The Walking Dead Universe

The Walking Dead Universe, in arrivo degli spin-off Un trailer anticipa le tre nuove serie spin-off dedicate al mondo di The Walking Dead

253 0

The Walking Dead Universe, un trailer comunica l’arrivo di tre nuove serie spin-offThe Walking Dead è in onda dal 2010 e il suo finale in attesa della stagione 11 nel 2022 dovrebbe sembrare un evento monumentale. Invece, sembra che stia costruendo verso un inevitabile anti-climax. A causa del modo in cui AMC ha deciso di rivelare i suoi piani per un universo di Walking Dead ampliato. Per qualsiasi motivo, AMC vuole chiarire esplicitamente che The Walking Dead non si concluderà con la stagione 11.

Ma si sta invece espandendo dividendosi in tre diversi spin-off con protagonisti i personaggi principali di TWD. Unendosi ad altri due spin-off già esistenti, Fear the Walking Dead e Tales of the Walking Dead. Il primo spin-off di Daryl e Carol è stato annunciato tempo fa. E gli ultimi mesi hanno rivelato entrambi che si svolge in Europa. Dove hanno zombi veloci e Carol non verrà più. Poi abbiamo sentito parlare di Isle of the Dead, lo spin-off di Maggie e Negan a Manhattan. Che alla fine ha cambiato il suo nome in Dead City.

The Walking Dead Universe, AMC vuole chiarire che il suo universo non sta finendo

Infine, è stato recentemente rivelato che i film di Rick Grimes si sono trasformati in un’altra serie con protagonista lui e il suo interesse amoroso Michonne. Il problema con l’annuncio di tutti questi spettacoli così presto è che toglie davvero il vento dalle vendite dell’ultima stagione di The Walking Dead stesso. Per lo meno, sappiamo che Daryl, Negan e Maggie sono tutti al sicuro. E se Michonne o Rick fanno un cameo, non è una grande sorpresa perché sappiamo che hanno anche un nuovo show in arrivo. “Sicuramente, quando stavamo scrivendo la stagione e girandola, non sapevamo che sarebbe stata annunciata”, ha detto Kang.

“Forse le cose sarebbero state gestite in modo leggermente diverso. Ma, sai, questo è al di sopra delle mie aspettative”. Morgan è stato un po’ più schietto: “Penso che non abbiamo bisogno di morire. Avviso spoiler, gente. Scusate! Non sono ancora sicuro del motivo per cui l’abbiamo già annunciato. È stato una specie di shock per me”. AMC vuole chiarire che l’universo di Walking Dead non stia finendo. Ma così facendo, hanno davvero ridotto il peso del loro finale rendendo chiaro chi recitava in tutti questi nuovi spin-off. Ben prima della fine dello spettacolo originale.

The Walking Dead Universe, cambieranno molte storie della serie originale

Ora abbiamo un elenco molto più piccolo di personaggi che sembrano davvero “a rischio”. E non include nessuna delle più grandi star dello show. I membri di “OG” sono tutti al sicuro a questo punto. Meno forse Carol, ma ci sono stati anche indizi che sopravviverà per mandare via almeno Daryl. Anche se non è più co-protagonista nella sua serie. Potrebbe anche finire con il suo show separato. Segna il primo episodio del terzo lotto di episodi della stagione 11. Indicando quanto sia stata trascinata questa stagione finale. Sapevamo già che doveva essere molto diversa dai fumetti. Poiché tutte le cose principali che accadono nel materiale originale dovrebbe essere cambiato. Come il conflitto con Michonne, la morte di Dwight e Rick e il flash-forward nel tempo con un adulto su Carl.

Perché letteralmente nessuno di quei personaggi è più nello show. Ovviamente, Daryl potrebbe sostituire Rick o qualcosa del genere. Chiaramente neanche questo sta accadendo. Sembra una mossa che AMC ha fatto per assicurare agli investitori che non stava perdendo la sua più grande attrazione dell’ultimo decennio. Annunciando una lista di spin-off di alto profilo con tutti i grandi attori della serie principale. Ma ha davvero reso questa stagione finale una specie di lavaggio in molti modi. Con la tensione eliminata da così tanti momenti, perché sai esattamente a chi non è permesso morire.

 

Fonte: Forbes.com

Renata Candioto

Diplomata in sceneggiatura alla Roma Film Academy (ex Nuct) di Cinecittà a Roma, amo il cinema e il teatro. Mi piace definirmi scrittrice, forse perché adoro la letteratura e scrivo da quando sono ragazzina. Sono curiosa del mondo che mi circonda e mi lascio guidare dalle mie emozioni. La mia filosofia è "La vita è uguale a una scatola di cioccolatini, non sai mai quello che ti capita".