato indietro per timore di impegnarsi con troppi contratti simultanei. Sicuramente ha interesse per i cinecomics e le capacità per rendere al massimo in un ruolo, quello di Joker, già visto e rivisto in molti film prima di lui. Ad averlo convinto potrebbe essere stata la disponibilità per un unico progetto a cui dedicarsi.

LEGGI ANCHE: MCU soccorre il DCEU

Todd Phillips, regista della trilogia The Hangover, ha firmato per dirigere, co-produrre e co-scrivere il film sulle origini del Joker. Più conosciuto per la trilogia sopracitata, Phillips ha trascorso gli ultimi venticinque anni lavorando sia nel cinema che nel documentario. Ha iniziato con Hated: GG Allin & The Murder Junkies, acclamato documentario sul discusso musicista punk rock. Il suo lavoro con le commedie comprende Road Trip, Old School, Starsky & Hutch e Due Date, e la versione del 2016 di War Dogs. Il co-sceneggiature del film sarà Scott Silver, candidato all’Oscar per The Fighter. È l’unico della coppia ad avere esperienza nel mondo dei cinecomics dopo aver fatto una riscrittura non accreditata su X-Men Origins: Wolverine. La coppia non ha mai collaborato prima d’ora.

Gli annunciati produttore e regista di Joker Origins projectnerd.it
Gli annunciati produttore e regista di Joker Origins

Il coinvolgimento del leggendario regista premio Oscar Martin Scorsese con Joker Origins ha suscitato la piacevole sorpresa nei cuori dei fan. Tra i vari autori che sono stati coinvolti nei cinecomics, sembrava inconcepibile che qualcuno della statura di Scorsese avrebbe fatto passo del genere, divenendo – apparentemente – ufficialmente il co-produttore al fianco di Phillips. Non si sa quanto sarà coinvolto nel processo creativo, le somiglianze della sinossi con The King of Comedy suggeriscono che potrebbe portare un contributo narrativo non indifferente, così come gli echi di Taxi Driver nell’ambientazione newyorkese e il tono spigoloso che deve necessariamente assumere un progetto amaro con protagonista il Joker.

Come produttore e produttore esecutivo, i recenti impegni di Scorsese potrebbero tenerlo lontano dal set dei film che portano il suo nome tra gli accrediti. Tuttavia, per il film di Joker, ci si aspetta che sia accreditato come produttore e non come produttore esecutivo, il che suggerisce un coinvolgimento più attivo nello sviluppo del progetto, che grazie al suo nome è già di un peso non indifferente, nonostante manchi ancora qualche mese alla presunta fase iniziale della produzione.

LEGGI ANCHE: I nuovi super albi DC

I rapporti suggeriscono che per Joker Origins verrà stanziato un bilancio di circa 55 milioni di dollari. Per un cinecomics di quest’epoca cinematografica, è una cifra estremamente bassa, se si pensa che un film di supereroi superi di norma i 200 milioni ancora prima di arrivare alla fase di marketing – si stima che Avengers: Infinity War sia costato  quasi 400 milioni e Deadpool, già esempio di piccolo budget per il genere è comunque costato circa 58 milioni.

Il piccolo budget sembra la strada migliore per un film di questo tipo. Darebbe spazio a molta più creatività e molta più grinta, lasciando i creativi liberi di sperimentare senza le pressioni dei produttori. Infatti, uno dei maggiori ostacoli del DCEU è stato il costo dei suoi film, ancora in bilancio negativo. Un budget inferiore significherebbe quindi un’opportunità per una maggiore possibilità di profitto: per Joker Origins, coi suoi 55 milioni, sarebbe sufficiente realizzarne circa 137, il che sembra abbastanza semplice dato l’impatto enorme garantito dal nome del personaggio. In più, il film dovrebbe ricevere una valutazione R, definendo il piccolo budget una mossa saggiamente prudente.

Le versioni del Joker sono una lista piuttosto affollata projectnerd.it
Le versioni del Joker sono una lista piuttosto affollata

Warner Bros. spera di iniziare la produzione di Joker Origins entro questo settembre, con le riprese che si terranno a New York. Se così fosse, la maggioranza delle riprese sarebbero già finite entro Natale, visto anche il minor impegno necessario garantito dal budget. Attualmente Phoenix non ha altri progetti in vista, notizia questa che lo rende disponibile ad una sessione di riprese autunnali. Riguardo la release di Joker Origins, Warner non ha ancora assicurato nulla. Tuttavia, data la natura prioritaria di questo progetto e la necessità di calendarizzare la lista del DCEU, sarebbe sia fattibile che desiderata una data d’uscita entro il 2019.

UPDATE 25/6/18

Si prevede inoltre che il film sul Joker possa dare il via all’etichetta cinematografica non DCEU di DC, che si concentrerà su film più oscuri e più adulti fuori dall’universo centrale. L’idea è che DC Dark – o DC Black – funzionerebbe allo stesso modo offrendo un altro lato delle ambientazioni e dei personaggi con cui gli addetti ai lavori potrebbero sperimentare concentrandosi sui molti cattivi minori DC che non hanno ancora trovato spazio sul grande schermo. Come hanno dimostrato Deadpool e Logan, c’è un pubblico anche per ulteriori adattamenti di fumetti impegnati.

Come se Joker Origins non fosse già abbastanza carico di aspettative, That Hashtag Show riporta che Robert De Niro è stato considerato per un ruolo secondario nel film. Il ruolo in questione sarebbe quello di Murray Franklin, anche se non si può dire se De Niro sia interessato a un film come questo. Il coinvolgimento di Phoenix e di Scorsese, suo collaboratore di lunga data, sicuramente accrescerà le possibilità di un accordo.

Un film inedito e originale sul Joker, dal carattere grintoso e una valutazione di grado R, potrebbe essere la miglior contro programmazione di Shazam e Wonder Woman 1984. ProjectNerd vi terrà aggiornati sull’avanzamento dei lavori di questo capitolo che, stando alle premesse, potrebbe contribuire al rilancio tanto atteso del DCEU.

UPDATE 11/7/18

Joaquin Phoenix ha ufficializzato l’accordo con Warner Bros. per Joker Origins. Le riprese inizieranno a settembre nella città di New York. Alla regia arriva anche l’ufficialità di Todd Phillips che è anche curatore della sceneggiatura, descritta come “l’esplorazione travolgente di un uomo trascurato dalla società ed un ampio racconto sulle sue origini”. Lo stand-alone è stato pensato per essere più dark e più sperimentale nel tono e nei contenuti, avvicinandosi ad un film drammatico dai toni dark. C’è la possibilità che Joker Origins possa essere pronto per il rilascio già nel 2019, a seconda di vari fattori, come la realizzazione dello stand-alone con Jared Leto. A completare il team della produzione vi sono Emma Tillinger Koskoff e Richard Baratta.

Francesco Paolo Lepore

Francesco Paolo Lepore

Redattore presso PJN e CinemaTown, laureato in Nuove Tecnologie dell'Arte, studente di Social Media Marketing. Il cinema è una costante della sua vita. Ha scritto e diretto diversi progetti per le università e il territorio. Amante dei mass media, ne studia minuziosamente i meccanismi utili alla comunicazione emozionale. Scrive da sempre, osserva da sempre, ricorda tutto da sempre.