Dylan Dog #382 – Il macellaio e la rosa – La recensione Si usa dire che la vita imita l'arte, ma alle volte è l'arte a imitare la vita... involontariamente!

4730 0

Leggendo l’ultimo bestseller di Emily Ray, Bloch si rende conto che la vicenda narrata riprende la storia realmente accaduta di Daddy Slasher, un efferato serial killer attivo anni prima e mai catturato. E quando alla porta di Craven Road numero 7 si presenta la scrittrice del romanzo, spetta all’Indagatore dell’Incubo svelare come sia possibile che nel racconto si trovino dettagli mai resi pubblici, dei quali la stessa Ray era all’oscuro.

Andiamo subito al sodo: questo mese non ci siamo proprio. Il numero 382 uscito a fine giugno è stata una vera e propria delusione perchè dalla sinossi ci aspettavamo una storia molto più interessante e ben costruita.

Il soggetto di Pasquale Ruju è interessante perchè la storia s’intreccia con una seconda storia all’interno del volume quindi potenzialmente si poteva tirare fuori qualcosa di molto interessante (un po’ come era stato fatto con Graphic Horror Novel pubblicato a maggio 2017). La sceneggiatura proposta è invece molto debole e carente perchè sinceramente non ci ha coinvolto per nulla nella lettura, non ha creato nessun picco narrativo. Insomma è stata una storia piatta e priva di climax. Una storia dalle grandi potenzialità ma che, a nostro avviso, ha sprecato l’occasione.

A livello grafico invece abbiamo un numero davvero notevole. Fabrizio Des Dorides ha utilizzato un gioco di chine e ombre davvero ottimo, giocando maggiormente sulle ombre e la scarsità della luce.  Il disegnatore è al suo esordio sulla testata e possiamo sicuramente confermare che è stato un lavoro davvero ottimo. Ha giocato molto sull’espressività dei singoli personaggi “inquadrandoli” da diversi punti di vista.

Insomma graficamente una storia eccezionale ma a livello di narrazione molto piatta rispetto al soggetto proposto.

Tra 5 giorni uscirà il numero 383 dal titolo Profondo Nero il cui soggetto è stato curato dal Maestro dell’Horror: Dario Argento. Lo stesso Argento ha collaborato alla sceneggiatura della storia assieme a Stefano Piani.

Non lasciatevi scappare il prossimo numero perchè promette di essere davvero interessante (speriamo non ci deluda!).

 

 

 

 

 

 

Andrea Patruno

Andrea Patruno

Nerd certificato dal 1991, ha imparato a leggere con Topolino e romanzi storici. Tutt'ora divora libri, fumetti, film e serie TV. Laureato in comunicazione e marketing, con specialistica successiva in comunicazione, con una tesi dal titolo "Nuovi media e comics nella multicanalitá: la modernità semantica emergente del fumetto".