Scuola di sopravvivenza: Missione safari

Scuola di sopravvivenza: Missione safari – La recensione

253 0

Su Netflix dal 16 febbraio tornano i film interattivi con protagonista l’amatissimo Bear Grylls. In Scuola di sopravvivenzaMissione safari vivremo una emozionante avventura in cui dovremo prendere decisioni alla svelta, scelte da cui dipenderà la nostra missione e non solo. 

Dopo un improvviso blackout in una riserva safari, Bear Grylls viene chiamato e ha bisogno di aiuto. La situazione è grave: un leone fuggito viene avvistato in un villaggio vicino, un babbuino è scappato e si sta dirigendo verso le scogliere e la corrente deve essere ripristinata prima che altri animali riescano a fuggire.

L’unione dei classici episodi di Man vs Wild con l’interattività resa possibile dalla piattaforma di streaming è indubbiamente una carta molto interessante, permettendo allo spettatore una visione più attiva e coinvolgente dello show. Avremo il compito di seguire attentamente le parole dell’esperto in sopravvivenza e nel momento giusto quello di scegliere come proseguire la storia, affrontando le conseguenze delle nostre azioni; anche l’ordine in cui decideremo di gestire le diverse emergenze influenzerà l’episodio, dovremo quindi utilizzare al meglio la logica per capire cosa è meglio fare prima.

Scuola di sopravvivenza: Missione safari

Purtroppo Scuola di sopravvivenzaMissione safari non è perfetto, probabilmente in parte risente dei limiti del sistema di interattività messa a disposizione da Netflix. Durante la nostra esperienza in anteprima abbiamo notato che le scelte da compiere sono di base molto semplici, se si ascoltano le parole di Bear è quasi impossibile sbagliare perchè ci guiderà sempre verso la risposta corretta, rendendo forse un po’ troppo semplice il gioco. Tuttavia abbiamo voluto volontariamente seguire una sequenza di missioni non del tutto logica, per vedere come l’episodio sarebbe cambiato rispetto alla nostra decisione, in questa situazione abbiamo sperimentato il problema di cui abbiamo accennato in precedenza, trovandoci prima a seguire una certa linea narrativa e poi “rigiocando la missione” siamo stati catapultati alla sequenza migliore, non a quella dove avevamo fallito prima. 

Una situazione che non rende meno interessante questo tipo di esperimenti interattivi, ma che sicuramente può disturbare lo spettatore che si ritroverà a vedere un video diverso da quello che avrebbe dovuto vedere ò.

Se vi piacciono i documentari di Grylls Scuola di sopravvivenzaMissione safari è una bella sferzata di energia da sperimentare in questi pomeriggi uggiosi invernali da passare sul divano.

Marcello Portolan

Uno strano mix genetico sperimentale allevato a fumetti & fantascienza classica, plasmato dal mondo dell'informatica e della tecnologia, ma con la passione per la scrittura. Un ghiottone che adora esplorare il mondo in cerca di Serie TV e pellicole da guardare noncurante dei pericoli del Trash e dello splatter. un vero e proprio globetrotter del mondo NERD