I primi contenuti ufficiali della quarta stagione di Narcos, “Narcos: Mexico” Narcos fa i bagagli per il restart ufficiale della serie, che si sposterà dalla Colombia al Messico.

5851 0

Narcos si sposta dalla Colombia al Messico

THR ci racconta come sarà Narcos 4 una volta trasferita dalla Colombia al Messico e di come la trasformazione stia iniziando a prendere forma.

Dopo tre stagioni di approfondimento sulla guerra della cocaina in Colombia, nel mondo pre e post Pablo Escobar, Narcos ha subìto un reset, conducendo la quarta stagione verso l’esplorazione delle origini del Cartello di Guadalajara in Messico. I vari produttori di droga, ne hanno spostato il centro a Città del Messico, con non poche complicazioni a seguito e dando alla luce i nuovi protagonisti interpretati da Michael Pena e Diego Luna. Questa scelta pone fine alla storia del boss principale Javier Pena nonché il ritiro dal traffico di cocaina di Pedro Pascal.

Ora Netflix ha confermato che la quarta stagione ripartirà ufficialmente resettata, col titolo di Narcos: Messico e verrà lanciata come una nuova serie originale entro la fine dell’anno. Secondo la piattaforma, Narcos: Messico esplorerà le origini della moderna guerra alla droga tornando alle sue radici, partendo dal momento in cui la malavita messicana era una confederazione libera e disorganizzata di coltivatori e commercianti indipendenti.

LEGGI ANCHE: Il cast della quarta stagione

Narcos projectnerd.it
Il poster ufficiale di Narcos: Mexico

Il riavvio segnerà l’ascesa del Cartello di Guadalajara negli Anni ’80 quando Felix Gallardo (Diego Luna) ne ha assunto il comando, unificando i trafficanti per costruire un impero. Quando l’agente della DEA Kiki Camarena (Michael Pena) si trasferisce con la famiglia dalla California a Guadalajara per assumere un nuovo incarico, scopre rapidamente che il lavoro è più impegnativo di quanto avrebbe mai potuto immaginare. Mentre Kiki guadagna terreno contro Felix e diventa più coinvolto nella missione, una tragica catena di eventi influenzeranno il traffico di droga e la guerra contro di essa per gli anni a venire.

Kiki è descritto come un uomo di famiglia e un agente della DEA sotto copertura che ha raccolto informazioni preziose attraverso una serie di informatori sul neonato Cartello di Guadalajara, ma che si rende presto conto di aver sottovalutato la raffinatezza del sistema di Gallardo, uno dei più grandi narcos nella storia della nazione e il fondatore del moderno commercio di droga messicano. È descritto come un Michael Corleone tranquillo ma audace, imperscrutabile ma acuto. È un leader benevolo fedele agli amici, ai collaboratori e ai dipendenti, ma la cui ambizione viene prima di tutto.

Narcos projectnerd.it
Diego Luna, tra i protagonisti di Narcos: Mexico
Narcos projectnerd.it
Michael Pena, tra i protagonisti di Narcos: Mexico

Fino ad ora, Narcos è stata interamente girata in Colombia per narrare l’epopea del signore indiscusso della cocaina Pablo Escobar (Wagner Moura), e del Cartello di Cali, successo a quello di Medellin. I quattro boss di Cali erano i villain della terza stagione, le loro morti e incarcerazioni hanno condotto la cronologia di Narcos fino alla metà degli Anni ’90. Eric Newman ha così commentato i cambiamenti della quarta stagione.

Le origini del Cartello di Guadalajara risalgono alla fine degli Anni ’70 e all’inizio degli Anni ’80, quindi Narcos dovrà tornare indietro nel tempo. Abbiamo sempre saputo che alla fine saremmo arrivati ​​in Messico: il team principale, composto da me e dai ragazzi di cui mi fido e con cui lavoro molto da vicino, ha discusso su come meglio transitare dalla Colombia al Messico fin dalla seconda stagione. Abbiamo optato per il Cartello di Guadalajara perché rappresenta l’inizio del moderno commercio di droga messicano, quindi rappresenta una scelta pressoché logica.

Ha inoltre ricordato di dire addio a Pascal: “Il progetto è stato sempre quello di completare la storia colombiana e i trafficanti che abbiamo conosciuto in quel paese, per poi ricominciare da capo in Messico”. Infatti, Narcos: Mexico ha una sfilza di nuovi membri del cast, tra cui Alejandro Edda nel ruolo di alto profilo di Joaquin “El Chapo” Guzman.

Newman ha accennato all’imminente arrivo del famigerato El Chapo nel mondo di Narcos da quando il Messico è diventato parte della timeline: “Chapo era lì sin dall’inizio, in un certo senso. Era uno dei ragazzi più giovani nel Cartello di Guadalajara, venendo assegnato al territorio di Sinaloa”. Jose Maria Yazpik riprenderà anche il ruolo di Amado Carrillo Fuentes, detto Il Signore dei Cieli, nipote di un altro boss di Guadalajara, Ernesto Fonseca Carrillo, presentato la scorsa stagione.

Sebbene non sia stata ancora annunciata una data di rilascio ufficiale, Narcos: Mexico sarà presentato in anteprima mondiale nel 2018.

Per tutte le notizie sul mondo di Netflix seguite punto Netflix su Facebook
bannerpni

Francesco Paolo Lepore

Redattore presso PJN e CinemaTown, laureato in Nuove Tecnologie dell'Arte, studente di Social Media Marketing. Il cinema è una costante della sua vita. Ha scritto e diretto diversi progetti per le università e il territorio. Amante dei mass media, ne studia minuziosamente i meccanismi utili alla comunicazione emozionale. Scrive da sempre, osserva da sempre, ricorda tutto da sempre.