Sarò alla Gamescom ed è incredibile

1317 0

Avrete già sicuramente letto una miriade di articoli dedicati alla più importante fiera videoludica d’Europa nonché la più grande fiera di settore del mondo. Voglio dire: la Gamescom in pochi anni ha letteralmente sbaragliato la concorrenza americana e nipponica con una formula vincente fatta di un pubblico totalmente libero di esplorare, centinaia di conferenze da presidiare e uno spazio espositivo grande quanto il paesello in cui vivo.

C’è però una grande differenza tra la Gamescom, l’E3 di Los Angeles e il Tokyo Games Show: se nelle fiere d’oltreoceano le grandi aziende tendono a esaltare il pubblico con conferenze all’ultimo grido, alla Gamescom tutto si riduce alla nuda e cruda “prova su strada“. Certo: anche qui non mancano le conferenze (tra oggi 20 agosto e domani 21 agosto ce ne saranno alcune molto appetitose), ma si tratteranno sicuramente di presentazioni più sobrie e meno hollywodiane rispetto alle controparti straniere. Perché alla fine è vero: noi europei abbiamo un modo tutto nostro di assaporare i videogames, ed è un gusto più rustico, vero, autentico. Insomma: la Gamescom è una vera fiera dedicata ai videogiochi e non un grande showroom dove i più ricchi fanno a gara per mostrare il nipote più viziato.

sarò alla gamescom koelmesse conferenze italia

Affermare le tre parole “sarò alla Gamescom” mi fa specie. Davvero. Per me è incredibile, irreale. Sarò davvero nella fiera più grande del mondo dedicata ai videogames. Sarò davvero in quel luogo sempre sognato e tanto desiderato. Sarò davvero tra Phil Spencer, Yoshida & Co. a discutere con loro di videogames. E sarò davvero lì, in vesti di giornalista per conto dei colori di Projectnerd, nella figura sempre sognata di “giornalista videoludico” che tanto ho desiderato di ricoprire nella mia passata adolescenza e che milioni di videogiocatori come me hanno sempre desiderato di interpretare.

Incredibile.

Certamente vi garantisco che cercheremo di provare più giochi possibili per servire a voi la miglior panoramica sulla fiera, ma sasrà tutto in stile PjN: molto personale, informale e selezionato. Giusto l’altro giorno il gentile staff della manifestazione teutonica ci ha inviato il fascicolo contenente la lista di tutti gli stand presenti in fiera: il plico di fogli supera le 40 pagine. Incredibile. Con una mole tale di contenuti è impossibile fare un coverage completo, ma sarebbe anche stupido farne uno. E’ invece molto più intelligente concentrarsi sui prodotti di più interesse per portarvi sul piatto d’argento i videogiochi del futuro più meritevoli del momento. Insomma: fidatevi di noi, sapremo sorprendervi.

sarò alla gamescom blizzard koelmesse presentazione
I contenuti presentati in fiera sono tantissimi: sarà dovere nostro selezionare i più meritevoli

Tuttavia, pensare alla Gamescom, alla sua grandezza e alla sua imponenza mi annichilisce. Dovete sapere che noi di Projectnerd abbiamo sempre creduto fino in fondo a quello che facevamo e scrivevamo. Abbiamo sempre dato fiducia a voi gentili lettori, con la certezza di essere capiti e compresi. Tuttavia mai ci saremmo immaginati di arrivare così in alto da poter partecipare, in veste di stampa, all’evento più importante d’Europa (e ormai del mondo), dedicato al videoludo. Questa è un’altra vittoria per PjN, per i siti internet alternativi come il nostro e tanti altri simili al nostro e per il pubblico esigente e qualitativo che ogni giorno chiede alla rete contenuti di uno spessore più rilevante. Sono e siamo davvero felici di partecipare alla fiera tedesca e mi scuso in anticipo se i futuri articoli dedicati non “saranno abbastanza”. Noi ci impegneremo a fondo e come vergini di questa esperienza, cercheremo di divertirci a più non posso.

Perché il modo migliore di raccontare i videogiochi non è facendolo dietro una scrivania a divulgare comunicati stampa. Il modo migliore per raccontare i videogiochi è vivere i videogiochi assieme ai loro protagonisti ed è quello che faremo durante la Gamescom ed è quello che sempre abbiamo fatto e sempre continueremo a fare.

Per voi.

E per noi.

A ecco: prima di cominciare a parlare dei piatti prelibati della fiera, dovete sapere che anche quest’anno AESVI, l’Associazione Editori Sviluppatori Videogiochi Italiani, ha investito risorse per la promozione dei prodotti videoludici italiani nella fiera germanica. Non possiamo che essere felici di veder rappresentato il nostro paese e la nostra cultura nella fiera videoludica più grande al mondo, pertanto vi invito a guardare il trailer di seguito proposto contenente tutti i titoli italiani presenti in fiera. Buona visione!

COSA MI ASPETTO

  • Microsoft

Quindi, cosa mi aspetto da questa Gamescom 2017? Oltre a piangere dalla commozione all’entrata in fiera (con conseguenti e probabili dimostrazioni di affetto dagli psicologi dello staff tedesco), mi aspetto molto da questa nuova edizione. Innanzitutto nutro aspettative per Xbox One X, la nuova arrivata di Microsoft. Prevista per il prossimo 7 novembre, offre una potenza di calcolo impareggiabile che promette di sovrastare il dominio hardware di Sony che da quasi quattro anni avanza inarrestabile. Tuttavia non è tanto la console stessa a farmi gola, bensì la volontà di Microsoft di entrare letteralmente in conflitto con l’operativo di Tokyo offrendo la miglior concorrenza possibile. E si sà: quando in un mercato la concorrenza è forte, i consumatori, cioè noi, ne giovano.

A tal proposito mi aspetto una Microsoft in grande forma, capace di mostrare i muscoli e la validità dei suoi accordi commerciali tirati a lustro in questi mesi di gestazione e annunci di nuovi giochi a volontà o quanto meno la certezza di poter metter le mani su un prodotto ben assemblato anche a livello software. Insomma: vorrei che Microsoft mi desse una giusta motivazione per acquistare la sua nuova console e spero tanto che me ne dia una che non sia esclusivamente 4K@60FPS per giochi di vecchia generazione. In prova, di saliente, ci saranno Forza Motorsport 7, Crackdown 3, Sea of Thives, Cuphead e poco altro, giusto quello portato all’E3 2017.

sarò alla gamescom project scorpio xbox one x
In rete sono spuntate scatole di Xbox One X “Scorpio Edition”, una sorta di edizione speciale della nuova consome di M$. Chissà se la vedremo davvero sul mercato..
  • Sony

Sony non ha bisogno della Gamescom. Il mercato europeo è tradizionalmente votato alle console nipponiche, motivo per cui Yoshida non ha mai fatto grande voce nel corso della fiera tedesca. Insomma: vi è davvero bisogno di gridare quando tutti ti ascoltano? In ogni caso: Sony non ha organizzato una conferenza stampa, motivo per cui non ha nulla di nuovo da presentare. In fiera però ha allestito un suo spazio, ove è possibile tastare con mano Uncharted: L’eredità Perduta (titolo di cui ho una certa aspettativa), Gran Turismo Sport (che sinceramente non mi attira), e il già fantomatico Detroit Becom Human. Quest’ultimo, lavorato da Quantic Dream e quindi da David Cage in persona, è un gioco che attendo quanto l’avvenuta del messia. Le avventure grafiche “Made in Cage” sono sempre state da me molto apprezzate e considerando il fatto che Detroit Becom Human è basato sulla tech demo “Kara“, una delle più sbalorditive dimostrazioni di potenza tecnologica, non può che farmi impazzire. Capolavoro annunciato, sicuramente.

Non sembrano esserci invece progetti per una massiccia promozione di Plasytation 4 PRO: a tal proposito è difficile prevedere come si comporterà Sony nell’immediato futuro, sebbene il Price Drop della console potenziata sia ormai scontato.

sarò alla gamescom detroit become human
Mi fa impazzire
  • Nintendo

Alla pari di Sony, nemmeno Nintendo ha realmente bisogno di farsi pubblicità alla Gamescom. Ecco perché nel corso dell’evento teutonico porterà pochi contenuti, tra cui il molto atteso  Super Mario Odyssey. Il nuovo “Open World” della casa di Miyamoto promette grandi faville per tutti i possessori di Nintendo Switch, console che attualmente sta letteralmente volando sul mercato (di recente ha sorpassato le vendite di Xbox One e Playstation 4). Sinceramente è un titolo che attendo moltissimo, sebbene sappia già che cosa mi attenda. I giochi Nintendo sono infatti molto prevedibili e forse piacciono proprio per questo motivo. Tuttavia non nego il fatto che il mio hype sia alle stelle e non vedo l’ora di provarlo.

sarò alla gamescom super mario odyssey gamescom switch
Scorazzare in città nelle vesti di Mario? Un vero spasso!
  • Tutti gli Altri

Ok, è paradossale, ma la grande maggioranza degli stand presenti in Gamescom offrono qualcosa che le tre grandi aziende prima citate non possono effettivamente dare. Tra le 44 pagine di stand abbiamo trovato di tutto e sarà estremamente interessante osservare la concorrenza delle tantissime software presenti far capolino sulle teste dei videogiochi. Perché è vero: la Gamescom è la festa, la fiera, delle Software House e non dei grandi publisher. Non ho ancora citato EA Games: nel corso della fiera mi aspetto di provare la prima grande espansione di Battlefield 1 nonché il già attraente Battlefront 2. Ci sarebbe anche il nuovo Need for Speed da spulciare, ma non voglio dilungarmi in giudizi affrettati. Anthem invece, il nuovo grande progetto di Bioware, sarà presente nella sola forma di videogameplay. Peccato.

Da Ubisoft mi aspetto una corposa anteprima di Assassin’s Creed Origins, che sinceramente mi fa svenire, sia per ambientazione di gioco che per impronta di gameplay impostata, e il già da me osannato Far Cry 5: adoro i videogiochi che trattano della decadenza statunitense e mi aspetto qualcosa di simile a Bioshock Infinite (si, so che state pensando che nulla è comparabile a Infinite, ma sperare non nuoce a nessuno). Per quello che mi riguarda, do fiducia totale a Ubisoft per questa nuova stagione videoludica: è una software house rinata, che ha imparato dai suoi errori e che è pronta a ritornare alle origini qualitative di un tempo.

Ah si: ci sarebbe anche The Crew 2 da provare, ma dopo la mezza ciofeca del primo capitolo sarà molto difficile per i mangiabaguette convincermi alla prova (e all’acquisto) della loro seconda creazione corsistica a impianto MMO.

sarò alla gamescom anubi assassin's creed origins
Già questo Artwork dice tutto su quello che sarà il gioco (e quella maschera di Anubi è fichissima)

Da segnalare, altrimenti @Zenon mi uccide se non lo faccio, è la presenza di ArenaNet con il suo gargantuesco Guild Wars 2 in procinto di ricevere una nuova grande espansione e un grande major update a settembre, mentre a contrapporsi all’MMO “free to play” più quotato del momento ci sarà Wargaming.net che presenterà nuovi contenuti sulla base del suo World of Tanks (popolarissimo nel nord europa).

Ci sarà anche Activision con Destiny 2 e Call of Duty WWII, ma sapete già come la penso. Non ho assolutamente aspettative per entrambi i titoli, già pregiudicati da me come “evitabili”. Tuttavia avere dei pregiudizi non è mai saggio e anzi, è sbagliato e si: lo ammetto. Tuttavia sono rimasto molto scottato dal primo Destiny, mentre Call of Duty non mi è mai stato davvero simpatico: staremo a vedere.

sarò alla gamescom call of duty wwii
Nonostante questi screenshots siano molto evocativi, fanno capire anche quanto CoD non sia cambiato affatto: illuminazione basilare, staticità degli ambienti, texture appena passabili sono ancora i marchi di fabbrica. Purtroppo.

Da segnalare è invece la presenza di THQ Nordic, la neonata società austriaca basata sulle ceneri della compianta THQ, che in fiera presenterà Biomutant, un videogioco post-apocalittico con protagonista un soffice e peloso gatto mutante che sembra ricalcare le gesta di Aloy in Horizon: Zero Down (tant’è che il font del titolo è letteralmente il medesimo). Sempre degni di nota vi sono Nino Kuni II, il leggendario Shemnue 3 (probabilmente testabile in fiera), The Evil Within 2, Wolfestein: The New Colossus e Project Cars 2. Ok: c’è molto altro da vedere in fiera, ma come vi ho già anticipato “la selezione è la base della ricerca della qualità“.

sarò alla gamescom biomutant thq nordic
IO VOGLIO QUEL GATTO!

Devo dirlo: con titoli di questo genere ci sarà davvero da divertirsi e difficilmente ne usciremo delusi. L’autunno presto in arrivo e il 2018 si preannunciano stagioni di fuoco e fiamme per tutti gli appassionati del videoludo: i migliori videogiochi di questa generazione stanno arrivando soltanto adesso.

Tenetevi pronti.

sarò alla gamescom battlefront 2
No: non è una foto, ma uno screenshot di Star Wars: Battlefront 2; da leccarsi i baffi!

 

 

Marco Masotina

Tosto come un Krogan, gli piace essere graffiante e provocante per scoprire cosa il lettore pensa dei suoi strani pensieri da filosofo videoludico. Adora i lupi, gli eventi atmosferici estremi, il romanticismo e Napoleone.