festival di cannes projectnerd.it

Festival di Cannes 2019: Nadine Labaki nominata della sezione Un Certain Regard La regista libanese prenderà il posto lasciato da Benicio Del Toro, presidente della medesima sezione durante l'edizione scorsa.

3695 2

La regista che ha segnato i cuori e le menti degli ultimi Festival di Cannes con Cafarnao, Premio della Giuria 2018, nominato ai Golden Globes e agli Oscar, sarà il presidente della giuria Un Certain Regard del 72 ° edizione del Festival. Il regista libanese Nadine Labaki succederà a Benicio Del Toro.

In tre lungometraggi, Nadine Labaki ha raggiunto fama internazionale, dal red carpet del Festival di Cannes agli Oscar pochi mesi fa. Regista e sceneggiatrice e anche lei attrice, è nata sulla Croisette e qui ha presentato tutti i suoi film.

Ricordo quando venni a Cannes come studentessa di cinema, desiderosa di scoprire il festival più prestigioso del mondo! A quel tempo, questo mondo mi sembrava inaccessibile. Ricordo i risvegli mattutini e le code infinite per ottenere un biglietto. Quindici anni fa, come se fosse ieri, ho riempito di angoscia e spero che la carta di ammissione al Festival Cinefondation di Cannes.

Oggi, qui sono Presidentessa della giuria Un Certain Regard: la vita a volte porta più dei sogni. Non vedo l’ora di scoprire i film della selezione. Non vedo l’ora di discutere, di scambiare, di essere scosso, di trovare ispirazione nello scoprire il lavoro di altri artisti.

Dopo aver studiato audiovisivo all’Università di Beirut, firma pubblicità e video musicali, spesso premiati. Nel 2004, ha partecipato alla Cinéfondation Résidence del Festival di Cannes per la scrittura e lo sviluppo di Carmelo, il suo primo lungometraggio, che gira due anni più tardi, ed è presentato alla Quinzaine des réalisateurs nel 2007. Distribuito in tutto il mondo, questa ode gioiosa impertinente alla solidarietà delle donne diventa il più grande successo del cinema libanese all’estero. Nadine Labaki continua ad esplorare i temi dello status delle donne e le tensioni religiose con E ora dove andiamo?, una fiaba audace e universale sulla tolleranza presentata a Un Certain Regard nel 2011.

Nel 2018, Nadine Labaki entra in competizione con il potente e commovente Cafarnao. Questo commovente manifesto sull’infanzia danneggiata, i profughi e le colpe di una società che nega la sua umanità sconvolge la Croisette. Nadine Labaki vince il Premio della Giuria, presieduto da Cate Blanchett, e parla al fianco del suo giovane attore, Zain Al Rafeea, un rifugiato siriano, un discorso che è stato ricordato. Nominato ai Golden Globe e Oscar come miglior film straniero, Capharnaüm ha fatto del regista libanese la prima donna del mondo arabo nominata in questa categoria. Un Certain Regard inizierà le sue sessioni mercoledì 15 maggio, con la presentazione della giuria, la sera, il giorno dopo l’apertura della 72 ° edizione del Festival di Cannes, martedì 14 maggio. I premi Un Certain Regard saranno annunciati venerdì 24 maggio.

LEGGI ANCHE: Cafarnao – rilasciati il poster e il trailer del film di Nadine Labaki, distribuito da Lucky Red

Francesco Paolo Lepore

Francesco Paolo Lepore

Redattore presso PJN e CinemaTown, laureato in Nuove Tecnologie dell'Arte, studente di Social Media Marketing. Il cinema è una costante della sua vita. Ha scritto e diretto diversi progetti per le università e il territorio. Amante dei mass media, ne studia minuziosamente i meccanismi utili alla comunicazione emozionale. Scrive da sempre, osserva da sempre, ricorda tutto da sempre.