Scommesse illegali dietro i tornei di StarCraft II in Corea

1089 2

 

Blizzard la conosciamo bene. Ogni gioco competitivo che realizza diventa la mecca dei pro gamer di tutto il mondo, specialmente in Corea, dove il gaming ti permette di portare il pane a casa e consente ai rispettivi figli di dire “Il mio papà gioca ai videogiochi”.

 

Girano un sacco di soldi intorno a questi tipi di videogames, cifre da capogiro. Parliamo di svariate migliaia di dollari per i giocatori più abili che, per lavoro, trascorrono anche 14/16 ore al giorno davanti al monitor, sempre sullo stesso gioco. E’ questo il caso di StarCraft II.

 

Recentemente sono stati arrestati diversi giocatori e rispettivi allenatori del suddetto gioco. La causa che li ha portati all’arresto e al ban a vita sarebbe la vendita di partire in cambio di denaro, alimentando il girone delle scommesse in Corea.

 

Non sono mancate le scuse della KeSPA sull’accaduto che ha promesso si impegnerà ancora di più affinchè simili episodi rimangano casi isolati.

 

 

Nel frattempo, ci deprimiamo pensando che persino i bambini coreani si massacrerebbero nonostante la loro giovane età.

 

Questo bambino coreano ti distrugge a occhi chiusi!
Questo bambino coreano ti distrugge a occhi chiusi!

 

Daniel Mars

Daniel Mars

Tanti anni sui videogiochi lo hanno convinto che non esiste niente di più importante del GAMEPLAY quando si parla di Gaming. Nonostante illustri capolavori moderni come Fallout 3 o il primo Dead Space, resta ancorato al passato con giochi come Earthworm Jim, Killer Istinct e Megaman X. E' anche fissato con gli X-Men, Donnie Darko e il Monopoly.

There are 2 comments

  1. Interessante! Sono successi episodi del genere anche su brood war. Comunque quali sono i giocatori e gli allenatori arrestati? E la fonte?

Comments are closed.