Bond 25, il presunto regista e l'attore Daniel Craig

Bond 25: arriva la conferma del regista? Villeneuve era il prescelto di Craig, Nolan ha appena declinato, ora per Bond 25 si profila Danny Boyle, che sembra già una certezza.

5923 0

Il progetto di Bond 25 diventa sempre più delineato

Daniel Craig è la principale conferma del Bond 25. MGM ed Eon stanno cercando il prossimo regista a cui affidare la direzione del film e il principale candidato è Danny Boyle, regista di The Millionaire, anche se le fonti ufficiali non riportano l’avvenimento di un’offerta. Ultimamente le voci sul prossimo regista del film si sono fatte più frequenti, andando a sollecitare anche il candidato all’Oscar Christopher Nolan.

Boyle ha un forte interesse per il progetto e ha sempre voluto dirigere un film di James Bond. Attualmente sta sviluppando un progetto per Working Title, ma essendo ancora senza cast, c’è la possibilità di posticiparlo per dare la precedenza a 007, anche a seguito dei precedenti interessamenti delle major, che lo considerarono per la regia di Spectre e Skyfall.

Indiscrezioni avrebbero citato Yann Demange come un super candidato alla regia del Bond 25, ma a quanto pare le due case produttrici avrebbero sterzato per Boyle, decisamente più quotato.

Il regista, non ancora ufficializzato, dovrà vedersela non solo con un colosso del cinema come 007, ma anche col lascito di Sam Mendes, che incassato quasi $ 1,9 miliardi a livello globale. Finito il ciclo Mendes, i produttori stanno cercando di capire la cosa più importante: che direzione prenderà il franchise? Poco ma sicuro, sia sulla scelta del regista, che fino a poco tempo fa sembrava essere Villeneuve, che sul destino narrativo della saga, chi avrà più voce in capitolo sarà proprio Daniel Craig.

Fonte: Variety

Francesco Paolo Lepore

Francesco Paolo Lepore

Redattore presso PJN e CinemaTown, laureato in Nuove Tecnologie dell'Arte, studente di Social Media Marketing. Il cinema è una costante della sua vita. Ha scritto e diretto diversi progetti per le università e il territorio. Amante dei mass media, ne studia minuziosamente i meccanismi utili alla comunicazione emozionale. Scrive da sempre, osserva da sempre, ricorda tutto da sempre.