L.A. Noir remastered? Finalmente qualcosa di sensato

1164 0

Nelle scorse ore erano usciti alcuni rumor riguard l’approdo di L.A. Noire su Nintendo Switch. Avevo dato retta per metà alle considerazioni degli insider, anche perché Rockstar non è nota per fare remastered di giochi di scarso successo. Perchè il successo, L.A. Noire, non lo ha proprio raggiunto. E immeritatamente tra le altre cose.

Il fatto è che la creazione di Team Bondi è raffinata, sofisticata e tecnologicalmente inarrivabile. Uscito nel mese di maggio del 2011 nel pieno di quella che io chiamo “recessione creativa“, L.A. Noire stupì i giocatori più esigenti proponendo un’ avventura grafica esplorativa investigativa con un gameplay basato sulle capacità del giocatore. Tradotto: L.A. Noire era così verosimile che il giocatore aveva l’illusione di trovarsi davanti a persone in carne e ossa, potendone quindi decifrare stati d’animo ed emozioni, il tutto grazie a un complessissimo sistema di animazioni che all’epoca dava il meglio sui Personal Computer. A mio dire le animazioni di LA Noire non sono ancora state superate.

lanoire12screens09la-noire_screenshot_ps3_186_19516
Ritrovarsi davanti a espressioni facciali così complesse è ancora oggi qualcosa di incredibile

Il problema di L.A. Noire è quello di esser stato pubblicato nel momento sbagliato. Nel 2011 tutti pensavano a Call of Duty e a Battlefield 3 e il mercato si era scordato che cosa volessero dire i termini quali “avventura grafica“, “sperimentazione” e soprattutto “qualità“. Come spesso accade in questi casi, L.A. Noire era così avanti che non fu capito dal pubblico, vendette troppo poco e Team Bondi, responsabile dello sviluppo, venne chiusa definitivamente da una Rockstar infuriata (anche perché le tecnologie del gioco costarono tantissimo).

Coloro che apprezzarono il titolo della squadra Bondi trovarono un titolo inimitabile e soprattutto immediatamente distinguibile dalla massa di giochi presenti sul mercato. Tutt’oggi il nome L.A. Noire fa ancora scendere una lacrimuccia, sia per i bei ricordi che, soprattutto, per la consapevolezza di non poter mai vedere un seguito. Le cose però potrebbero cambiare giusto questa estate.

la-noire-3
Riconoscerei uno screenshot di L.A. Noire tra milioni

Nonostante abbia fatto poco successo e nonostante il pubblico che lo acclama e lo ricorda è sempre più piccolo, secondo alcuni insider non solo è in sviluppo una versione per Nintendo Switch rimasterizzata del titolo di Team Bondi, ma la stessa versione potrebbe arrivare anche sui televisori dei possessori di Xbox One e Playstation 4. Il tutto dovrebbe essere disponibile nel corso dell’estate 2017. In ogni caso le dichiarazioni degli insider sono ovviamente da prendere con le pinze, ma se fossero vere (e penso che in gran parte lo siano), il comportamento di Rockstar mi sorprenderebbe e non poco.

Creare una riedizione di L.A. Noire con un motore grafico aggiornato o almeno capace di arrivare alle prestazioni grafiche della versione Pc sulle comode console, permetterebbe sicuramente una nuova vita al titolo di Bondi anche perché, diciamocelo chiaro e tondo, il mercato è cambiato moltissimo. Il caso di Resident Evil 7 conferma un dato inequivocabile: il pubblico oggi giorno così come venti anni fa, sta iniziando ad apprezzare le avventure grafiche come genere di Elitè e votato alla sperimentazione più pura nonché alla narrativa più appassionante. Insomma: il 2017 sarebbe l’anno giusto per pubblicare un gioco come L.A. Noire il quale, probabilmente, sarà molto più apprezzato di quanto non lo fu nel 2011.

 


E’ però interessante notare che Rockstar si stia concentrando anche su Switch. Appena ho letto i rumors il mio pensiero è andato subito a immaginare un gameplay alternativo ottenuto proprio grazie alle funzionalità esclusive della nuova console di Nintendo. Immaginate di dover vagare per casa per trovare gli indizi del caso, di dover fare delle gesture con la modalità tablet di Switch o di dover addirittura interrogare persone reali per risolvere un caso. Insomma: le opportunità di gameplay con Switch si moltiplicano e non mi sorprenderei che Rockstar stia studiando un sistema per rendere ancora più intrigante il titolo della defunta Team Bondi.

In definitiva sono molto felice di un ritorno di L.A. Noire. Sono infatti tra coloro che l’hanno apprezzato e mi farebbe felice se la comunità videoludica riconoscesse i meriti di un team defunto e che riuscì a tutti gli effetti a creare una perla. In ogni caso, se non lo avete ancora fatto, semmai uscirà la remastered di L.A. Noire acquistatela: non ve ne pentirete.

 

la_noire_male_murder_girl_car_palms_police_21173_2560x10241
Si ritorna in scena!
Marco Masotina

Marco Masotina

Tosto come un Krogan, gli piace essere graffiante e provocante per scoprire cosa il lettore pensa dei suoi strani pensieri da filosofo videoludico. Adora i lupi, gli eventi atmosferici estremi, il romanticismo e Napoleone.