La stagione 4 di “Stranger Things” contiene tre momenti super emotivi che sono stati effettivamente improvvisati dagli attori sul set Gli sceneggiatori hanno condiviso alcuni momenti non sceneggiati dai risvolti sbalorditivi.

148 0

Penseresti che quando si scrive e dirige l’epico finale di stagione di uno spettacolo come Stranger Things, in cui tanti personaggi e trame diversi devono essere orchestrati con cura, non ci sarebbe spazio per l’improvvisazione da parte degli attori. Ma come ha rivelato il team dietro la serie, non è vero.

Nei momenti che precedono la scena dell’inseguimento di Hopper e l’eventuale resa dei conti con il Demogorgone, lui e Joyce (con cui si è appena riunito) condividono un bacio. Secondo un tweet dall’account Twitter ufficiale della stanza degli sceneggiatori di Stranger Things, il bacio non è stato sceneggiato ed è stato in realtà qualcosa che gli attori David Harbour e Winona Ryder hanno inventato da soli.

Durante la scena incredibilmente tesa nell’attico di casa Creel dopo la battaglia psichica di Max ed Eleven contro Vecna, mentre culla il corpo spezzato di Max, Lucas grida a sua sorella di chiedere aiuto; questa era una battuta improvvisata da Caleb McLaughlin, che lo interpreta.

Infine, uno dei momenti più strazianti dell’episodio è stato del tutto non sceneggiato: nella scena in cui Eddie Munson muore dopo aver coraggiosamente affrontato i mostri-pipistrelli del Sottosopra, dice a Dustin “Ti amo, amico”. Questa linea di dialogo, che conferisce alla scena ancora più pathos, è stata ideata dall’attore Joseph Quinn.

“Penso che ci siano tutti i diversi tipi di sapori dell’amore, e penso che gli uomini a volte facciano fatica a parlarne”, ha detto Quinn in una recente intervista a Collider. “Personalmente avevo sicuramente avuto persone più anziane, ragazzi nella mia vita che ammiravo e verso cui avevo sicuramente questo tipo di amore fraterno, e l’ho sentito anche da loro. Questo è ciò che io e Gaten volevamo davvero trasmettere con la nostra trama, quindi io ‘ Sono contento che si sia imbattuto. “

Ary