Dc Comics presenta We Are Robin

786 0

We are Robin è solo una delle nuove testate che sono partite da Giugno 2015 sotto l’etichetta DC Comics in conseguenza dell’evento Convergence, che ha riunito tutti i maggiori titoli delle New 52 e che ha cambiato nuovamente status quo a diversi personaggi.

Tra i personaggi che si sono visti trasformare la loro esistenza non poteva mancare il più grande detective del mondo ossia Batman che con questa nuova testata si ritroverà letteralmente…circondato di “Ragazzi Meraviglia”.

We are Robin è incentrato su Duke Thomas, un ragazzo afroamericano che ha incrociato le strade del crociato di Gotham già in passato (in Anno Zero di Scott Snyder e in Endgame), proprio nell’ultimo incontro con il ragazzo scopriamo che Duke ha perso tragicamente i genitori per mano del Joker che ha rievocato le celebri morti di Thomas e Martha Wayne, gassando i genitori di Duke con il suo letale gas esilarante.

DukeThomas03-600x354

Duke è ora un orfano, perso per le dure strade della città di Gotham e in questa serie fa gruppo comune con gli altri ragazzi perduti della città al fine di combattere l’ingiustizia, vendicare i torti subiti e difendere il prossimo da un destino perfino peggiore del loro.

Nascono quindi i Robins, una street gang di vigilantes che con il colore verde, rosso e oro sono uniti sotto il marchio della R di Robin, il celebre compagno meraviglia del pipistrello, le strade con il crociato nero sono sicuramente intersecate ma non solo con lui, anche con i letali criminali che Arkham non riesce a contenere.

Le avventure di Duke e del suo gruppo di ragazzi perduti è iniziato questo giugno in USA e il prossimo anno approderà in Italia sotto etichetta RW-Lion.

The_Leunam

The_Leunam

Infermiere di giorno (e di notte, e nelle feste, e nei weekend) e giustiziere blogger di notte. Si diletta nella scrittura di libri e fumetti con spruzzate di sceneggiatura.

There are 1 comments

  1. AgosRogger

    “The Robins”, sembra il nome di una sitcom afroamericana di successo. Divertente ^.^

Comments are closed.