Milan Gamesweek 2016: Intervista a Antab Studio

1487 0

Li avevamo già conosciuti nel corso del Retrofuturo Festival dello scorso Febbraio (sembra passata una eternità) e non potevamo non ribeccarli al Milan Gamesweek 2016,.Sono gli Antab Studio, gli stilosi sviluppatori di GRIDD: Retroenhanced, uno sparatutto a scorrimento che vede il giocatore personificare un hacker intento a penetrare nel firewall di una entità informatica maligna (o così sembra essere). Nel corso del Retrofuturo Festival avevamo potuto notare un prodotto ancora nel suo stato embrionale, ma sicuramente capace di cogliere la nostra attenzione con una solida base di programmazione e uno stile grafico e di gameplay assolutamente unici. La build portata al Milan Gamesweek 2016 sembrava invece essere molto più matura, grazie a effetti grafici rinnovati, nuove animazioni, nuove bossfight e nuovi livelli da superare a suon di Virus.

gridd_021

A tal proposito Antab Studio ci ha spiegato come la partnership iniziata con Microsoft stia producendo buoni risultati grazie al programma ID@XBOX, il che ha permesso tra le altre cose di portare GRIDD oltreoceano ove, stando quanto dichiarato dagli Antab stessi, ha riscosso un enorme succeso. Il solo fatto che il loro progetto si interfacci con uno stile prettamente anni ‘80, con neon, fasci di luce rossi e scritte a schermo che sembrano uscite da un Commodore 64 ne fanno da padrona, in qualche modo porta GRIDD a entrare in sintonia con la cultura statunitense, a tutti gli effetti produttrice del grande decennio degli 80s.

Noi di PjN li abbiamo intervistati con nuove e piccanti domande e le nuove informazioni nono sono mancate. Se volete conoscere ancora di più su GRIDD: Retroenhanced non dovete fare altro che guardare l’intervista proprio qui sotto:

 

Di seguito il trailer gameplay di GRIDD: Retroenhanced:

Marco Masotina

Tosto come un Krogan, gli piace essere graffiante e provocante per scoprire cosa il lettore pensa dei suoi strani pensieri da filosofo videoludico. Adora i lupi, gli eventi atmosferici estremi, il romanticismo e Napoleone.