Star Wars: The Last Jedi Adaptation Rey

In Star Wars: The Last Jedi Adaptation rivelato il più grande rimpianto di Luke verso Rey Nel quarto numero della serie Marvel, adattamento del film del 2017, una scena non presente nella pellicola

5604 0

Attenzione SPOILER: il seguente articolo contiene spoiler su Star Wars: The Last Jedi Adaptation #4, attualmente in vendita negli Stati Uniti

L’adattamento a fumetti di Star Wars: Gli Ultimi Jedi, pubblicato da Marvel Comics, continua a mostrare ai lettori scene “cancellate” dal film del 2017. Nel quarto numero della serie viene infatti rivelato il più grande rimpianto di Luke Skywalker verso la sua allieva Rey.

La pellicola, diretta da Rian Johnson, ha suscitato parecchie reazioni tra i fan della saga per come viene presentato Luke: un Jedi caduto in disgrazia, un recluso, un vecchio eremita che spreca la propria vita sul pianeta oceanico di Ahch-To, mentre la Ribellione soffre per mano del Primo Ordine.

Ancor più controverso il modo in cui Luke ha gestito la sua allieva Rey. Il suo ruolo di mentore è stato molto breve, tanto che i fan si sono chiesti se avesse fatto davvero abbastanza per permetterle di ricostruire l’Ordine Jedi, cosa che la giovane allieva ha chiaramente intenzione di fare dopo essere entrata in possesso dei testi sacri dell’antica organizzazione monastica.

Mentre il dibattito continua ad imperversare, un nuovo aspetto della storia viene rivelato da Star Wars: The Last Jedi Adaptation #4, attualmente in vendita negli Stati Uniti. A firmare l’albo sono lo scrittore Gary Whitta e l’illustratore Michael Walsh, con colori di Mike Spicer e lettering originale di Travis Lanham. Copertina di Scott Wilson.

Star Wars: The Last Jedi Adaptation 4 a

I poteri di Rey sono così forti che anche Luke ha paura di lei. Certo, la vede come una nuova speranza per gli Jedi, ma il suo potenziale gli ricorda il nipote Ben Solo, che lui stesso aveva addestrato e che è poi passato al Lato Oscuro della Forza divenendo Kylo Ren.

Come mostrato nel film, Rey è riuscita a stabilire un contatto telepatico con Kylo e, dopo aver appreso che Luke ha cercato di ucciderlo, Rey afferma che c’è ancora qualcosa di buono in Ben e si lancia a salvarlo a bordo del Millennium Falcon, a prescindere da quello che pensa Luke. Questo comportamento avventato dell’allieva ricorda a Luke come era lui da giovane, e proprio non essere riuscito ad estirpare questi atteggiamenti da Rey è ciò che Luke più rimpiange.

Tutto ciò non viene mai rivelato nei film, ma è presente in Star Wars: The Last Jedi Adaptation #4, in cui assistiamo a un monologo interiore di Luke mentre guarda Rey lasciare Ahch-To. Mentre l’allieva si allontana dal pianeta, il maestro si lamenta per non essere riuscito a far sì che Rey non diventasse come lui.

Rey ha infatti ignorato gli avvertimenti di Luke, secondo cui si tratta di una trappola ordita da Kylo e dal suo maestro, il sinistro Leader Supremo Snoke. Allo stesso modo, anche Luke non aveva dato ascolto alle parole di Yoda nel film L’Impero colpisce ancora, quando abbandonò l’addestramento per affrontare Darth Vader. Nella battaglia perse un braccio e scoprì che il malvagio Vader era in realtà suo padre, Anakin Skywalker. Nessuno più di Luke, quindi, sa che bisognerebbe prestare ascolto agli avvertimenti dei propri maestri.

Marvel Comics continua dunque ad aggiungere importanti tasselli all’universo di Star Wars attraverso le sue collane ispirate alla saga creata da George Lucas. Dopo le origini del castello di Darth Vader e dello Squadrone della Morte, ora in Star Wars: The Last Jedi Adaptation un nuovo spunto viene aggiunto al background di Luke Skywalker.

Star Wars: The Last Jedi Adaptation 4 b

Luke conosce il prezzo da pagare per chi aspira a compiere gesta eroiche, e questo non fa che aumentare in lui il dolore e il rimorso per Rey. D’altra parte, qualcosa del genere accade anche nel film Il ritorno dello Jedi, quando Luke, contro le raccomandazioni di tutti, va a salvare l’anima di Vader da Palpatine. In quel caso tutto è andato alla perfezione, con Luke che è riuscito ad uccidere l’Imperatore e a riportare suo padre al Lato Chiaro della Forza.

All’epoca, però, Luke era già un Yedi esperto, mentre Rey ha passato poco tempo ad addestrarsi con il suo maestro, tanto che, come sappiamo, viene quasi uccisa da Snoke. A salvarla è proprio Kylo, che anziché eliminarla come gli era stato ordinato da Snoke, rivolge la sua spada laser contro il Leader Supremo. Kylo chiede dunque a Rey di unirsi a lui per governare insieme la Galassia, ma lei rifiuta, intenzionata a ricostituire l’Ordine Jedi.

Con Rey e Kylo di nuovo in lotta tra loro, la speranza è che la ragazza riesca ad apprendere da sola, attraverso lo studio dei testi sacri dell’Ordine, ciò che Luke non ha potuto insegnarli, data la sua morte sul pianeta Crait. Nel prossimo capitolo della saga di Star Wars, l’unico modo in cui il maestro potrà fornire assistenza all’allieva sarà sotto forma di Fantasma di Forza.

Fonte: CBR

Roberto Iacopini

Roberto Iacopini

Classe 1984, insegnante, giornalista, sta ancora cercando di espandere il suo cosmo per raggiungere il settimo senso... ma si accontenterebbe del quinto e mezzo