Justice League Dark

Justice League Dark riscrive la storia della magia nell’universo DC Il primo numero della serie approfondisce le origini di questo potere e presenta i suoi proprietari originali: gli Otherkind

5429 0

ATTENZIONE SPOILER: Il seguente articolo contiene SPOILER su Justice League Dark #1, attualmente in vendita negli Stati Uniti

Justice League Dark riscrive la storia della magia nell’universo DC Comics. Il primo numero della nuova serie approfondisce le origini di questo potere e il modo in cui si è manifestato in tutta la galassia.

Fino ad oggi gli autori DC hanno spesso giocato con la stessa definizione di magia, a volte trattandola come una scienza più evoluta, altre presentandola come un potere mistico a tutti gli effetti. Di certo si tratta di qualcosa che l’homo magi (come viene chiamata nell’universo DC la specie di umani uniti alla magia) è in grado di utilizzare, ma la sua origine non è mai stata veramente definita in modo coerente.

Nuovi e importanti dettagli su questo fondamentale aspetto dell’universo DC ci vengono ora forniti da Justice League Dark #1, attualmente in vendita negli Stati Uniti. L’albo è scritto da James Tynion IV con disegni di Alvaro Martinez e Raul Fernandez, che realizzano anche la copertina regolare. A firmare la variant cover sono invece Jonathan Glapion e Greg Capullo. Ai colori del primo numero troviamo Brad Anderson, con lettering originale di Rob Leigh.

La trama della serie vede il mondo della magia nel caos. Questo spinge Wonder Woman a reclutare un nuovo team della Justice League Dark, anche perchè più di un mago di Themyscira crede che sia suo compito salvaguardare la magia. Senza dimenticare che la sua stessa divinità è legata al potere etereo.

Diana Prince cerca di arruolare nel team Zatanna, ma questa rifiuta l’invito perché non pensa possa aiutarla a trovare le risposte che sta cercando. In seguito l’albo presenta una vasta gamma di personaggi intenti a cercare di capire cosa stia accadendo nel mondo della magia.

Jason Blood, la forma umana di Etrigan il Demone, ospita una gruppo di eroi e villain, tra cui lo Straniero Fantasma, Klarion, Morgaine le Fay a Deadman, per fare il punto della situazione. Blood non crede che i supereroi “della luce” (come la Justice League) possano risolvere un problema che riguarda invece la parte oscura della magia, quindi si è assunto il compito di riunire il proprio gruppo per capire cosa sia successo.

Nel frattempo Wonder Woman segue la pista “scientifica” per scoprire la causa del caos in cui è precipatato il mondo della magia. Insieme a Man-Bat (un redento Kirk Langstrom) e Detective Chimp (il nuovo Nightmaster) ritiene che la recente violazione del Muro della Fonte, avvenuta in No Justice, abbia permesso all’Anti-Energia (o Energia Oscura) di penetrare nel mondo, avvelenando così la magia.

Justice League Dark Zatara Zatanna

Mentre tutti elaborano le proprie teorie, Zatanna scopre la verità. Come abbiamo già visto qui, mentre si trova con Swamp Thing viene raggiunta dallo spettro del padre, John Zatara, apparso attraverso l’Albero della Magia. Il mago dice alla figlia di aver cercato per tutta la sua vita di prepararla a una terribile minaccia, qualcosa o qualcuno che sta tornando per reclamare ciò gli appartiene.

Lo spettro di Zatara avverte infatti la figlia che “i proprietari originali della magia stanno arrivando” per riprendersi il loro potere, e nessuno nella comunità magica sarà in grado di ostacolarli. Sono gli Otherkind, che hanno inviato sulla terra il loro primo emissario, The Upside Down Man. Zatara conferma che la magia era semplicemente “in prestito”, ma non è chiaro se in origine fosse utilizzata a fin di bene.

Non sappiamo se, nel remoto passato, l’homo magi abbia combattuto per ottenere la magia contro la volontà dei suoi proprietari. Certamente il prosieguo di Justice League Dark potrà rivelarci maggiori informazioni sugli Otherkind e sul modo in cui sono legati alla storia di personaggi come Shazam (e con la Roccia dell’Eternità) o Dottor Fate.

La nuova serie, dunque, sta riscrivendo la storia della magia nell’universo DC. Resta da scoprire quanto siano adirati i suoi proprietari originali, dopo che questo potere non è stato usato secondo il loro volere.

Fonte: CBR

Roberto Iacopini

Roberto Iacopini

Classe 1984, insegnante, giornalista, sta ancora cercando di espandere il suo cosmo per raggiungere il settimo senso... ma si accontenterebbe del quinto e mezzo