Primo sguardo a “Vortex”: Gaspar Noé torna con un film a sorpresa con protagonista Dario Argento Gaspar Noé è in arrivo a Cannes, il che significa che "Vortex" sarà sicuramente uno dei film più in voga del festival.

278 0

Il  regista ‘provocatore’ Gaspar Noé è tornato con un nuovo film a sorpresa, “Vortex“. È stata rilasciata una misteriosa prima immagine in stile Instagram del drama, che mostra qualcuno simile a un fantasma sotto un lenzuolo. Non si sa ancora molto di “Vortex”, anche se sarà presentato in anteprima mondiale al Festival di Cannes 2021 nella sezione Premiere di Cannes appena creata. Il cast include l’iconico regista italiano Dario Argento, oltre a Françoise Lebrun e Alex Lutz.

Un articolo apparso su Variety sulla premiere del film a Cannes descrive “Vortex” come “un film in stile documentario che ruota attorno agli ultimi giorni di una coppia di anziani”. ScreenDaily riporta che Noé “aveva corso per finire il film” per Cannes, poiché la produzione è iniziata solo quest’anno. Alcune informazioni raccolte da The Film Stage considerano “Vortex” come la fusione degli stili del regista francese Jean Eustache e del genere giallo horror italiano, di cui Argento è una figura di spicco. Nessun dettaglio ufficiale da Cannes o dall’agente di vendita Wild Bunch è stato divulgato.

“Vortex” segnerà il settimo film solista di Noé ad essere presentato in anteprima mondiale nella Selezione Ufficiale del Festival di Cannes o in una delle sezioni parallele dell’evento. Ogni volta che Noé si reca a Cannes, consegna sempre uno dei film più interessanti del festival. I precedenti sforzi di Noé presentati a Cannes includono “Lux Æterna” (2019), “Climax” (2018), “Love” (2015), “Enter The Void” (2009), “Irréversible” (2002) e “I Stand Solo” (I998).

Il critico capo di IndieWire, Eric Kohn, ha proclamato “Climax” di Noé come il più grande film della carriera del regista fino ad ora a Cannes 2018, dove il film è stato presentato in anteprima mondiale nella sezione laterale della Quinzaine des Réalisateurs. La recensione recita: “La straordinaria cavalcata psichedelica di Gaspar Noé è il suo risultato più mirato, un pacchetto conciso di sequenze di danza frizzanti e sviluppi sobbalzanti che suonano come un perfetto mashup del franchise ‘Step Up’ e ‘Salo’, o i 120 giorni di Sodoma, ‘ per non parlare del disorientante inganno cinematografico dei crediti ‘provocatori’ di Noé.”

La logline di “Vortex” riporta alcuni che hanno già doppiato il progetto “Amour” di Noé, il vincitore della Palma d’Oro diretto da Michael Haneke. Sebbene “Vortex” non abbia ancora un distributore negli Stati Uniti, Noé probabilmente non vuole che vada su Netflix o su un gigante dello streaming.

“Mi piace fare film per il grande schermo”, ha detto Noé a IndieWire nel 2019. “Mi piace guardare il mio pubblico urlare, piangere o ridere quando i film escono. E non succede quando mostri il film in TV o su Netflix”.