Che cos’è la soggettività quando si eseguono le rabona scommesse e perché può essere dannosa?

219 0

Emozioni e scommesse sportive sono cose incompatibili. Tuttavia, anche gli scommettitori più esperti a volte non riescono a seguire un calcolo sobrio quando gioca la loro squadra preferita. Anche se le rabona scommesse dovrebbero essere basate principalmente su cifre e dati ottenuti dall’analisi dell’incontro imminente, e non su preferenze personali, alcuni non riescono a mantenere la loro compostezza. Vediamo più da vicino cos’è il soggettivismo nelle scommesse, come si può manifestare e se è così negativo come si potrebbe pensare.

Che cos’è il soggettivismo nelle scommesse e come si manifesta?

Il soggettivismo è un atteggiamento nei confronti di qualcosa basato non su fatti reali, ma in qualche modo modificato dall’influenza degli stereotipi. Vediamo più da vicino come può manifestarsi quando si tratta della conclusione delle rabona scommesse.

Vittoria dei favoriti

Gli analisti dei bookmaker sono ben consapevoli del fatto che molti scommettitori tendono a credere che siano i favoriti a vincere in ogni caso. E utilizzano attivamente questo fatto quando stabiliscono le linee. Sui chiari leader della competizione, il coefficiente può essere artificialmente sottostimato. I bookmaker ritengono che molte rabona scommesse saranno comunque effettuate su di loro. È interessante notare che praticamente tutti i principianti cedono a questo “trucco”. A loro sembra che se c’è un coefficiente minimo per una certa squadra, allora è lei che dovrebbe vincere.

Tuttavia, ciò è ben lontano dalla verità. Le quote non sono garanzie di vincita o di perdita, ma solo una valutazione delle possibilità di vittoria da parte degli analisti di un certo bookmaker. Tenendo conto di quanto detto sopra, è facile capire che rabona scommesse sul favorito è la manifestazione più evidente della soggettività.

Rivalutazione della sede della partita

Alcuni utenti, prima di effettuare rabona scommesse, si assicurano di scoprire dove si terrà esattamente la competizione. A loro sembra logico che la squadra nel cui paese si svolge la partita e che è sostenuta da milioni di tifosi, vincerà sicuramente. Ma è davvero così? No. Se ci sono due avversari che sono approssimativamente di pari forza, il fattore campo di casa ha un valore estremamente minimo sull’esito della partita.

Scommesse patriottiche

Scommettere esclusivamente sui club e sulle squadre nazionali preferite è soggettivismo allo stato puro. In questo caso, la preoccupazione impedisce una corretta valutazione del potenziale degli atleti (compresi gli avversari). Inconsciamente, l’utente inizia a sopravvalutare i vantaggi della sua squadra preferita e a ignorare i difetti. Perché succede questo? Il motivo principale è che le persone seguono gli eventi delle carriere dei calciatori più interessanti, ottenendo molte informazioni su come giocano i loro beniamini. L’attaccamento non può non lasciare un segno nella formazione delle opinioni sulle caratteristiche del gioco di una particolare squadra.

Cosa c’è di sbagliato nel soggettivismo?

Forse per coloro che scommettono solo per divertirsi e provare emozioni positive in caso di vittoria, non c’è nulla di sbagliato nel soggettivismo. Questi scommettitori saranno contenti se riceveranno un profitto finanziario in caso di vittoria della loro squadra. Ma per loro il fatto stesso della possibilità di vincere non è importante quanto il modo in cui giocheranno i loro atleti preferiti.

Ma se parliamo di soggettività, a cui possono essere soggetti gli scommettitori che si accingono a fare scommesse professionali, allora tutto sarà diverso. Il pensiero stereotipato impedisce loro di valutare con competenza i punti di forza e di debolezza di una certa squadra e dei suoi rivali, di correlare correttamente le informazioni e di scegliere l’opzione più promettente dal punto di vista della possibilità di ottenere profitti. Il soggettivismo spinge lo scommettitore a non fare il passo migliore – senza analisi per fare una scommessa nell’ufficio di un bookmaker, che, ahimè, spesso porta alla sconfitta. Riassumendo quanto sopra, possiamo dire che uno scommettitore professionista non dovrebbe essere soggetto alla soggettività in nessuna misura. Per lui, la cosa principale è il calcolo e l’analisi, non le emozioni.

 

 

Iarin Fabbri

Spadin (alias Iarin Fabbri) è uno dei fondatori di Project Nerd. E' socio fondatore di Webbare.it che è l'azienda che si occupa di tutto lo sviluppo software e montaggi video e grafica per Project Nerd. Spadin è esperto di retrogaming e comics, più che esperto, possiamo definirlo memoria storica, e si tiene informato sulle serie tv e i cine-comics