Warriors of the Future: La recensione del film al Trieste Science+Fiction Festival 2022

24 0

Oggi qui su ProjectNerd.it vi parliamo di un film in arrivo a inizio dicembre su Netflix ma che abbiamo avuto la possibilità di vedere al Trieste Science+Fiction Festival 2022, qualche settimana prima del suo arrivo sulla piattaforma dalla grande N. Si tratta di Warriors of the Future del debuttante Ng Yuen-fai un film sci-fi\action decisamente ambizioso made in Hong Kong, un mercato che spesso si è dimostrato intenzionato a sperimentare e cercare di avvicinarsi al mondo dei mercati cinematografici principali con risultati altalenanti.

Warriors of the Future ci porta nel 2055, un futuro in cui la terra è sterile, ma dallo spazio arriva un asteroide che contiene una forma di vita aliena chiamata Pandora che è in grado di purificare il pianeta, ma che cresce rapidamente e uccide tutto quello che incontra, inizia così una missione dell’esercito che dovrà riuscire a raggiungere la pianta e distruggerla, ma le cose non saranno semplici come previsto 

Come detto in precedenza sui film di Hong Kong, anche nel caso di questo film non mancano piccole incertezze, si nota l’attenzione che la produzione ha posto sulla spettacolarità del prodotto finale, cercando di colpire lo spettatore con un buon impatto visivo e una buona dose di adrenalina, che però riesce a nascondere solo in parte una sceneggiatura un po’ scricchiolante.
Il cast è composto da un buon numero di attori noti dell’area asiatica capitanati da Louis Koo, che di fatto ha chiamato a raccolta colleghi  come  Sean Lau (Call Of Heroes), Nick Cheung (The White Storm) e Carina Lau (Detective Dee: The Four Heavenly Kings) oltre ad aver finanziato di tasca propria parte del progetto, dimostrando di crederci abbastanza.

 

 

Un film che sicuramente deve molto al mondo videoludico e a pellicole sci-fi del suo stesso stampo come Edge of Tomorrow, puntando sull’intrattenimento in stile blockbuster fatto di belle scene e trame basilari, uno schema che nonostante tutto funziona e riesce a farci finire il film abbastanza soddisfatti della visione.

Marcello Portolan

Uno strano mix genetico sperimentale allevato a fumetti & fantascienza classica, plasmato dal mondo dell'informatica e della tecnologia, ma con la passione per la scrittura. Un ghiottone che adora esplorare il mondo in cerca di Serie TV e pellicole da guardare noncurante dei pericoli del Trash e dello splatter. un vero e proprio globetrotter del mondo NERD