Star Wars: il film di Han Solo è un flop, la produzione degli spin off è stata fermata L'insuccesso di Solo: A Star Wars Story spinge la Lucasfilm a rivedere i piani dell'intera produzione

6295 2

Il flop di Solo: a Star Wars Story al box office americano e mondiale è purtroppo un dato di fatto.

Diverse fonti indicano un budget oltre i 250 milioni di dollari, a cui vanno aggiunte le spese di distribuzione e marketing, un’altra cifra abbastanza considerevole. Per evitare il flop, il film avrebbe dovuto incassare minimo 700 milioni di dollari in tutto il mondo. Al momento ne ha raccolti solo 341 di cui meno di 200 negli USA, ciò vale a dire un flop clamoroso, oltre che inaspettato.

Un risultato inatteso che puo’ essere interpretato in vari modi, ma le conseguenze lasceranno ben poco spazio alle speculazioni. Collider fa notare infatti che ad un mese dall’uscita del film nei cinema di tutto il mondo, Lucasfilm ha fermato tutti i piani di produzione della saga, concentrandosi su un progetto alla volta: Episodio IX per il cinema, la serie live action di Jon Favreau per le serie tv e Star Wars: Resistance per le serie tv animate. Rimane inoltre in sviluppo la nuova trilogia iniziata da Rian Johnson, sviluppata da David Benioff e D.B. Weiss.

Quanto detto da Collider significa anche stop alla produzione dello spin off dedicato ad Obi-Wan, e che nessuno vi è più coinvolto; stessa cosa per quello dedicato a Boba Fett nel quale James Mangold era in trattative. Niente più film di Star Wars a cadenza annuale, insomma. Su Twitter già cinguettano gli utenti che commentano la cosa: secondo loro il modo migliore per espandere la saga di Star Wars è quello di smettere di guardare indietro e di guardare in avanti, sondando nuove opzioni e assumersi i rischi. Quello appena successo lascia presumere che Lucasfilm abbia proprio intenzione di fare questo, ma per dichiarazioni certe quale miglior modo se non aspettando la Star Wars Celebration, che si terrà a Pasqua dell’anno prossimo a Chicago.

star wars

 

 

fonte

 

Manuele Musso

Manuele Musso

Scrittore improvvisato tra romanzi, sceneggiature e testi brevi. Ama i videogiochi, sarebbe capace di scrivere qualsiasi cosa su questi. Tende a guardare di più all'interfaccia di un videogioco piuttosto che al gameplay in sé, senza contare che pensa solo a quanto è smussato un poligono.