Haenyeo

Haenyeo, mostra dedicata alla tradizione di Jeju, Milano Mostra Fotografica " Haenyeo: pescatrici, madri, mogli "

5394 0

A Milano è stata inaugurata ieri la mostra fotografica intitolata: ” Haenyeo: pescatrici, madri, mogli “.
Si tratta di un progetto a cura di Vincenzo Acampora del noto blog dedicato alla cucina coreana e non solo “ Kimchi&Basilico “, in collaborazione con Il Consolato Generale della Repubblica di Corea.

L’inaugurazione si è tenuta appunto ieri, 31 gennaio e la mostra resterà aperta sino al 20 febbraio.
Vi avevamo parlato anche noi di Project Nerd di questa particolare, antica e affascinante tradizione sud coreana, potete leggerne approfonditamente CLICCANDO QUI.
Le Haenyeo ( o Haenyo ), sono pescatrici esperte, che si immergono nelle fredde acque dell’isola di Jeju senza l’ausilio di sostegni, come bombole per l’ossigeno, per pescare ricci e cetrioli di mare, abaloni, ostriche, calamari e molto altro.

Purtroppo questa antichissima tradizione sembra destinata sempre più a scomparire.
Abbiamo chiesto a Vincenzo Acampora di raccontarci un po’ della sua storia, e della sua passione per la Corea, di Kimchi&Basilico, ma soprattutto della sua mostra fotografica:Haenyeo: pescatrici, madri, mogli “.

“Mi chiamo Vincenzo Acampora e sono di Napoli.
Il progetto Kimchi&Basilico è nato nel 2012, in seguito ad un viaggio a Seul a trovare degli amici coreani. Conoscevo poco o nulla della Corea ma, anche se fu una breve esperienza, me ne innamorai. Ti sembrerà strano, ma pur per la prima volta in Corea, mi sentii molto a mio agio. Cominciai a scoprire come la cultura coreana fosse unica e distinta. Penso che spesso la Corea venga offuscata da culture come quella giapponese e cinese. Una volta tornato in Europa, cominciai a studiare la loro cultura e la lingua (in quel periodo vivevo ad Amsterdam) e mi iscrissi ad una scuola di lingua coreana. Sono sempre stato un appassionato di cibo e decisi di condividere le mie scoperte culinarie tramite il blog K&B, che fu anche il primo blog italiano dedicato all’Hansik. “

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Thank you to @lisasee_writer for her beautifully written novel The Island of Sea Women. I am expecting to finish this book tonight or tomorrow but can’t wait that long to gush over it. It is such an eye-opening and informative novel. I have learned so much about the women divers (haenyeo) of Jeju Island, Korea. Their lives are fascinating. This book also serves a historical purpose in regards to the losses suffered by the people of Korea during the Japanese occupation and the role the US played in the politics of the time period. I am saddened to learn about the Jeju uprising / 4.3 incident but also realize how important it is to look back so as to try to prevent history from repeating itself over and over with such horrific results. Picture credit: http://m.jejuweekly.com/news/articleView.html?idxno=3815 #bookstagram #bookstagrammer #readinglife #readinggoals #booksof2019 #2019reads #reading #booksofinstagram #bibliophile #reader #read #instareads #booksofig #netgalley #simonandschuster #lisasee #theislandofseawomen #haenyeo #jeju #cominginmarch2019 #womenofjeju #koreahistory #WW2novel #historicalfiction

Un post condiviso da Pomoeva Reads (@pomoevareads) in data:

“Nel 2013 decisi di trascorrere 3 mesi in Corea e negli anni seguenti ho trascorso 2-3 mesi l’anno a Seul per imparare di più della lingua e della loro cultura, sempre attraverso il cibo.
Negli anni il blog è cresciuto molto, si è sviluppato ed ora parla anche di cultura, eventi e interviste.

Proprio durante una di questa interviste ho avuto l’occasione di incontrare una haenyeo. Avevo già da parecchio tempo l’idea di raccontare la loro storia e grazie ad amici di Jeju che mi hanno presentato la haenyeo Lee, nella piccola comunità di gujwa-eup (era una vicina di casa della nonna di una mia amica). Sono quindi volato a Jeju e con l’aiuto di un’interprete riuscì a fare l’intervista che volevo da tempo. Quello che volevo era raccontare il ruolo che le haenyeo hanno nella società di Jeju e soprattutto la loro forza e tenacia nel fare un lavoro così pericoloso e logorante.
Una immagine della donna così diversa da quella della donna nella società coreana nel resto della penisola. Mi piaceva raccontare la loro storia, di donne di madri e di pescatrici. E trovo davvero incredibile che riescano a fare tutto questo sin da giovanissime e fino agli 80 anni.”

“La mostra fotografica che ho allestito al consolato raccoglie momenti di una giornata lavorativa di una haenyeo – dal momento della preparazione dell’equipaggiamento fino al momento del ritorno a riva e la vendita dei frutti di mare, alghe e pesci appena pescati ai rivenditori della zona.”

CLICCANDO QUI sarete reindirizzati al blog di Vincenzo, “ Kimchi&Basilico “.
CLICCANDO QUI potrete seguire anche l’evento dedicato alla mostra su facebook.

Francesca Bandini

Totalmente avvolta nella sua bolla fatta di letteratura (principalmente fantasy, urban fantasy e distopico), ballo, recitazione, post produzione, cinematografia e fotografia. Cosplayer dal 2008. Dedita al violino come il celebre Sherlock Holmes, innamorata della chitarra come Jimi Hendrix (senza darle fuoco). Entra nel mondo del K-Pop senza passare dal via e fra i suoi gruppi preferiti del genere svettano Super Junior e AOA. Tanti anni prima sposa il genere J-Rock, dove i GazettE resteranno sempre sovrani nella sua playlist.