La rottura della DC ha agitato le acque: quali sono le prospettive per “Man Of Steel” e altri sequel dopo “Wonder Woman 3”

286 0

Il caos scoppiato mercoledì in DC sullo scollegamento della versione di Wonder Woman 3 di Patty Jenkins insieme alle voci dilaganti sui nuovi co-capi dello studio James Gunn e Peter Safran che capovolgono l’etichetta del fumetto senza un Henry Cavill “Man of Steel 2” e possibili ri- il casting di molti ruoli attuali di grandi supereroi ha lasciato la città con un brutto caso di disturbo da stress post-traumatico.

La mancanza di comunicazione da parte dello studio ai rappresentanti dei talenti e ai creatori di contenuti su ciò che sarà il prossimo nell’impero DC, mentre Gunn e Safran lo delineano, ha riportato alla mente brutti flashback di quando l’ex CEO di WarnerMedia Jason Kilar ha sorpreso e alienato Hollywood con il suo “Progetto Popcorn ”, e persino la guerra del CEO della Disney Bob Chapek con Scarlett Johansson per Black Widow.

“Questo sta creando una rivolta”, afferma un creatore di contenuti collegato alla tariffa DC sul livello di silenzio che hanno ricevuto sul destino dei loro progetti DC in futuro. “Ed è un’ottica orribile. Questo business si basa sulle relazioni”.

Quando si tratta delle voci là fuori secondo cui i membri principali del cast di supereroi DC Gal Gadot (Wonder Woman), Jason Momoa (Aquaman) e Henry Cavill (Superman) potrebbero essere riformulati mentre l’amministrazione Gunn-Safran crea un piano sinergico per il marchio DC in tutto medium, la nostra fonte dice: “Questi franchise che fanno già un sacco di soldi – perché fermarli? Come può uno studio con così tanti debiti permettersi di ricominciare da capo? Ci sono sceneggiature e programmi degli attori da capire.

Quei tre attori e Dwayne Johnson di Black Adam sono rappresentati da WME, e un completo turnover di star DC da parte della Warner li metterebbe sotto scacco a una grande agenzia. Nessuno si sta preparando ad andare in guerra alla CAA/Disney con Johansson. Nonostante tutti stiano giocando bene, c’è un’ansia in agguato. D’altra parte, abbiamo sentito che il regista di Flash rappresentato da WME Andy Muschietti e il regista di Indiana Jones James Mangold sono entusiasti di fare affari con lo studio guidato da Gunn/Safran.

Gunn ha cercato di alleviare l’agitazione oggi in un multi-post su Twitter riconoscendo “l’ambiente irritabile” in cui stanno entrando lui e Safran, dicendo “ci sarebbe stato un inevitabile periodo di transizione mentre ci muovevamo nel raccontare una storia coerente attraverso film, TV, animazione e gioco.”

Sebbene sia un eufemismo dire che il cambiamento non è mai facile, l’arrivo di Gunn e Safran alla DC è simile a qualsiasi grande capo che prende il controllo di uno studio o un allenatore di calcio che prende il controllo di una squadra. Porteranno la loro visione e, molto probabilmente, la storia verrà riscritta. Dai un po’ di credito ai ragazzi: si stanno proponendo di creare un franchise più coeso come la Marvel.

Sappiamo che non renderemo ogni singola persona felice in ogni fase del percorso, ma possiamo promettere che tutto ciò che facciamo è fatto al servizio della STORIA e al servizio dei PERSONAGGI DC, sappiamo che ami e che abbiamo amato tutta la nostra vita”, ha aggiunto il regista del franchise Guardiani della Galassia e Suicide Squad nel suo tweet.

Ora, Gunn e Safran mirano a non avere una situazione con Kilar nelle loro mani per quanto riguarda le relazioni con i talenti e sperano di informare i rappresentanti dei loro piani DC prima delle vacanze subito dopo essersi seduti con il CEO di Warner Discovery David Zaslav.

Wonder Woman 3

Secondo gli esperti, è stata Patty Jenkins ad andarsene dopo aver ricevuto appunti sul trattamento che ha sottoposto allo studio. Apparentemente il suo trequel ha avuto problemi con l’arco del personaggio che rivaleggiavano con quelli di Wonder Woman 1984, che – nonostante sia stato influenzato al botteghino dai teatri chiusi di New York e Los Angeles durante Covid e dal piano HBO Max / giorno e data dello studio – è stato stroncato dalla critica al 58% Rotten e non un rave con i fan con un B + Cinemascore nonostante il primo abbia ottenuto un A. Un dirigente di uno studio rivale ha osservato il potenziale problema nell’attuale configurazione DC di avere un regista come Gunn che fornisce note a un regista affermato come Jenkins, ma abbiamo sentito che i capi della Warner Bros. Motion Picture Michael De Luca e Pam Abdy erano preoccupati per il trattamento prima che Safran e Gunn intervenissero. Il gruppo ha fornito delle note. Jenkins ha reagito e ha difeso la sua visione secondo cui gli archi del personaggio del trequel erano solidi. A Jenkins è stata data l’opportunità di un altro passaggio, ma ha deciso di camminare. Mentre l’ottica di Wonder Woman 3 che non va avanti sulla scia dell’ascia di Batgirl fornisce una cattiva ottica per lo studio, non è mai stata intenzione di nessuno essere sessista. La speranza per un altro film di Wonder Woman esiste. La domanda è se Gadot voglia farcela senza Jenkins e, a giudicare dal tweet dell’attrice due giorni prima dell’esplosiva notizia DC, sembra che voglia restare a bordo. Insieme, i film di Wonder Woman hanno incassato 992,4 milioni di dollari, le prime entusiasmanti spettatrici dell’universo DC. Perché l’attuale amministrazione DC non vorrebbe più Wonder Woman?

Man Of Steel 2 di Henry Cavill

Prima ancora che arrivassero Gunn e Safran, è stata una decisione di De Luca e Abdy con Johnson, ci dicono fonti, di mettere il Superman di Cavill alla fine di Black Adam per dare al film oscuro un cliffhanger edificante ed emozionante. Nessun rimpianto lì. Cavill è gestito da Dany Garcia, che rappresenta anche l’ex coniuge Johnson. Il team di Cavill aveva sostenuto per un po’ di tempo che l’attore tornasse nei panni dell’Uomo d’Acciaio, un ruolo che ha assunto nella versione del 2013 diretta da Zack Synder ($ 668 milioni WW) e che ha continuato nel 2016 in Batman v Superman: Dawn of Justice ($ 873 milioni WW) e Justice League del 2017 ($ 657,9 milioni). Cavill, abbiamo sentito, si è preso la responsabilità di annunciare il suo ritorno come Man of Steel su Instagram il 24 ottobre, il giorno prima che Safran e Gunn fossero nominati capi della DC. De Luca e Abdy prima dell’arrivo del duo hanno ascoltato una presentazione del produttore di Man of Steel Charles Roven e di uno scrittore. A loro non piaceva e volevano aspettare che il piano di Safran e Gunn andasse a buon fine. Quindi, Man of Steel 2 non ha mai avuto il via libera, non ha avuto un regista né è stato confezionato. Capisce? Man of Steel 2 rimane uno slot aperto fino a quando lo studio non sente un tono migliore.

Durante il periodo delle vacanze del Ringraziamento, Johnson ha rivelato in un post video di aver “combattuto duramente” con la Warner per riportare Cavill. Johnson ha detto che la Warners “inspiegabilmente e ingiustificatamente” non voleva riportare in vita Cavill, ma non avrebbe accettato un no come risposta e il suo team si è messo al lavoro.

Ci sono voluti anni per riportare indietro Henry Cavill e anni di conversazioni strategiche, e non avremmo accettato un no come risposta“, ha detto Johnson. “Non c’era modo – non esiste un modo logico praticabile per tentare di costruire l’Universo DC senza la forza più potente e il più grande supereroe di tutti i tempi seduto in disparte. È impossibile da fare.”

Ma, aspetta, che mi dici di quel Flash che termina con Cavill?

Sì, Cavill l’ha girato, c’è qualcosa che coinvolge Clark Kent con ulteriori cameo di Supergirl, Aquaman e Wonder Woman nel film. Tuttavia, lo studio in questo momento è seduto su queste opzioni fino a quando i suoi dirigenti non si consultano con Safran e Gunn. Rimane se il duo vuole fare un altro Flash guidato da Ezra Miller e, se lo fanno, come lo faranno. Miller è stato in fiamme nei tabloid per una serie di scontri durante tutto l’anno, l’attore sta attualmente combattendo contro un’accusa di furto con scasso di liquori nel Vermont. L’attore si è scusato pubblicamente per le loro azioni.

E Black Adam 2?
C’è stato silenzio radio dalla Warner Bros. al team del film sull’esistenza di un sequel del film diretto da Johnson. Tuttavia, Warner Brass e Johnson sono entusiasti del fatto che il film possa realizzare un profitto a nord di $ 50 milioni nonostante i falsi resoconti dei media. I Warner vorrebbero mantenere una risorsa come Johnson con mezzo miliardo di follower sui social media, il campione del popolo ha realizzato diversi film di successo con New Line tra cui San Andreas, Rampage e Journey to the Center of the Earth.

Ci sarà un reboot completo delle star principali di DC?
Un insider dello studio ci dice: “In nessun momento c’erano nozioni preconcette di non continuare con questi attori. Tutto si riduce a come The Flash (16 giugno) e Aquaman and the Lost Kingdom (25 dicembre) vanno al botteghino. Per non parlare del fatto che lo studio non vuole che Gadot riattacchi il lazo di Wonder Woman.

E Jason Momoa come Lobo?
Questa è solo una speculazione dei fan al momento, dato che l’attore assomiglia all’antieroe. Momoa e Gunn sono amici, con l’attore che ha fatto un cameo nei panni di Aquaman nello spin-off di Suicide Squad della serie HBO Max The Peacemaker.

Ary