Play 2017: intervista a Gian Battista di ZombiE2.0

852 0

Al Play 2017 di Modena gli zombie non sono affatto mancati. La presenza dello stand di Zombitalian Run è stata corredata dagli immancabili zombie di ZombiE2.0, di cui Gian Battista Fiorani ne è l’esponente. Contrariamente a come si potrebbe pensare, ZombiE2.0 non è una associazione che accoglie i migliori zombie d’Italia per partecipare agli eventi zombie sparsi per il Bel Paese, bensì un Team ad Assetto Variabile (mi piace tantissimo questa definizione), che permette a ZombiE2.0 di essere flessibile e di fornire il miglior intrattenimento zombie nel modo giusto.

Nel corso dell’intervista Gian Battista ci ha spiegato come la creazione di uno zombie non sia soltanto una questione di buon trucco, ma una ricerca personale di un personaggio utile a intrattenere il pubblico e perché no: anche sè stessi. Gli zombie pertanto non sono tutti uguali e ogni interprete propone il suo modo di essere non-morto corredato solitamente da una storia o da un background artistico anche piuttosto pronunciato.

Nel corso del Play 2017 ZombiE2.0 ha dato prova della sua capacità di intrattenimento grazie alla collaborazione con Zombitalian Run, facendo divertire grandi e piccini in emozionanti sessioni di laser tag Umani vs Zombie. In ogni caso Gian Battista ci ha rivelato moltissime informazioni nel corso dell’intervista, sia riguardo al team che rappresenta che agli zombie in generale. Eccola qui di seguito proposta:

ZombiE2.0 su Facebook: https://www.facebook.com/ZombieE2.0/

 

 

Marco Masotina

Marco Masotina

Tosto come un Krogan, gli piace essere graffiante e provocante per scoprire cosa il lettore pensa dei suoi strani pensieri da filosofo videoludico. Adora i lupi, gli eventi atmosferici estremi, il romanticismo e Napoleone.