X-Men Blue #33 Magneto

X-Men Blue svela la futura Confraternita di Magneto Nel numero 33 della serie Marvel Comics assistiamo al viaggio nel tempo del Singore del Magnetismo

6154 0

ATTENZIONE SPOILER: il seguente articolo contiene SPOILER su X-Men Blue #33, attualmente in vendita negli Stati Uniti

X-Men Blue svela la futura Confraternita dei mutanti malvagi guidata da Magneto. Nell’albo 33 della serie Marvel Comics assistiamo al viaggio nel tempo effettuato dal Signore del Magnetismo sulla propria piattaforma.

Come sappiamo, in X-Men Blue Magneto aveva conosciuto un cambio di indole, mettendosi alla guida delle versioni giovanili dei cinque mutanti originari dislocate nel tempo. L’arco narrativo Mothervine, come il virus diffuso da Emma Frost, Havok, Bastion e Miss Sinister contro i mutanti, ha poi provocato un ritorno alle proprie origini malvagie per il Signore del Magnetismo.

Già il numero 28 di X-Men Blue si concludeva con Magneto che pronunciava una frase inequivocabile: “A me, mia Confraternita”, riferendosi al gruppo di villain mutanti che era solito guidare, la Confraternita di mutanti malvagi. Poi, dopo la caccia data a Emma Frost, la la Regina Bianca del Club Infernale e sua ex compagna di squadra, Magneto ha intrapreso un viaggio nel tempo che lo ha portato 19 anni nel futuro, ad appena un anno dagli eventi di Extermination, l’evento estivo della Marvel.

In X-Men Blue #33 conosciamo finalmente cosa Magneto ha scoperto nel suo viaggio nel tempo. L’albo, attualmente in vendita negli Stati Uniti, è scritto dallo sceneggiatore Cullen Bunn. Ai disegni troviamo Marcus To, con colori di Matt Milla e lettering originale di Joe Caramagna. Copertina di R.B. Silva.

Magneto si ritrova in una New York in rovina, con la città disseminata di parti di Sentinelle. Forse è stato lui stesso a distruggere i cacciatori di mutanti? Il Signore del Magnetismo incontra poi una banda di Reavers, che viene rapidamente eliminata. In quel momento, dalle rovine di una costruzione esce un mutante che accoglie Magneto come un vero e proprio messia, tornato a salvare la propria specie.

X-Men Blue #33 Magneto statua

Se Magneto sembra scettico, a chiarire ogni suo dubbio è una grande statua eretta in suo onore. Altri mutanti intanto escono dall’ombra, lodando il ritorno del Signore del Magnetismo e trattandolo come una figura sacra. A spiegare questo atteggiamento è il giovane Bamf, che racconta a Magneto come lui e la sua Confraternita abbiano salvato i mutanti dal letale virus Reaver.

In una vignetta viene dunque mostrata la futura Confraternita dei mutanti malvagi, in cui scorgiamo alcuni volti familiari come quelli di Toad e Blob, già membri del gruppo in passato. Insieme a loro ci sono Exodus, Magik, Unuscione e Sabretooth.

Sembra chiaro che, in qualche modo, Magneto sarà una figura chiave nel modellare quello che diventerà il futuro di Extermination. Resta da scoprire se la Confraternita vista nelle pagine dell’albo sarà formata già nel presente dal Signore del Magnetismo. Inoltre, guardando al roster del gruppo di mutanti malvagi, notiamo la presenza di Magik, attuale membro degli X-Men. Cosa lo spingerà a rompere con i suoi compagni e allearsi con Magneto?

Sono ancora tanti, dunque, i misteri da svelare sul futuro dell’universo Marvel, con i fan in trepidante attesa di saperne sempre di più. Ulteriori dettagli saranno rivelati in X-Men Blue #34, con la seconda parte dell’attuale arco narrativo Surviving the Experience. La serie, come annunciato dalla Casa delle Idee, chiuderà con il numero 36 di settembre.

Fonte: CBR

Roberto Iacopini

Roberto Iacopini

Classe 1984, insegnante, giornalista, sta ancora cercando di espandere il suo cosmo per raggiungere il settimo senso...ma si accontenterebbe del quinto e mezzo