La trasformazione del trucco del “Pinguino” di Colin Farrell in “The Batman” ha richiesto 4 ore Colin Farrell rivela che il trucco necessario per diventare il Pinguino di Batman ha richiesto quattro ore per essere applicato, prima che il team alla fine lo riducesse a due.

325 0

Colin Farrell rivela che la trasformazione del trucco necessaria per diventare il Pinguino di Batman ha richiesto quattro ore. Il reboot dello sceneggiatore/regista Matt Reeves vedrà Robert Pattinson il Crociato Incappucciato all’inizio della sua carriera di vigilante a Gotham City. Ispirato a fumetti come Batman: Year One e The Long Halloween, The Batman di Reeves introdurrà anche una manciata di iconici cattivi dalla sua galleria di ladri, tra cui Catwoman di Zoe Kravitz, L’Enigmista di Paul Dano, Carmine Falcone di John Turturro e Oswald “Oz” di Farrell Cobblepot, alias Pinguino.

Mentre Bruce Wayne indaga su una serie di raccapriccianti omicidi, l’Enigmista, ispirato a Zodiac Killer, sarà il cattivo principale del film. L’Enigmista di Dano è rimasto in gran parte nascosto durante la campagna promozionale di The Batman e la svolta irriconoscibile e truccata di Farrell mentre il pinguino gonfio ha attirato molta attenzione. Nonostante sia stato preso in giro come un personaggio secondario minore, i fan non vedono l’ora di vedere la sua versione più grintosa e più accurata dei fumetti del gangster dal naso storto della DC Comics.

Durante una recente intervista con Variety, Farrell ha discusso brevemente del processo per ottenere il look di Penguin per The Batman. Secondo l’attore, l’applicazione del combover, del trucco e delle protesi del personaggio ha richiesto “quattro ore” prima che alla fine “scendessero a due”. Farrell ha continuato parlando della sua motivazione per avere un ruolo di supporto nel film essendo Reeves stesso, definendo il regista di The Batman “un regista meraviglioso, quindi ero solo grato di poterlo avvicinare”. L’attore ha continuato a stuzzicare il film come “una versione davvero unica di una storia che è stata raccontata spesso”, esaltando ulteriormente il nuovo sguardo di Reeves su un eroe che è stato rivisitato da innumerevoli registi.

Secondo quanto riferito, Farrell era così irriconoscibile che quelli sul set di The Batman non si rendevano nemmeno conto che fosse lui. Tuttavia, mentre gran parte del clamore che circonda la sua performance riguarda il suo aspetto, il personaggio non sarà definito dal suo espediente, e l’uomo uccello è sparito da precedenti raffigurazioni come l’iterazione di Danny DeVito in Batman Returns. La versione più radicata di Farrell, esistente in una Gotham più grintosa, prende ispirazione emotiva dal franchise di Fredo Corleone del Padrino. The Batman installerà il suo Pinguino come un membro deriso della sua rispettiva famiglia criminale e una sorta di ostacolo per Bruce Wayne.

Farrell non avrà un ruolo importante in The Batman, ma la Warner Bros. e la DC Films vogliono chiaramente il suo Pinguino per progetti futuri. Altrimenti, non avrebbe necessariamente senso applicare ore di trucco a un nome così grande per un ruolo che avrebbe potuto essere semplicemente interpretato da qualcuno che è in sovrappeso e calvo. Detto questo, sono in fase di sviluppo due spin-off di HBO Max incentrati sul dipartimento di polizia di Gotham e sulle origini del Pinguino, l’ultimo dei quali è prodotto da Reeves e scritto da Lauren LeFranc (Agenti di SHIELD e Impluse) incaricata di scrivere le sue sceneggiature. Anche se Farrell non è ancora stato confermato per essere coinvolto nella serie, The Batman è pronto per allestirlo quando uscirà nelle sale questo marzo, dove il pubblico vedrà finalmente i risultati degli ardui giorni di Farrell sulla sedia del trucco.

Ary