thai pitch projectnerd.it

Il Thai Pitch presenterà tre titoli al Festival di Cannes in cerca di collaboratori internazionali Per l'ottava volta, il padiglione thailandese ospiterà la presentazione di film nazionali che si affacciano al pubblico internazionale.

3025 0

Il Thai Pitch tornerà al Festival di Cannes per l’ottava volta il prossimo mese. Il regista intende lanciare tre progetti cinematografici dalla Thailandia, in cerca di finanziamenti internazionali, co-produzioni e partner di distribuzione. Kongdej Jaturanrasamee – regista di P-047 – e il produttore Soros Sukhum – Wonderful Town – pubblicheranno 51 faces of Anne, racconto di una donna che perde la memoria mentre si trova a dover sopravvivere su un’isola misteriosa. Per il progetto, ci si aspetta che vengano coinvolti tutti i cinquantun membri della BNK48.

Grazie all’impegno del Thai Pitch, il regista di Boundaray Nontawat Numbenchapol, così come il produttore Steve Chen – Diamond Island – e Supatcha Thipsena, presenteranno Doi Boy, film su un rifugiato eterosessuale senza documenti, che lavora come massaggiatore e prostituto a Chiang Mai. Era stato precedentemente presentato all’Atelier del Festival di Cannes e al laboratorio SEAFIC, dove ha vinto il relativo premio dell’associazione.

Il regista Sorayos Prapapan, di Death of the sound man, e il produttore Donsaron Kovitvanitcha – curatore di Malila e Die tomorrow – presenteranno col Thai Pitch Arnold is a model student, che racconta la storia di uno studente asso e la sfida di un esame professionale. L’evento del Thai Pitch al Festival di Cannes è sostenuto dal Ministero della Cultura thailandese e coordinato dal produttore e direttore esecutivo del SEAFIC, Raymond Phathanavirangoon. La rassegna si terrà tra il 19 e il 20 maggio presso il padiglione thailandese, come parte delle operazioni di marketing del Festival.

Le precedenti edizioni del Thai Pitch hanno contribuito a lanciare film premiati, tra cui Malila: the farewell flower, di Anucha Boonyawatana nel 2016, The edge of daybreak, di Taiki Sakpisit nel 2017 e Solids by the seashore, di Patiparn Boontarig nel 2018. Il Festival di Cannes avrà luogo dal 14 al 25 maggio 2019, e come da tradizione, porrà l’accento sulle cinematografie locali in cerca di sostegno.

Leggi anche: Festival di Cannes: selezionati i progetti in concorso presso l’Atelier

Francesco Paolo Lepore

Francesco Paolo Lepore

Redattore presso PJN e CinemaTown, laureato in Nuove Tecnologie dell'Arte, studente di Social Media Marketing. Il cinema è una costante della sua vita. Ha scritto e diretto diversi progetti per le università e il territorio. Amante dei mass media, ne studia minuziosamente i meccanismi utili alla comunicazione emozionale. Scrive da sempre, osserva da sempre, ricorda tutto da sempre.