Miles – Assolo a Fumetti, inaugura l’etichetta Icon La biographic novel del jazzista Miles Davis firmata da Lucio Ruvidotti per raccontare l’uomo che con la sua “social music” ha cambiato il volto della musica americana

7170 0

Edizioni BD inaugura la nuova etichetta Icone, naturale evoluzione della collana BD Rock, con la biografia Miles – Assolo a Fumetti di Lucio Ruvidotti. La biografia sarà disponibile a partire dal 14 giugno in formato brossurato, 120 pagine al prezzo di €16.00.

Miles Davis ha ispirato generazioni di musicisti, ha gestito la sua vita privata fatta dei tipici eccessi delle rockstar senza mai tralasciare la sua immagine pubblica.

Miles – Assolo a Fumetti non è un semplice racconto illustrato. La sua musica “suona sulla carta” e si muove tra gli otto capitoli del testo. Nel primo e nell’ultimo capitolo della storia quello che più emerge è la personalità di Miles Davis mentre nella parte centrale della storia Ruvidotti si è concentrato sul jazz e sulla inesauribile capacità che l’artista ha di reinventare una musica sempre nuova e diversa.

Nella postfazione del fumetto Giorgio Fontana ha scritto:

«Raccontare il personaggio di Miles in maniera lineare è inutile, nella sua musica così come nella sua vita i conti non tornano e non vogliono tornare. Ma Lucio Ruvidotti non ha paura. Fin dall’inizio compie una scelta precisa e segue lo spirito proteiforme di Miles.  Non ci propina una sua immagine patinata ma lo mette in movimento, e anzi trova particolare verve nel raccontarne gli aspetti più estremi. Ciò che colpisce del suo lavoro è dunque la varietà stilistica, conseguente all’inesausta esplorazione del linguaggio da parte di Miles Davis: un’idea ovvia, ma interpretata in modo ben poco ovvio».

Lucio Ruvidotti ha raccontato da dove nasce il suo legame con la musica e cosa lo ha spinto a scrivere la storia di Miles Davis:

 «Ho un padre, Diego, trombettista jazz professionista, da bambino giocavo con la sua tromba nelle pause tra gli esercizi e le prove. Quando ho iniziato, anni dopo, ad ascoltare jazz per i fatti miei, Miles Davis è diventato presto un riferimento. Poi qualche anno fa, in occasione dell’anniversario della morte del grande trombettista, con Danilo Deninotti e Giorgio Fontana, abbiamo raccontato a fumetti il lungo periodo in cui Miles smise completamente di suonare, con una storia breve.

Miles David è stato un grande artista ma ancora di più, quello che mi ha segnato, è stata quella sua sincerità nell’essere un personaggio che dal punto di vista umano e morale non ha nascosto le sue ombre, i grossi lati oscuri, e nonostante ciò ha comunque saputo modificare la sua musica in “social music”, in un messaggio per gli altri, capace di innovare e rinnovarsi continuamente».

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Andrea Patruno

Andrea Patruno

Nerd certificato dal 1991, ha imparato a leggere con Topolino e romanzi storici. Tutt'ora divora libri, fumetti, film e serie TV. Laureato in comunicazione e marketing, con specialistica successiva in comunicazione, con una tesi dal titolo "Nuovi media e comics nella multicanalitá: la modernità semantica emergente del fumetto".