Cover CTRL-Z

CTRL-Z: recensione

2634 0

CTRL-Z è la combinazione di tasti usata nella quasi totalità dei software per indicare il comando “Annulla”, la funzionalità impiegata per revocare l’ultima azione eseguita, per esempio una parola digitata nel modo sbagliato in un word processor.

Supponete di poter applicare questo principio nel mondo reale grazie ad una semplice app: commettete uno sbaglio qualsiasi e per rimediare tutto ciò che dovete fare è prendere il vostro smartphone, premere una icona e rimediare alla scelta fatta in precedenza, compiendo quella giusta.

Adesso prendete Hugo Viennese, un ragazzo come tanti altri, vive con il padre scansafatiche e una zia fin troppo premurosa, il suo migliore amico è un tipo superficiale e lo mette continuamente in imbarazzo, studia informatica all’università, ma il professore lo detesta, sogna di creare una band musicale, ma non ritiene di avere le capacità per condurla al successo, è corteggiato da una adolescente manipolatrice e ricattatrice, commette una miriade di sbagli, scivola, inciampa, cade, viene picchiato di continuo, insomma è il classico nerd sfigato a cui piacerebbe molto dare una svolta alla sua vita. Fornitegli la sopracitata app e immaginate quello che potrebbe fare. Sembrerebbe meraviglioso, ma sarà veramente cosi? Hugo riuscirà a cambiare in positivo la sua vita o scoprirà che non è tutto oro quel che luccica?

Alessandra Alyah Patané ci fa immergere in una storia di intrattenimento dinamica, pimpante, priva di tempi morti e capace di far sorridere,  ma al tempo stesso in grado di far riflettere sulle responsabilità  delle proprio azioni, le conseguenze che ne possono derivare e sull’importanza dei propri errori.

I personaggi sono tutti ben caratterizzati, ognuno di loro ha un ruolo ben definito che è portato al compimento alla perfezione e sebbene alcuni possano dare l’impressione di ricalcare alcuni cliché, non cadono mai nei comuni stereotipi che si potrebbe temere di incontrare.

Sono presenti diversi omaggi alla cultura popolare odierna, tra cui segnaliamo quelli messi maggiormente in risalto: Super Mario, i Pokemon e Doctor Who, in particolare è interessante notare come il professore di informatica abbia una notevole somiglianza con David Tennant, l’attore che ha impersonificato sul piccolo schermo la decima incarnazione del Dottore.

Ottimi i disegni: la bravissima Alessandra fonda lo stile classico dei manga con quello dei cartoni animati americani, due correnti artistiche che hanno avuto una grande influenza sulla giovane autrice catanese, ma residente a Berlino e agli occhi dei più esperti non sarà difficile notare anche l’influenza di Brian Lee O’Malley , autore di Scott Pilgrim. Questo mix, abbinato ad un tratto netto e deciso, a colori vivaci e sgargianti e ad una sapiente costruzione delle tavole, porta ad un risultato dal notevole impatto visivo, tale da soddisfare anche i palati più esigenti.

In conclusione, CTRL-Z porta una ventata di aria fresca nel panorama fumettistico italiano ed è indubbiamente consigliato a chiunque, da coloro che vogliono leggere qualcosa di leggero a chi cerca di scavare nel profondo della storia. Vi ricordo che “Greyscale”, da quanto riportato nell’ intervista all’autrice che troverete al seguente link,  è il primo di una trilogia di volumi che vedranno continuare la storia di Hugo e dei suoi compagni di avventure.

Scheda

Autori: Alessandra “Alyah” Patanè
Formato: 17×26 cm, cartonato
Pagine: 128, a colori
Prezzo: Euro 14,00