Black Panther

Black Panther: ecco perchè è stata scelta Busan “Cercavo qualcosa di diverso”

5633 0

Uscito ormai da un mese, molti avranno già visto l’ultima pellicola targata Marvel Studios, per la precisione, il diciottesimo film del Marvel Cinematic Universe: “ Black Panther “.
Molti ricorderanno che una delle principali scene d’azione del film si svolge in Corea del Sud, per la precisione a Busan.
Come mai il regista e sceneggiatore Ryan Coogler ha scelto proprio questa splendida città portuale?
La scena dell’inseguimento automobilistico tra T’Challa / Pantera Nera (interpretato da Chadwick Boseman ) e il trafficante d’armi e contrabbandiere Ulysses Klaue (interpretato da Andy Serkis ) inizia tra i mercati tradizionali di Jagalchi.

Proprio riguardo ai mercati tradizionali della città, il regista si esprime raccontando:

“Durante la ricerca, ho notato alcune somiglianze tra la città di Busan e la mia città natale.
Aspetti come il trambusto del mercato di Jagalchi mi sono sembrati molto familiari “.
-Ryan Coogler

Non solo tradizionalità, ma anche modernità e una vista mozzafiato:

” Dato che la scena d’azione si svolgeva di notte, doveva esserci una splendida vista notturna e volevo anche mostrare un lato tradizionale della regione.
Avevamo bisogno di un sito cinematografico unico e diverso. ”
-Ryan Coogler

Il fulcro della scena non è solo al mercato tradizionale a Nampodong.
La disputa v’inizia, ma prosegue attraverso il ponte Gwangandaegyo a Haeundae, in un’emozionante scena d’inseguimento.
La troupe di produzione ha chiuso la spiaggia di Gwangali per girare le parti in questione, coinvolgendo oltre 100 auto e 700 persone.
Black Panther “ non è il primo film a toccare con mano la Corea del Sud, ma il secondo.
La prima pellicola della Marvel a usare la Corea del Sud come location per i suoi film, fu ” Avengers: Age of Ultron “, girato nel 2015 a Seoul, capitale sud coreana.

Vi lasciamo nell’articolo corrente, alcuni video durante le riprese della scena citata.

Voi cosa ne pensate?

Source (1) (2) (3) (4)

Francesca Bandini

Totalmente avvolta nella sua bolla fatta di letteratura (principalmente fantasy, urban fantasy e distopico), ballo, recitazione, post produzione, cinematografia e fotografia. Cosplayer dal 2008. Dedita al violino come il celebre Sherlock Holmes, innamorata della chitarra come Jimi Hendrix (senza darle fuoco). Entra nel mondo del K-Pop senza passare dal via e fra i suoi gruppi preferiti del genere svettano Super Junior e AOA. Tanti anni prima sposa il genere J-Rock, dove i GazettE resteranno sempre sovrani nella sua playlist.