Corto Maltese

Corto Maltese, serie live-action con Frank Miller Studiocanal e Canal+ adatteranno la graphic novel di Hugo Pratt

176 0

Corto Maltese, graphic novel di Hugo Pratt, diventerà una serie live-action. Frank Miller sarà creatore, scrittore e produttore esecutivo. In produzione Studiocanal e Canal+. Lo show sarà formato da sei episodi, da un’ora ciascuno. L’EP della serie è Jemma Rodgers, insieme a Silenn Thomas, l’ultimo dei quali è CEO di Frank Miller Ink. A supervisionare gli effetti visivi c’è Phil Tippett. Il cui lavoro include i franchise di Star Wars e Jurassic Park e Willow. Studiocanal EVP Global Production Ron Halpern e l’amministratore delegato esecutivo TV Francoise Guyonnet supervisioneranno lo studio.

Pratt ha lanciato la serie nel 1967. Corto Maltese è un audace capitano di mare le cui avventure hanno avuto luogo nella prima parte del 20° secolo. Il racconto d’avventura, riccamente disegnato, ha fuso la fantasia con la realtà. Questo, quando i maltesi sono entrati in contatto con alcuni dei personaggi più influenti della letteratura. Come, Jack London, Ernest Hemingway, Butch Cassidy. Tutto questo mentre attraversava mari e oceani. Miller ha co-diretto i primi due film di Sin City con Robert Rodriguez. E i cui fumetti e graphic novel includono 300, The Dark Knight Returns Batman: Year One e Daredevil: Born Again.

Quest’anno ha lanciato un nuovo banner editoriale, Frank Miller Presents. È presidente/EIC dell’imprint, che ha appena pubblicato Ronan: Book Two and Ancient Enemies. “Ho scoperto Corto Maltese leggendo i libri al Forbidden Planet di New York da giovane”, ha detto Miller. “Poi nei miei viaggi ho studiato e scoperto un’edizione in edicola a Roma. L’opera d’arte era così espressiva e così audace che è saltata fuori dalla carta da giornale. Mi ha spazzato via. Era pieno di magia e avventura romantica. Maltese è un mascalzone che potrebbe parlare con gli dei.

Patrizia Zanotti: “Pratt sarebbe entusiasta di vedere il suo personaggio Corto Maltese rianimato attraverso un autore che ha la straordinaria capacità di portare avanti miti senza tempo”

Per me ha mostrato il potere del fumetto in cui il linguaggio che non è una grande barriera. Da allora sono un fan di Corto Maltese. Questo è il viaggio dell’eroe nella sua forma più classica. E non potrei essere più onorato di contribuire a portare in questa serie il romanticismo e l’eroismo. Il misticismo sottostante alla creazione di Pratt”. Patrizia Zanotti, una stretta collaboratrice di Pratt, ha affermato che c’era un alto livello di rispetto per Miller e le sue opere da parte del creatore Corto Maltese, scomparso nel 1996.

“Hugo Pratt ha apprezzato fin dall’inizio il lavoro di Frank Miller tanto da pubblicarlo sulla rivista Corto Maltese nel 1988”, ha detto Zanotti. “Pratt come Miller sono studenti di cartoni animati classici americani come Milton Caniff. Con il loro uso di ombre, inchiostri drammatici e pennellate audaci. Chi meglio di Frank Miller per reinterpretare il mondo di Hugo Pratt dopo tutti i personaggi e i mondi che il leggendario creatore ci ha portato?

Pratt sarebbe entusiasta di vedere il suo personaggio Corto Maltese rianimato attraverso un autore che ha la straordinaria capacità di portare avanti miti senza tempo. Introducendo personaggi iconici alle nuove generazioni. Pratt ha detto attraverso uno dei suoi personaggi che “nulla è scritto che non possa essere riscritto”. Credo che nessun altro oltre a Frank Miller possa interpretare l’impulso creativo insito in questa frase”.

 

Fonte: Deadline.com

Renata Candioto

Diplomata in sceneggiatura alla Roma Film Academy (ex Nuct) di Cinecittà a Roma, amo il cinema e il teatro. Mi piace definirmi scrittrice, forse perché adoro la letteratura e scrivo da quando sono ragazzina. Sono curiosa del mondo che mi circonda e mi lascio guidare dalle mie emozioni. La mia filosofia è "La vita è uguale a una scatola di cioccolatini, non sai mai quello che ti capita".