Hulk Hogan avverte i fan della WWE: “La Legends Night di Raw sarà una puntata imprevedibile” La grande leggenda del wrestling ha pubblicizzato, in una recente intervista, la prima puntata del 2021 di Monday Night Raw

445 0

Hulk Hogan sarà soltanto uno degli illustri nomi che presenzieranno alla speciale Legends Night della WWE, in programma nella notte italiana fra lunedì 4 e martedì 5 gennaio 2021.

Una puntata di Raw ricca di aspettative e che, stando a quanto dichiarato dall’Hall of Famer in una recente intervista, sarà davvero imprevedibile.

WWE: Nella puntata del 4 Gennaio entrerai per la prima volta a far parte del ThunderDome. Cosa ne pensi e cosa provi al pensiero di sperimentarlo dal vivo?

Hulk Hogan: Sono davvero emozionato all’idea e adoro l’intero concept del ThunderDome, credo che sia stato un esperimento giustissimo per far fronte alla situazione di incertezza che ha colpito il mondo intero. Ricordo ancora dei brividi che ebbi addosso quando partecipai alla prima edizione di WrestleMania, non sapendo minimamente quello che sarebbe accaduto, o di quando fui spaventato a morte dal pensiero di affrontare Andre The Giant.

Per non parlare di quando lottai contro The Rock e il pubblico iniziò a tifarmi. Far parte del ThunderDome equivarrà per me a un grande WrestleMania moment. Sarà una grande rimpatriata di amici: da Kurt Angle a Ric Flair, fino ad arrivare a Torrie Wilson, sono sicuro che sarà una grande notte.

WWE: Quanto pensi sia importante per le leggende  “passare la torcia” alle nuove generazioni?

Hulk Hogan: Penso sia fondamentale per fare in modo che il business evolva e non rimanga mai fermo sugli stessi nomi. Ricordo di quando il mio personaggio fosse davvero popolare negli anni ’80 e poi arrivarono gli anni ’90, ma non c’era nessuno che fosse pronto a sostituirmi.

Abbiamo dovuto aspettare l’esplosione di popolarità di The Rock per compiere il proverbiale passaggio della torcia. Negli anni ’90 provammo a dare fiducia a qualche nome, ma nessuno di loro era pronto. Non c’era ancora gente del calibro di The Rock, Stone Cold Steve Austin e John Cena. Quando si sceglie un campione, bisogna fare in modo che rappresenti la federazione in tutto e per tutto, e che sia pronto a guidarla.

Lo storico “face off” tra Hulk Hogan e The Rock a WrestleMania X8 (2002)

WWE: All’inizio del mese è purtroppo venuto a mancare Pat Patterson. Hai condiviso una foto che ti ritraeva insieme a lui durante la prima intervista in TV. Quanto grande è l’eredità che Pat ha lasciato al mondo del wrestling?

Hulk Hogan: Pat ha aiutato tutti noi nel mondo del Wrestling ed è stata una figura fondamentale la cui eredità sarà ricordata a lungo. Quando mossi i miei primi passi all’interno del business, Pat fu l’unico ad avere fiducia in me e insegnarmi le basi della disciplina. Nel corso degli anni siamo diventati grandi amici e gli feci conoscere anche mia moglie. Ci rimasi molto male quando lo incontrati l’ultima volta e capìì che non riusciva a ricordare più il mio nome. Le sue condizioni di salute erano peggiorate e quando ho saputo della sua scomparsa, per me è stata una giornata molto dura.

Pat Patterson intervista Hulk Hogan negli anni ’80

WWE: Alcuni anni fa, dopo la vittoria dell’NXT Championship, avevi predetto Kevin Owens come il futuro del business. Hai individuato un altro nome su cui scommettere e che secondo te sarà la prossima star?

Hulk Hogan: Kevin Owens era il migliore a NXT per quanto mi riguarda. Aveva la giusta attitudine, sapeva parlare al microfono e conosceva tutti i trucchi del mestiere brevettati da Pat Patterson. Quando lo vidi per la prima volta all’opera, capìì subito che poteva fare la differenza. Adesso c’è un altro nome che sto tenendo d’occhio, ovvero Matt Riddle. Deve migliorare in alcuni aspetti, soprattutto sul tempismo, ma ha una grande presenza scenica e tutte le carte in regola per sfondare. Se dovessi puntare i miei soldi su qualcuno, lo farei su di lui.

Hulk Hogan incontra Kevin Owens nel backstage di uno show della WWE

WWE: Il 31 Gennaio sarà il momento della Royal Rumble. Quali sono le caratteristiche che rendono questo match così speciale e quali sono i segreti per uscirne vincitori?

Hulk Hogan: Bisogna avere tanta fortuna, ma soprattutto resistenza. Non importa se entri col numero 1, col 15 o col 29, devi essere conscio del fatto di avere tanti lottatori sullo stesso ring allo stesso momento e che molti tenteranno di colpirti alle spalle. Puoi contare soltanto su te stesso e su quanto fiato tu abbia in corpo.

Hulk Hogan vince la Royal Rumble del 1991

WWE: Cosa si prova a essere considerato dai fan uno dei più grandi di sempre e chi invece, secondo te, può essere la leggenda più importante di sempre della WWE?

Hulk Hogan: Mi commuove sapere che i fan la pensino in questa maniera e non posso fare altro che ringraziarli. Per quanto mi riguarda, il più grande di sempre rimane Ric Flair. Nessuno ha mai posseduto la sua etica lavorativa e il business gli scorreva letteralmente nelle vene.

Hulk Hogan e Ric Flair si scontrano in una puntata di Raw del 2002

WWE: Cosa potranno aspettarsi i fan dalla Legends Night?

Hulk Hogan:  Francamente non so neanche io cosa aspettarmi, quindi sarà una notte imprevedibile. Rivedrò tanti amici, ci saranno Big Show, Kurt Angle, Ric Flair, Carlito, può accadere di tutto. Potremmo decidere di prendere il comando dell’intera WWE. Sarà una puntata indimenticabile e i fan dovranno assolutamente sintonizzarsi.

Il banner ufficiale della Legends Night