Intervista a Marco Lopez: Sceneggiatore del Luchaverse Abbiamo avuto la possibilità di parlare con uno degli autori dello strano universo a fumetti di Chido Comics

4859 0

Qualche tempo fa vi abbiamo parlato di una curiosa pubblicazione a fumetti, un numero One Shot dedicato alle avventure dell’amatissimo Wrestler Rey Mysterio Jr, numero di Chido Comics che farà da apripista ad un universo che prenderà il nome di Luchaverse

Noi di PJN abbiamo avuto la possibilità di scambiare 4 chiacchiere con uno dei co-sceneggiatori del progetto, Marco Lopez, che ringraziamo del tempo che ci ha dedicato.


Come hai scoperto la tua passione per il mondo del fumetto?
Ho iniziato a leggere fumetti negli anni ’80, il che la dice lunga sulla mia età. Il fumetto che ha avuto un grande impatto su di me è stato Marvel Comics Presents 52, dove c’era un cattivo chiamato Wild Child, vedere un personaggio cosi folle prendere in giro Heather Hudson di Alpha Flight ha avuto un grande impatto sulla mia giovane mente impressionabile. Ero già un fan degli X-Man, ma è probabile che quella storia sia la pietra che ha cementato il mio amore per loro. I fumetti per me sono come respirare, li leggerò e creerò fino al giorno in cui morirò


Rey Misterio #1 le tavole in anteprima


Qual è la tua principale fonte di ispirazione?

È difficile da rispondere. Penso che sia il frutto di tutto quello che consumo, dai fumetti ai film, passando per i libri e dal mio amore per la scienza e la tecnologia, di persone a cui mi ispiro posso nominarne tantissime, per dirtene solo un piccolo gruppo sono Satoshi Kon, Mamoru Hosoda, Rumiko Takahashi, Miyazaki, Rick Remender, Grant Morrison, Go Nagai e Shotaro Ishinomori e questo è solo per nominare un piccolo numero di persone di cui amo il lavoro. Uno dei miei libri preferiti, e fonte di ispirazione per me sin dalla mia prima lettura è Childhoods End ( da noi uscito come Le guide del tramonto) scritto da Arthur C. Clarke

Come è nata l’idea di Luchaverse?

È un progetto che Kevin Kleinrock e il suo partner di Masked Republic hanno sempre perseguito. Alla fine hanno cercato Ivan Plaza il proprietario di Chido Comics a causa del lavoro che ha fatto con El Rey sui libri di Lucha Underground e del suo fumetto con Joey Ryan. Lavoravo in un negozio di fumetti di cui Ivan era co-proprietario e alla fine diventammo buoni amici. Una notte mi ha detto cosa stava facendo e gli ho detto che ero interessato. Sapeva di alcuni dei lavori che svolgevo e del libro che stavo facendo con Lion Forge (Puerto Rico Strong).  Mi sono divertito molto con lui a creare questo pazzo mondo e continuiamo a divertirci da allora. Ogni volte che mettiamo un libro in stampa, con tutta la follia che contiene ne vale la pena. Devi amare l’idea di una story-line dedicata al mondo dei Wrestler, una combinazione perfetta.


Quali saranno i prossimi protagonisti dopo Rey Mysterio?

Il prossimo albo sarà Lucha Brothers con protagonisti Penta Zero M e Rey Fenix. La premiere è fissata alla fine di questo mese all’Expo Lucha di Las Vegas. Sarà disponibile alla fiera e online tramite https://luchaverse.bigcartel.com e poco dopo su Comixology e negli altri punti vendita partecipanti. Il mio elevator pitch per i lettori di Lucha Brothers sarebbe Double Dragon che incontra A Chinese Ghost Story. È una lettera d’amore per i beat’em up, giochi di combattimento e cinema di Hong Kong. Il lavoro fatto dall’artista Javier Caba e dall’autore Micah è fantastico, onestamente non credo che troverete un altro fumetto action come questo.

Quali sono i tuoi piani per il futuro?

Abbiamo in cantiere altri 3 one-shot per la linea Luchaverse, da pubblicare dopo Lucha Brothers, se tutto va secondo i piani nel 2019 ne avremo altri ancora. Per quanto riguarda il mio futuro, sto lavorando a qualche progetto per cinema e televisione, opera che vorrei continuare e dei fumetti creator-owned che vorrei far decollare. Adoro la narrazione,  soprattutto nel medium del fumetto, voglio raccontare delle belle storie, che le persone possano apprezzare e che possano avere su di loro un buon impatto. Penso che sia la speranza di ogni creativo. 


Ringraziamo nuovamente Marco Lopez per il tempo che ha voluto dedicarci e gli auguriamo buona fortuna per i suoi prossimi progetti

 

 

 

Marcello Portolan

Uno strano mix genetico sperimentale allevato a fumetti & fantascienza classica, plasmato dal mondo dell'informatica e della tecnologia, ma con la passione per la scrittura. Un ghiottone che adora esplorare il mondo in cerca di Serie TV e pellicole da guardare noncurante dei pericoli del Trash e dello splatter. un vero e proprio globetrotter del mondo NERD