Guy Pearce parla del comportamento di Kevin Spacey sul set di L.A Confidential. Il collega, durante un intervista, ricorda il periodo in cui hanno girato assieme, definendo Spacey un attore straordinario, ma parlando anche dei problemi durante le riprese

5163 0

Mentre era ospite Andrew Denton nel talk show australiano Interview, l’attore Guy Pearce (Memento) è stato al centro di alcune domande riguardo i comportamenti del collega, Kevin Spacey, con il quale ha condiviso il set nel 1997, per la realizzazione di L.A Confidential. Pearce ha definito la star di American Beauty un  “attore straordinario; attore incredibile”, ammettendo però che Spacey abbia reso le riprese “leggermente difficili” per via delle sue “mani lunghe“. Non ha pero voluto fornire ulteriori informazioni riguardo a cosa intendesse parlando di problemi dovuti alle mani lunghe.

Leggi anche: Il Dossier di ProjectNerd sul caso Kevin Spacey

L’attore di The Rover ha poi dichiarato,riferendosi al caso di Anthony Rapp,“fortunatamente avevo 29 anni e non 14” .Il ragazzo, all’epoca 14 enne sarebbe stato infatti molestato da Spacey, all’epoca 26 enne, durante le riprese di L.A. Confidential.

Guy Pearce è solo uno delle diverse personalità che nell’ultimo periodo ha parlato dei comportamenti inappropriati tenuti da Kevin Spacey in diverse circostanze, le cui conseguenze lo hanno portato all’allontanamento dalla serie televisiva House of Card e addirittura alla sostituzione in Tutti i soldi del mondo, costringendo a compiere i salti mortali per sostituirlo rapidamente con Christopher Plummer.. Prossimamente l’attore sarà nel cast di Billionaire Boys Club, pellicola basata sulla storia vera di un gruppo di giovani che hanno sfondato grazie allo Schema Ponzi e che Vertical Entertainment distribuirà questa estate negli Stati Uniti

Leggi anche: Kevin Spacey torna al cinema con Billionaire Boys Club: i produttori spiegano il perché del rilascio

L’ultima dichiarazione pubblica dell’attore  risale a novembre, quando un suo rappresentante legale ha detto che Spacey “prenderà il tempo necessario per valutare la sua posizione.” L’altro protagonista del celebre film noir uscito nel 1997, Russel Crowe (Il Gladiatore), non ha voluto commentare in alcun modo le parole di Pearce.


Questa la sinossi del film:

A Los Angeles, agli inizi degli anni Cinquanta, domina una grande voglia di muoversi, divertirsi, fare affari, anche in relazione al progressivo affermarsi del nuovo mezzo televisivo. Tre poliziotti, l’ambizioso Ed Exley, il simpatico Jack Vincennes, l’ingenuo Bud White, cercano in modi diversi di fare carriera e di ottenere un successo personale. Jack organizza arresti spettacolari di personaggi del mondo dello spettacolo per conto di Sid, editore di una rivista senza scrupoli. Ed, poliziotto incorruttibile che crede che chi sbaglia debba pagare, denuncia gli eccessi di violenza di alcuni colleghi durante la notte di Natale, ottenendo una promozione. Bud, si trova di fronte alla morte del suo collega appena mandato in prepensionamento e inizia una serrata indagine che alla fine fa luce sulle trame criminali che legano i malviventi alle forze dell’ordine. A fare da tramite, c’è anche Lynn, una ragazza che assomiglia a Veronica Lake e che appartiene ad una scuderia di sosia di attrici diretta dal magnate Pierce. Il cerchio si stringe e Bud ed Ed si trovano di fronte a una terribile verità…


Fonte: The indipendent

Marcello Portolan

Uno strano mix genetico sperimentale allevato a fumetti & fantascienza classica, plasmato dal mondo dell'informatica e della tecnologia, ma con la passione per la scrittura. Un ghiottone che adora esplorare il mondo in cerca di Serie TV e pellicole da guardare noncurante dei pericoli del Trash e dello splatter. un vero e proprio globetrotter del mondo NERD